Come McCurry anche Battaglia ritrova la musa: è la madre del poliziotto rapper salentino

Ritrovata la protagonista del celebre scatto della “bimba col pallone”: è Caterina, palermitana, per anni residente nel quartiere Stadio e madre di Revman, l’agente intervistato due anni fa da LeccePrima

Letizia Battaglia e la sua "piccola" musa, Caterina, di nuovo assieme. (PalermoToday)

LECCE - I ricami del tempo, a volte, sono in grado di creare arabeschi tanto perfetti da assomigliare a dei mandala, quei coloratissimi disegni “spirituali”, utilizzati da induisti e buddisti. Ed è proprio con un complesso intreccio che la vita di Letizia Battaglia è andata ad intersecarsi con quella di Catia e con quella di Revman, il rapper-poliziotto di cui, appena due anni addietro, la redazione di LeccePrima vi ha parlato in un’intervista. Che cosa abbiano da spartire queste tre esistenze è presto detto: la prima è una delle più famose fotografe italiane nota, oltre alle immagini denuncia di mafia, anche per la celebre immagine della bimba ritratta in una Sicilia anni Ottanta, tra i colorati mercati de la Vuccirìa di una Palermo in bianco e nero, con un pallone in mano (In foto). Il broncio, una canotta e poi non se ne è più saputo nulla.

Quella bambina, rintracciata dall’artista 38 anni dopo grazie al programma televisivo, ragazza-pallone-2-2 ora ha un nome: è Catia, 47enne di origini palermitane, per ben nove anni residente nel quartiere Stadio del capoluogo salentino. Ed è qui che  sono nati i suoi due figli: Giorgio, il più piccolo e Sebastiano. Quest’ultimo è “Revman”, l’agente innamorato del rap, noto sul web per il suo tormentone “Riduci la velocità”: un inno alla vita, e alla sicurezza stradale, tradotto in musica dalla sua passione. Questa potente perturbazione nella vita di Catia è cominciata circa tre settimane addietro quando la fotoreporter siciliana, ora 85enne e che ha ricoperto anche la carica di assessore comunale a Palermo, ha lanciato un messaggio tramite la trasmissione in onda su Rai 3 e condotta da Federica Sciarelli.

La Battaglia avrebbe voluto rintracciare quella bimba, immortalata nei pressi di un portone 38 anni prima. Quella fotografia, in tutto questo tempo, è stata esposta nei musei, nelle mostre, ma Catia non era ancora rientrata in Sicilia. Era ignara di quanto il suo broncio fosse ormai familiare a milioni di italiani. Così come accadde per Sharbat Gula, la dodicenne che visse tra Pakistan e Afghanistan, immortalata da Steve McCurry nello scatto -tra color ruggine e verde petrolio-  che ha fatto il giro del mondo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il caso ha però voluto che la trasmissione sia stata vista da suo fratello (zio di Revman). Contattata la redazione del format - di cui proprio nella serata di ieri è andata in onda una seconda puntata nella quale si è parlato dell’incontro tra le due donne – le due si sono ritrovate. “E’ stata un’emozione indescrivibile”, ci ha raccontato in una conversazione telefonica Catia. “Appena mi ha rivista, davanti ad alcuni giornalisti, è scoppiata in lacrime”. La musa ha posato nuovamente per la grande artista, in un altro scatto che è destinato a restare altrettanto memorabile. Un volto mediterraneo votato al successo, così come è accaduto per suo figlio Revman, seppur per ragioni differenti.  Il lato ultrasensibile e l’apertura verso l’umanità deve essere del resto proprio di famiglia se il padre di Sebastiano “Revman”, a sua volta, è un agente di polizia diventato famoso per aver salvato dal freddo, assieme a una collega, una neonata partorita da una donna senzatetto, nei pressi di Piazza San Pietro, a Roma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si scontra con un'auto e vola dalla bici, grave un 11enne

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • In acqua per fare snorkeling, annega mamma 44enne in vacanza

  • Malore mentre si trova in acqua: riportato a riva, ma ormai senza vita

  • Auto reimmatricolate in Italia con documenti falsi: un salentino nei guai

  • Paura sulla tangenziale: ragazza perde il controllo e finisce sul guardrail

Torna su
LeccePrima è in caricamento