Fugge dai domiciliari il marito omicida: rintracciato nel Tarantino

Il 77enne accusato dell’uccisione della moglie sordomuta, il 16 luglio, si è allontanato in serata per poi essere trovato, poco dopo, in zona

I rilievi in via Papadia, il giorno della tragedia.

TREPUZZI – Sono state ore di apprensione, quelle appena trascorse, fino al suo ritrovamento. Fino a quando gli investigatori dell'Arma hanno rintracciato Michele Spagnuolo, il 77enne di Trepuzzi, ex maresciallo dell’Aeronautica ormai in pensione, ristretto agli arresti domiciliari per l’omicidio della moglie sordomuta. Teresa Russo, dipendente presso un ufficio postale, fu ammazzata lo scorso 16 luglio.  L’anziano ha improvvisamente fatto perdere le proprie tracce, allontanandosi dall’appartamento del fratello, dove era stato ristretto, nella tarda serata di ieri.

Il caso è stato chiuso grazie ai carabinieri del comando provinciale della città jonica, supportati dai colleghi del Nucleo investigativo del luogo. Spagnuolo è stato infatti rintracciato poco dopo, non molto lontano dall'abitazione di Talsano, quartiere di Taranto, dove vive il suo parente. I militari dell’Arma lo hanno raggiunto e, al termine delle formalità di rito, lo hanno accompagnato presso il carcere di Lecce.  L’efferato omicidio della vittima 57enne la scorsa estate: l’uomo ha colpito la donna alla gola, sferrandole delle coltellate. Alla gola, appunto, proprio quella che la donna non poteva più usare per esprimersi orami da diverso tempo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tanto da essere costretta ad una comunicazione fatta di messaggi e grazie all’uso di una interprete. Fino a quando, in una giornata torrida, colui che aveva sempre detto di amarla l'ha messa a tacere per sempre. Il 77enne, dopo aver lasciato un biglietto sul ciglio della caserma dei carabinieri, nel quale indicava l’avvenuto decesso della moglie da cui stava per divorziare, fu raggiunto e trovato nei pressi della stazione ferroviaria e tratto in arresto. Fallita quella prima fuga, nelle ultime ore è andato in fumo anche il secondo tentativo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Giovane leccese aggredisce a pugni e manda in ospedale militare barese

  • Non solo Covid, pronto soccorso preso d’assalto. Medici e infermieri stremati

  • In primavera tornano le formiche: come combattere l'invasione in casa

  • Torna l’allerta meteo nel Salento: per 24 ore attesi temporali e grandinate

Torna su
LeccePrima è in caricamento