Noci: un toccasana per la salute

I benefici della frutta secca sono stati ulteriormente dimostrati da un recente studio che ne ha esaminato gli effetti

 Le noci fanno bene alla salute. La giusta quantità che previene infarto e ictus

Se il consumo di noci è stato già indicato come ideale per stimolare il desiderio sessuale, una nuova ricerca considera la frutta secca come un alleato prezioso contro infarti e ictus. Lo studio coordinato da Noushin Mohammadifard dell’Isfahan Cardiovascular Research Institute e presentato al congresso 2019 dell’European Society of Cardiology di Parigi ha fissato a circa 30 grammi di noci non salate la quantità da mangiare due volte a settimana, così da ridurre il rischio di morte per malattie cardiovascolari del 17%.

“Le noci sono una buona fonte di grassi insaturi e contengono pochi grassi saturi, hanno anche proteine, sali minerali, vitamine, fibre, fitosteroli e polifenoli, utili alla salute del cuore”, ha spiegato il coordinatore della ricerca riportata da Ok Salute, benché siano caratterizzate da un’alta densità energetica (30 grammi di noci sono circa 170-180 calorie).

Lo studio sul consumo di noci

Lo studio ha esaminato 5.432 adulti dai 35 anni in su senza precedenti malattie cardiovascolari, selezionate casualmente nelle aree urbane e rurali delle contee di Isfahan, Arak e Najafabad. L’assunzione di noci (comprese mandorle, pistacchi, nocciole e semi) è stata valutata nel 2001 con un questionario di frequenza alimentare e in seguito i partecipanti e i loro familiari sono stati intervistati ogni due anni fino al 2013. Gli esiti specifici studiati sono stati la malattia coronarica, l’ictus, la malattia cardiovascolare totale, la morte per qualsiasi causa e la morte per malattia cardiovascolare. Ebbene, in 12 anni sono stati registrati 751 eventi cardiovascolari (594 malattie coronariche e 157 ictus), 179 decessi cardiovascolari e 458 decessi per tutte le cause, dato che ha dimostrato come mangiare noci due o più volte alla settimana comporti un rischio inferiore del 17% di mortalità cardiovascolare rispetto al consumo di noci una volta ogni due settimane.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • I pacchi? In casa della postina infedele. E il figlio scovato con la droga

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

Torna su
LeccePrima è in caricamento