Schiaffeggiò i bimbi tirando loro i capelli: sospesa per un anno maestra

Una docente 50enne, neretina, non potrà esercitare il proprio ruolo per i prossimi 12 mesi. Lo ha stabilito il gip per via di alcuni, gravi episodi accaduti nel mese di gennaio

Foto di repertorio.

NARDÒ – Nuovi guai per una maestra salentina, denunciata alla fine di gennaio per aver percosso e tirato per capelli i piccoli studenti. Nel pomeriggio di ieri, infatti, i carabinieri di Nardò hanno eseguita la misura interdittiva della sospensione al pubblico servizio nei confronti di B.L., la 50enne neretina.

 La donna, stando al provvedimento disposto dal gip del tribunale di lecce, non potrà insegnare per un periodo di un anno. La docente risulta indagata per il reato di maltrattamenti di persone loro affidate per istruzione e lesioni personali. La condotta contestata sarebbe stata rivolta nei confronti di tre studenti minorenni due mesi addietro.

La denuncia fu presentata presso la caserma della cittadina da parte delle rispettive madri degli scolari. Stando all’attività investigativa, l’insegnante avrebbe schiaffeggiato in più occasioni e tirato i capelli ai bambini.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (10)

  • Sospesa x un anno questa sotto specie di donna deve finire in galera x maltrattamenti su minore (Cmq questa è la legge italiana) Mi vergogno di essere italiano

  • E' un dipendente pubblico: se anche fosse accusata di strage, prima di essere licenziata bisogna aspettare il terzo grado di giudizio... in media 5 anni, ma possono tranquillamente diventare 10. Per adesso continuerà a percepire metà stipendio, l'assegno alimentare, senza dover andare a lavorare. E poi si dice che il crimine non paga! :)

  • Vergogna ! licenziata a vita subito !

  • Toglieteli il posto di lavoro. Che andasse a schiaffeggiare i suoi figli. Siamo proprio messi male, dalla giustizia, sanità, istruzione, e paghiamo pure le tasse per gli stipendi di queste Iene

  • Licenziamento subito a vita...... altro che per un anno.......

  • I soliti giudici, di cosa ci si lamenta ogni giorno in Italia?? I giudici che non sanno infliggere pene adeguate ai delitti commessi!!

  • A vita ma quale per Un anno!??

  • Sempre più allibito da certe sentenze... Un anno? Ma stiamo scherzando? Io la radierei dal corpo insegnante, altro che sospensione di un anno...

  • Non sono il "Torquemada" della giustizia e della Legge, ma un insegnante che alza le mani ad un bambino è un abominio. Va contro tutti i principi di un educatore, ed è chiaro e palese sintomo che non è assolutamente adatta a questo lavoro. Trovo questa decisione degradante, folle , illogica, un insulto all'insegnamento, e che non protegge i bambini. Questa decisione forse è peggio dello stesso reato perché mette la sicurezza dei bambini al secondo posto, e avalla parzialmente la cosa più grave che può fare un insegnante. A mio avviso c'è solo un posto dove una persona che aggredisce un bambino può finire. E' vergognoso che questa persona dopo un anno possa tornare a contatto con i bambini, e la decisione del Tribunale, a mio personale avviso è inqualificabile.

  • sospesa per un anno ? spero che non mi capiti mai una cosa del genere...

Notizie di oggi

  • Nardò

    Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

  • Attualità

    Parla il giovane autore del “controselfie” con Salvini: “Spero in un effetto virale”

  • Politica

    Vita nuova per i pendolari salentini: in arrivo i treni moderni e veloci di Fse

  • Attualità

    Classifica dei Comuni virtuosi ed efficienti: Lecce ancora in zona retrocessione

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Esalta il fisico con gli abiti giusti

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • In tre lo accerchiano sotto casa, commerciante pestato e rapinato

Torna su
LeccePrima è in caricamento