Giovane di Racale scomparso ritrovato dopo 48 ore a Torre San Giovanni

Il 28enne era vicino a un casolare, in stato confusionale. E' stata la chiamata di un cittadino a instradare la polizia

TORRE SAN GIOVANNI – Di Andrea R., 28enne di Racale, si erano perse le tracce ormai da 48 ore. La famiglia in ansia aveva sporto denuncia di scomparsa presso la caserma dei carabinieri del proprio paese e la segnalazione aveva seguito il suo iter, passando sui tavoli di tutti gli enti interessati nei casi in cui qualcuno si allontana, volontariamente o meno, dalla propria abitazione.

E’ stata, però, la chiamata di un cittadino al 113 a permettere di rintracciarlo. Già, perché qualcuno, questa mattina, ha notato quel giovane camminare quasi sperso nei pressi di un casolare nelle campagne di Torre San Giovanni, marina di Ugento, e ha quindi composto il numero della polizia. La telefonata ha raggiunto il commissariato di Taurisano che ha subito inviato una volante.

Anche agli agenti il ragazzo è apparso molto confuso, tanto che ha spiegato di ricordare solo di chiamarsi Andrea, di essere in giro da  almeno un paio di giorni, ma di non sapere nemmeno di dove fosse. Il nome, però, ha subito rimandato i poliziotti alla segnalazione pervenuta sulla scomparsa di quel ragazzo di 28 anni di Racale, e così, condotto in ufficio, sono stati chiamati i parenti per un riconoscimento.

Questi hanno raggiunto Taurisano in breve tempo e hanno confermato la sua identità. Bisognoso di una visita e probabilmente di cure specialistiche, il ragazzo è stato trasportato con un’ambulanza del 118 presso l’ospedale “Ferrari” di Casarano. E’ comunque in buone condizioni di salute e, quantomeno, l’incubo per una famiglia è rientrato.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento