Intimidazione a Presicce: grosso petardo davanti alla braceria inaugurata da un mese

La deflagrazione poco prima dell’alba, nel centro storico. Danneggiata una porta finestra e la grata metallica, ora indagano i carabinieri

PRESICCE - Intimidazione al locale appena aperto da neppure un mese: esplode un grosso petardo e devasta l’ingresso laterale della braceria. È accaduto nel cuore di Presicce, in Piazza del Popolo, dove ignoti hanno piazzato un ordigno davanti alla porta secondaria del “Carne grill&bar” , inaugurato il 26 dicembre.

L’esplosione in una stradina che converge sulla piazza, di fronte a un supermercato.  Ignoti, approfittando del centro deserto, tra le 4 e mezzo e le 5, hanno causato la deflagrazione. I danni sono visibili sull’inferriata apribile, posta a protezione di una porta finestra in alluminio e sugli stessi vetri, andati in frantumi. Le conseguenze complessive si aggirano attorno ai 2mila euro e non sono coperte da polizza assicurativa.

10c4074f-89d1-454c-ab0a-7a0d86da58a5-2Sul posto, questa mattina, i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Tricase, assieme ai colleghi della stazione locale. Nella notte, infatti, nessuno avrebbe udito alcun frastuono. La scoperta alcune ore dopo, da parte dei malcapitati, ora ascoltati dai militari dell’Arma, per chiarire se abbiano o meno idea di chi possa aver loro inviato un messaggio dal chiaro intento intimidatorio. Il locale, avendo iniziato da poco la propria attività, è sprovvisto di videocamere di sorveglianza. In zona, però, ve ne sarebbero altre, installate all’esterno di alcuni esercizi. In quei fotogrammi forse interessanti indizi se non, addirittura, la verità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Preoccupazione per il vento delle prossime ore: allerta “gialla” sul Salento

Torna su
LeccePrima è in caricamento