Bimbi di 3 anni trascinati per terra tra botte e insulti: anche maestra salentina in manette

Una 52enne del Gallipolino arrestata assieme a tre colleghe: ha insegnato con un contratto a tempo determinato nella scuola “Montessori” di Capurso lo scorso anno

Un fotogramma dal video diramato dall'Arma.

GALLIPOLI – A tutto farebbe pensare, fuorché alla pedagogia del metodo “Montessori”, che peraltro era il nome dell’istituto. C’è anche una maestra salentina tra le quattro finite agli arresti domiciliari nelle ultime ore per presunti maltrattamenti sugli scolari di appena tre anni.  Si tratta di L.M., 52enne di un paese del Gallipolino, fermata dai carabinieri di Capurso, in provincia di Bari con l’accusa di maltrattamenti sui bambini. I carabinieri del comando provinciale barese, infatti, hanno eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare, nelle ultime ore, emesse dal gip del tribunale del capoluogo pugliese a seguito di un'indagine condotta dal mese di dicembre del 2017 fino alla primavera di quest'anno.

Assieme alla 52enne del Tacco, nei guai anche M.L sessantatreenne, B.N. quarantasettenne, V.A quarantanovenne, originarie della provincia di Bari. La docente salentina ha insegnato per un anno scolastico, quello scorso, con un contratto precario a tempo determinato, nella scuola materna “Montessori” della cittadina dell’hinterland barese. Assieme alle altre tre colleghe, è stata ritenuta responsabile di gravi maltrattamenti sui piccoli allievi, tutti di età di tre anni. I militari del posto, coordinati dalla Procura della Repubblica di Bari,  hanno  accertato e verificato che le quattro maestre, sia autonomamente, altre volte in concorso, avrebbero intrapreso azioni dolorose e mortificanti sui bambini, con comportamenti vessatori e violenti nei loro confronti. Le maestre minacciavano i bambini, intimorendoli che: “Sarebbero stati legati con la corda, che avrebbero avuto le botte – che sarebbe stato portato in caserma dai carabinieri dove un cane gli avrebbe dato un morso”, oltre a mortificarli  platealmente, ed offendendoli con frasi: ”monelli, cattivi, scostumati, maleducati, monellaccio di strada, rimbambiti, pappamolli”.

Il video: piccoli scolari offesi e umiliati a soli tre anni

Oltre agli insulti sistematici, i bambini avrebbero subito anche spintoni, strattoni e, in alcuni episodi, sarebbero persino stati trascinati sul pavimenti e picchiati con schiaffi a braccia e viso. E non è tutto. Tra le punizioni emerse durante l’attività investigativa dell’Arma, i bimbi sarebbero stati anche costretti a restare in un angolo dell’aula, col volto rivolto al muro e le mani dietro alla schiena, a volte anche per periodi piuttosto prolungati. Ora sono in corso ulteriori indagini, per accertare ogni singola responsabilità delle quattro docenti coinvolte nella vicenda. Saranno ascoltate altre testimonianze per ricostruire, con certezza, la sequenza degli episodi violenti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (34)

  • Vorrei sapere proprio quante persone che commentano sono maestri d'asilo! Perché si vede che in una scuola come lavoratori non avete mai messo piede. Educare vuole dire anche far capire di aver sbagliato e non tutti i bambini lo capiscono con la dolcezza e il sorriso. Alle volte purtroppo ci vuole la sculacciata perché mettono in atto comportamenti pericolosi per loro stessi e per gli altri bambini. O pensiamo di educare solo con parole dolci e merendine. Non lamentiamoci poi se qualcuno di questi bambini diventerà maleducato e delinquente da adulto. Ciò non vuol dire che bisogna difendere un docente violento a prescindere ma va visto caso per caso

    • Ha mai pensato di scrivere un testo a riguardo? Sembra veramente preparato in scienze dell'educazione ed educazione infantile. Attendo con ansia il giorno della pubblicazione.

    • La sculacciata, non troppo violenta, o sulle mani ci può stare, ma non sbatti la testa sul tavolo! Faresti fare tutto questo a tua figlia? Io ne ho una in prima elementare, ha 5 anni, e se le facessero una cosa del genere... non so se tornerebbero a casa loro!

      • Avatar anonimo di abc abcd
        abc abcd

        Giustizia fai da te.. non va bene..

  • Questi sono i casi in cui si dovrebbe sbattere NOME E FOTO in prima pagina! Qui, dove la condanna è matematica, ci vogliono nomi, cognomi e pure l'indirizzo di casa, non sui fatti in cui ci deve essere un giudizio e tanto da provare!

    • Avatar anonimo di abc abcd
      abc abcd

      NOME E FOTO in prima pagina a che pro? Sempre per il suo pensiero di Giustizia fai da te? "Qui dove la condanna è matematica"..presumo lei sia un giudice..o un mago?

      • Il video è chiaro e la verità lampante! Se qui non c'è condanna... chiudiamo i tribunali! In altri casi, rivelatisi BUFALE, sono state pubblicate le generalità.

  • "Non si può educare se non si ama." SAN FILIPPO SMALDONE

  • Sedute psicologiche trimestrali obbligatorie e un settimana di stop dal lavoro. Telecamere obbligatorie nelle aule e nelle aree comuni fino alla fine delle elementari.... E per chi sgarra ancora...lasciatele ai genitori, si pentiranno di tutto e subito.

    • Se ho ben capito il tuo pensiero, risolveresti questi casi con una settimana di sospensione dal lavoro e se poi sgarrano ancora le affideresti ai genitori? Si vede chiaramente che non hai figli o nipoti di tre anni. E' pura follia lasciarle ancora a contatto con bimbi inermi, la loro natura è quella e pensieri come il tuo, renderebbero complici chi ha l'onere di attuarli.

