Scala in legno e rivestimenti in calcestruzzo: sigilli anche a grotta vicino alla Poesia

Il sequestro eseguito in mattinata dai militari della capitaneria di porto a “Roca Vecchia”, la marina di Melendugno

I sigilli apposti a Roca.

ROCA (Melendugno) – Dopo la Grotta della Zinzulusa - per la quale è stata ripristinata la facoltà d'uso dieci giorni addietro - la capitaneria fa scattare i sigilli anche in una grotta vicina a quella della Poesia di Roca, la marina di Melendugno. Nel corso della mattinata, infatti, i militari dell’Ufficio locale marittimo di Otranto e del Nucleo operativo di polizia ambientale di Bari, hanno eseguito un sequestro di alcune opere, in località “Roca Vecchia”.

Si tratta, nello specifico, di una scala in legno di accesso e alcuni rivestimenti in calcestruzzo, realizzati abusivamente all’interno della grotta, a circa 50 metri dalla Poesia, uno dei siti più noti del Salento per prestigio naturalistico, ma anche archeologico.

L’attività dei militari della guardia costiera è stata anche mirata a prevenire pericoli per la pubblica incolumità: tutta l’area interessata dalle opere abusive, infatti, risulta ad elevato rischio geomorfologico e per questo già interdetta con un’ordinanza del Comune di Melendugno per la parte a terra e dell’Ufficio circondariale marittimo idruntino per la competenza marina.  Sono in corso le attività di indagine per identificare i responsabili, mentre l’area posta sotto sequestro è stata data in custodia al dirigente dell’Ufficio tecnico dell’amministrazione melendugnese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Giro di armi da fuoco e monopolio imposto sul servizio navette: sei arresti

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

Torna su
LeccePrima è in caricamento