Un 54enne muore poco dopo il ricovero: i parenti sporgono denuncia

Il decesso in mattinata, presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. I famigliari vogliono vederci chiaro

L'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce.

LECCE – Un uomo spira dopo poche ore di ricovero per un'emorragia polmonare: i parenti sporgono immediatamente denuncia. L’episodio presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce dove Sergio De Giovanni, un uomo di soli 54 anni, residente in città è deceduto intorno alle 11 di questa mattina per delle complicazioni ora al vaglio dell'autorità giudiziaria.

Il cuore del degente, ricoverato appena la notte precedente, ha cessato di battere mentre si trovava ricoverato nel reparto di Chirurgia toracica, extralocato da quello di Pneumologia dove non vi erano posto. Nelle scorse settimane, l'uomo era stato sottoposto a un delicato intervento per una neoplasia polmonare presso lo Ieo di Milano, l'Istituto europeo oncologico. Appresa la tragica e inattesa notizia, i famigliari dell’uomo hanno raggiunto il posto fisso di polizia dove, raccontato l'accaduto, hanno formalizzato la denuncia.

Il magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce, il sostituto procuratore Paola Gugliemi, conferirà a breve l’incarico al medico legale per l’ispezione cadaverica e per i successivi accertamenti. La salma, infatti, è stata intanto trasferita presso la camera mortuaria dell’ospedale leccese. Si cercherà ora di ricostruire il quadro clinico dell'uomo, tenendo conto delle ultime ore della sua vita trascorsi nel nosocomio e i farmaci assunti. Soltanto in un secondo momento e al termine di un esame autoptico sarà possibile procedere con l'attribuzione di eventuali responsabilità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro fra auto e bici, un volo di 10 metri. Muore infermiera 32enne

  • Cade dal cestello durante la potatura degli alberi. Muore operaio di 49anni

  • Assunzioni in Sanitaservice: pubblicato il bando per 159 posti

  • Mezzo chilo di droga, pistole e munizioni: in manette zio e nipote

  • "Mi sta picchiando". Viene fermato due volte poco prima dell'alba e arrestato

  • In un casolare un fucile con matricola abrasa, cocaina ed eroina: 25enne in arresto

Torna su
LeccePrima è in caricamento