      • No. Quello che ho scritto io servirebbe come prevenzione per impedire nuovi episodi...il resto è solo una provocazione! è ovvio che andrebbero allontanate immediatamente dal posto di lavoro e condotte agli arresti.

  • Poi dicono che lavoro non ce ne e poi sentì queste cose che ti fanno gelare il sangue e fa venire una rabbia infinita per questi personaggi che persone non si possono chiamare e neanche animali perché l’animale è più intelligente dell’uomo. Comunque io mi farei giustizia da solo e poi vedrei se si potevano più permettere di alzare ancora le mani contro dei bambini indifesi e la cosa che mi fa più rabbia è che purtroppo i bambini lo porteranno con se anche da adulti essere stati maltrattati. Solidarietà alle Famiglie.

  • io a sta gente gli darei il carcere a vita. Ma si possono almeno inasprire pesantemente le pene per maltrattamenti sui bambini?

  • certi individui non meritano arresti domiciliari,meritano di restare in cella d'isolamento.

  • Per gli Uomini : No alla violenza sulle donne ! Per le Donne : NO ALLA VIOLENZA SUI BAMBINI ! Si fa tanta propaganda per difendere le donne e poi in questi casi sono quasi sempre donne che insegnano la violenza.... Coloro che dovrebbero essere piu sensibili rispetto agli uomini

  • Senza parole!!!

  • Al di la della gravità dei fatti, vi chiedo se nominare sempre Gallipoli, anche se non centra nulla,porta più lettori.

    • Avatar anonimo di abc abcd
      abc abcd

      Se nota bene c'è scritto "..di un paese Gallipolino.." questo ovviamente per prevenire credo la giustizia fai da te,. Ma poi..che stupido commento è il suo? Se la docente è originaria del paese Gallipolino cosa dovrebbe scrivere la redattrice?

    • ormai va di moda dare in testa a Gallipoli..

      • E' stato scritto anche leccese, ma nessuno se le presa come marchio infamante. In fatti del genere c'è posto per i campanilismi ? Anche se fosse risultata mia dirimpettaia o, peggio ancora, parente, gli sarei saltato addosso senza nessuna remora. Come si può commentare sul luogo di nascita e sorvolare con un "al di la della gravità dei fatti" ? Mio padre era gallipolino, ne sono fiero e non mi sento sminuito da simili mostri. Questi esseri spregevoli non hanno nessuna cittadinanza, sono dovunque, l'importante è isolarli e renderli inoffensivi.

        • la mia osservazione deriva dalla constatazione che qualsiasi azione criminosa che avviene nel circondario viene ascritta a Gallipoli. vedere cronologia. ps condanno ogni sorta di violenza in particolare quella contro bambini e donne.

  • io mi farei giustizia da solo in questi casi...

    • spero vivamente che non mi accada mai una cosa del genere , perché da madre ,Francesco concordo con te , mi farei giustizia da sola....

      • Avatar anonimo di abc abcd
        abc abcd

        Che bel nick che ha scelto, se è il suo vero nome mi complimento con Lei, è veramente bello.

  • Negli ultimi anni mi sono reso conto di essere stato educato a pappe e violenza...

    • Si a 3 anni assorbivi cattiveria? Anche io le ho prese da bambino,da mia madre ! Che era la stessa che mi curava e mi dimostrava il suo affetto e non da estranei che hanno problemi psicologici e scaricano la loro frustrazione sui piccoli bambini! Si curassero e cambiassero lavoro!

      • la mia maestra invece mi mandava dal falegname a prendere la riga... tornato la provava sulle mie mani e se si spezzava mi faceva tornare per farmene dare una più dura.... la ricordo ancora con affetto!

    • anch'io... ma ne sono contento!

  • Soggetti OTTUSI che sembra non apprendano le lezioni che la cronaca impartisce quotidianamente. Inoltre che senso ha esercitare una nobile professione, quando non si è portati?

    • Ben detto!!! Concordo pienamente...

  • il metodo Montessori è stato appreso appieno, a quanto pare!

  • Telecamere eeee! Scuole case di cura!!!!

  • Arresti domiciliari? Chi si accanisce contro persone inermi e specialmente contro bambini non merita i domiciliari ma l'umiliazione del carcere duro con pubblicazione di identità e foto in primo piano. Le nostre leggi vanno riviste, non possono essere garanti con chi si macchia di reati simili. I video non lasciano nessun dubbio sui reati commessi e sulle loro conseguenze, tolleranza 0 per questi mostri di cattiveria.

    • Perfettamente d accordo...

Notizie di oggi

  • Politica

    Erio Congedo candidato sindaco? "Non ne ho parlato con nessuno, oggi penso a Fdi"

  • Cronaca

    Doveva essere in viaggio, mai arrivato. Salentino scomparso da giorni

  • Cronaca

    Piratavano il segnale della pay tv, quindici indagati. Eseguite perquisizioni

  • Cronaca

    Feto morto nascosto nell'armadio, due le condanne per infanticidio

I più letti della settimana

  • Muore dopo un malore in casa Raffaele Baldassarre: camera ardente a Palazzo Gorgoni

  • Esplosione nella fabbrica di fuochi d’artificio: muore un 19enne, grave collega

  • Ladri nel caveau della banca: ritrovati 4 borsoni con denaro e ori

  • Marijuana a chili, quattro arresti. Il blitz scatta anche in casa di studenti

  • Un colpo di sonno e l’auto finisce sulla corsia opposta: 21enne in Rianimazione

  • Mattinata tragica in mare, uomo annega durante alcune immersioni

Torna su
LeccePrima è in caricamento