Dopo le birre si mette al volante: travolge due fidanzatini, in manette

Un 53enne di Salve è stato arrestato dai carabinieri a Montesardo, la frazione di Alessano. Alla guida dell’auto ha investito due 17enni di Gagliano del Capo, finiti con fratture in ospedale

Il pronto soccorso di Tricase.

MONTESARDO (Alessano) – Dopo diverse birre bevute al bar, si mette al volante e travolge una coppia di fidanzatini: in manette. Un uomo di Salve, di 53 anni, Mario Marino Negro, arrestato nel corso della notte dai carabinieri della stazione di Alessano e del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Tricase.

L’uomo, alla guida della sua Fiat Uno, ha infatti investito uno scooter a Montesardo, nella tarda serata di ieri, in sella al quale stavano viaggiando due 17enni, entrambi di Gagliano del Capo. I due adolescenti sono stati sbalzati sull’asfalto con violenza. E’ stato lo stesso 53enne a prestare i primi soccorsi, prima dell’arrivo del personale del 118 per le medicazioni.

I due feriti sono stati trasferiti al pronto soccorso dell’ospedale “Cardinale Panico” di Tricase, dove sono state riscontrate loro diverse fratture e lesioni.  Il ragazzino  ha riportato una lussazione  e una frattura alla gamba sinistra con prognosi di 40 giorni mentre la minore la si trova in prognosi riservata, anche se fortunatamente non è in pericolo di vita.

Anche il conducente della Fiat è stato accompagnato in ospedale, per eseguire il test alcolemico, previsto dalla normativa e quello tossicologico. Ed è risultato positivo: il 53enne si è messo al volante della propria vettura sotto effetto dei fumi alcolici, con un tasso di 2.0 grammi per litro. Immediato l’arresto con l’accusa di lesioni personali gravi provocate nel sinistro stradale.

Martano: non si ferma all'alt, era ubriaco

Come non bastasse, questa mattina, a Martano, i carabinieri della stazione locale, hanno denunciato a piede libero per guida in stato di ebbrezza alcolica e resistenza a pubblico ufficiale,  C.S, 26enne. Il giovane non si sarebbe fermato all'alt dei militari, impegnati in un posto di controllo e, dopo aver cercato di darsi alla fuga a bordo di un'utilitaria, è stato raggiunto.

Sottoposto all’accertamento sanitario per il calcolo del tasso alcolico nel sangue, è stato riscontrato un valore di 1.57 grammi per litro. E' stato anche denunciato per resistenza a pubblico ufficiale proprio er via del tentativo di allontarsi, peraltro perdendo il controllo del mezzo e andando a impattare contro la recinzione di un’abitazione. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Ancor prima di alcol e droga, al primissimo posto in assoluto per cause di incidenti stradali è lo Smartphone. Appena vedo l’auto che mi precede che lentamente inizia ad invadere la corsia di sorpasso, senza che ci sia niente da sorpassare, allora comprendo che sono presi dal telefonino. Lampeggio, suono il clacson e il tizio/a rientrano bruscamente nella carreggiata di marcia. Il quel momento darei chissà che cosa per avere il potere di far accostare quei tizi e sanzionarli. Ma sono un comune cittadino e non mi resta altra soddisfazione che riflettere che un simile comportamento, prima o poi causa dei sicuri guai.

Notizie di oggi

  • Attualità

    Un leccese su tre è a rischio povertà: il lato oscuro del Natale fotografato da Caritas

  • Cronaca

    La notte dei ladri: due spaccate di fila con l'auto lanciata come ariete

  • Attualità

    Sette anni di custodia giudiziale: una bici costa al Comune 6350 euro

  • Gallipoli

    Fiamme su'auto in centro, danneggiate anche le attrezzature di due locali

I più letti della settimana

  • Sesso con il pm per avere vantaggi, l'avvocatessa sotto torchio per un'ora

  • Forte boato squarcia il Nord Salento. L'Aeronautica: "Un bang sonico"

  • Non risponde, chiamati i vigili del fuoco: trovato morto in casa a soli 39 anni

  • Inchiesta "sesso & giustizia", il pm in carcere interrogato oltre un'ora

  • Scontro fra auto e moto sulla strada per il mare, centauro in ospedale

  • Inchiesta sesso&giustizia, Altavilla: “Triste pagina, ma indagine non è condanna”

Torna su
LeccePrima è in caricamento