Foro sul muro dell’appartamento accanto alle poste. Attendono direttore e lo rapinano

La banda del buco ha agito nella notte, a Caprarica di Lecce, all’interno dell’ufficio postale di via Martano. Sono entrati attraverso una casa usata per la villeggiatura

L'ufficio rapinato nelle ultime ore.

CAPRARICA DI LECCE  - La banda del buco si intrufola nell’ufficio postale di notte. All’apertura dello sportello, il direttore della filiale si ritrova gli individui col passamontagna di fronte. La rapina, ben studiata in ogni mimino dettaglio, a Caprarica di Lecce.

I malviventi - due in tutto quelli che hanno fatto irruzione, armati di pistole - hanno praticato un foro sul muro esterno dell’ufficio, confinante con un’abitazione al momento vuota, perché utilizzata dai proprietari per la villeggiatura estiva.

RAPINA BANCA-2Una volta all’interno, hanno poi atteso che i dipendenti arrivassero, attorno alle 8,30 del mattino, per poi costringere il responsabile della filiale a consegnare il bottino, per 18mila 305 euro. Soldi custoditi nella cassaforte. Poi, sono fuggiti a bordo di un'autovettura, dal modello non meglio indicato, condotta da un terzo complice.  

Sul posto, i carabinieri della stazione di Calimera, con la Sezione operativa radiomobile della compagnia di Lecce, assieme ai colleghi del Nucleo investigativo con la Sezione investigazioni scientifiche. La vicenda riporta indietro la memoria allo scorso novembre quando, per un intero week-end, un'intera banda si srebbe segregata all'interno del caveau della Bnl, in pieno centro a Lecce.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento