Spranga e pistola in tabaccheria: presa baby gang, è caccia al complice

Arrestati un 35enne e un 19enne di Ugento, incastrati da indumenti e filmati: sono i presunti autori del tentato colpo a Scorrano

Uno dei fotogrammi estratti dalle videocamere.

SCORRANO – Due giovani rapinatori in manette, accusati del colpo tentato lo scorso 23 gennaio in una tabaccheria di Scorrano. Marco Casciaro, 35enne di Ugento e un suo compaesano, Salvatore De Gaetani, di appena 19 anni, sono stati ammanettati questa mattina dai carabinieri magliesi, guidati dal capitano Giorgio Antonielli. Un terzo ragazzo è tuttora ricercato. I due, di cui uno armato di pistola e l’altro di una spranga, hanno minacciato la titolare della rivendita, dopo l’irruzione, costringendola sotto la minaccia dell’arma a consegnare l’incasso.

CASCIARO MARCO-2La vittima, senza opporre resistenza, ha indicato loro il cassetto nel quale erano custoditi i soldi. Ma, nel frattempo, ha però attivato il pulsante anti rapina, costringendoli alla fuga. I militari della stazione di Scorrano e della sezione operativa di Maglie, giunti immediatamente sul posto, hanno acquisito i filmati delle telecamere di sorveglianza presenti nelle vie limitrofe.  Quei fotogrammi hanno consentito di ricostruire un identikit dei tre malviventi, compreso quello che ha funto da autista e che era rimasto all’esterno della tabaccheria a mo’ di “palo”.

BABY GANG MAGLIE 2-2Un residente, peraltro, dopo l’accaduto ha inseguito la banda, ma i malviventi si sono dileguati minacciandolo con la pistola, fino a farlo desistere. Casciaro, secondo la ricostruzione degli inquirenti, avrebbe cercato poi di indirizzare le ricerche verso degli individui di nazionalità bulgara, rilasciando dichiarazioni palesemente false. Invece, tramite i contatti telefonici, i carabinieri sono riusciti a identificare le auto usate per la rapina. Il confronto con gli identikit degli altri due complici ha fatto poi il resto: sono infatti risaliti a De Gaetani e al terzo individuo non ancora trovato.

DE GAETANI SALVATORE-2Con la collaborazione dei militari casaranesi, i militari hanno trovato la prova schiacciante del coinvolgimento della bagy gang: durante la perquisizione poco dopo il colpo, infatti, sono spuntati indumenti e passamontagna rinvenuti in casa dei due arrestati. I due sono stati ristretti ai domiciliari mentre  il terzo complice, al momento irreperibile, è attualmente ricercato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Carabiniere e “Le Iene” sott’accusa, chiesti 100mila euro di risarcimento

  • Spaccio di droga: in 14 a processo. Tra loro l’imprenditore dei vini Gilberto Maci

  • Due valigie piene di “erba”: i viaggi della droga dell’insospettabile corriere

  • Ladri violano una casa e trovano 10mila euro in una borsa e gioielli

  • Buco sul muro del negozio di abbigliamento nel centro commerciale: il furto fallisce

Torna su
LeccePrima è in caricamento