Qualità dell'aria: studenti realizzano centraline, saranno utili per il nuovo Pug

A Galatone, nell'ambito di un Pon, due classi hanno progettato e realizzato dispositivi per il rilevamento delle polveri sottili. Uno è stato donato al Comune

Docenti, amministratori e studenti insieme.

GALATONE – Anche la tecnologia sviluppata dagli studenti di una scuola può essere uno strumento utile alla pianificazione urbanistica di una città. Lo dimostra il caso dei ragazzi delle classi III e IV dell’istituto di istruzione secondaria superiore “Medi” di Galatone che hanno costruito e sviluppato una centralina per il rilevamento delle polveri sottili.

Si tratta del primo dispositivo del genere nel territorio di Galatone, ma ben presto l’amministrazione comunale potrebbe commissionare alla scuola una serie di altre centraline da installare in maniera diffusa in modo da acquisire elementi utili per la pianificazione dello sviluppo e della trasformazione della città.

I ragazzi hanno lavorato sotto la guida del professore Cesare De Rosa e dell’esperto Francesco “Piersoft” Paolicelli nell’ambito di un Piano Operativo Nazionale durante il quale hanno imparato a usare Arduino – una piattaforma hardware - in combinazione con un sensore di rilevazione per le polveri. Al termine del progetto sono state attivate tre centraline i cui dati sono presenti su un sito, su un Bot per Telegram e su un’applicazione per Android di prossimo rilascio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una delle centraline è stata donata proprio al Comune nel corso di una cerimonia alla quale hanno partecipato la vice sindaco Colazzo, l’assessore Bove, i dirigenti Verona e Gatto, oltre al dirigente scolastico Davide Cammarota. Da sottolineare come tutti i passaggi siano stati curati e realizzati dagli studenti che si sono dimostrati entusiasti di affrontare un percorso molto complesso, ma estremamente pratico. E con le competenze acquisite, perché no, potrebbero dar vita a una start-up.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Accoltella la madre e poi si lancia nel vuoto: tragedia in una famiglia salentina

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Vento e pioggia, strade trasformate in fiumi. Auto in panne e allagamenti

  • Rintracciata a Ostia: il 30 giugno, dopo cena, era uscita senza fare rientro

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

Torna su
LeccePrima è in caricamento