La micro mobilità: è rivoluzione nei trasporti urbani

Hoverboard, bici elettriche e monopattini sono il futuro per la mobilità nelle grandi città, perchè sono pratici, comodi e sopratutto sostengono l'ambiente

 Muoversi in città in modo sostenibile

La rivoluzione nella mobilità; ecco infatti che oggi si parla sempre più spesso di micro mobilità, ovvero il nuovo fenomeno che potrebbe cambiare il modo di muoversi, per esempio per raggiungere la fermata del mezzo pubblico lasciando l’auto nei parcheggi di periferia e riducendo così il traffico. I micro-mezzi, come i monopattini elettrici, potrebbero sostituire vantaggiosamente l’automobile e ridurre l’inquinamento; sono mezzi che possono raggiungere i 25 km/orari ed essere a trazione elettrica. Insieme ad esso la bici elettrica o a pedalata assistita sono molto leggeri e compatti.

Gli hoverboard hanno due ruote, e si muovono grazie a un motore elettrico alimentato da una batteria ricaricabile integrata, che alimenta il motore e gestisce l’equilibrio. Le ruote sono indipendenti anche se poggiano sullo stesso asse, ciascun piede comanda una ruota, il movimento da fare è simile a quello dello skateboard o dello snowboard, quindi si basa sulla capacità del passeggero di stare in equilibrio. A differenza dei segway, che sono dotati di manubrio e che vengono utilizzati dal personale di sicurezza in aeroporti, centri commerciali e eventi fieristici per muoversi più velocemente in caso di necessità, gli hoverboard hanno dimensioni e ruote più piccole, che vanno dai 6 ai 10 pollici a seconda del modello, e hanno un peso di circa 10 kg. Gli hoverboard possono raggiungere una velocità approssimativa compresa tra 10 e 24 km orari.

Dunque sono questi i nuovi mezzi di trasporto del futuro per le nostre città comodi, compatti, facili da guidare e soprattutto green, certo dorse sono ancora ad appannaggio delle grandi città, ma chissà se un domani anche Agrigento non i popolerà di tutte queste due ruote lasciando nei parcheggi sotto case le nostre automobili.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento