Concorso di letteratura internazionale, “Tsunami lento” al terzo posto

Alessandro Romano, scrittore e regista, è stato giudicato da una giuria composta dal figlio di uno dei massimi poeti del Novecento, Alessandro Quasimodo, e da Mogol

LECCE- Alessandro Romano si è classificato terzo nella quinta edizione del Premio internazionale Salvatore Quasimodo, concorso indetto da Aletti Editore: il suo romanzo “Tsunami lento”, edito da Edizioni Esperidi, ha convinto la giuria che ha celebrato le premiazioni nel Centro europeo di Toscolano, ad Avigliano Umbro (Terni).

“Anche se ho vinto altri premi, questo è una gioia speciale per la giuria e i suoi componenti, particolarmente importanti – commenta emozionato il regista e scrittore salentino.

copertina-25Infatti, la giuria che ha giudicato il romanzo “Tsunami lento” meritevole del terzo posto, era composta dal figlio di uno dei più importanti poeti italiani del Novecento, vincitore di un premio Nobel, Salvatore Quasimodo, dall’editore Aletti e da uno dei parolieri più prolifici di tutti i tempi, Mogol.

“Non sono potuto andare alla cerimonia di premiazione perché ho i bambini piccoli e non volevo sobbarcare mia moglie a un viaggio che sarebbe stato comunque un sacrificio – racconta Alessandro Romano. “E la loro gentilezza nello spedirmi a casa il premio è stata impagabile – conclude emozionato il regista e scrittore di Lecce che a oggi ha già pubblicato tre romanzi, oltre a varie collaborazioni, tra cui “Lento all’ira”, sempre Edizioni Esperidi, che ha ricevuto quattro Menzioni speciali in tutta Italia, premio “Nabokov” 2017, premio internazionale “Cumani Quasimodo”, “Golden Books” e “Unica Milano” nel 2018.

Dunque, il giovane Alessandro Romano che, proprio domani, 12 febbraio, compie 45 anni, ha ricevuto un bel regalo in occasione del suo compleanno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche se la passione del regista e scrittore salentino resta per i video documentari riguardanti la sua amata terra natale, il Salento, che gli ha permesso di classificarsi al primo posto a livello nazionale nella categoria e-Culture and Tourism dell’Italian eContent Award 2015 (Roma) per le riprese video del film-documentario “Tesori di Otranto in 3d”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’auto finisce nella scarpata: muore 30enne mentre si reca al lavoro

  • Una 26enne finisce contro un muretto e muore: secondo dramma in quattro giorni

  • Medico rientra dal turno e perde il controllo dell’auto: finisce nel canale

  • In Puglia 124 nuovi contagiati. Due decessi, uno in provincia di Lecce

  • Casi accertati: incremento di 120 in Puglia, 29 per la provincia di Lecce

  • In moto a folle velocità sfugge a tre volanti. “Ero andato a Otranto per un caffè”

Torna su
LeccePrima è in caricamento