← Tutte le segnalazioni

Altro

Intervista Hidenori Izaki, primo barista asiatico vincitore del World Barista Championship

Mappa
Viale Croazia, 8 · Lecce

Hidenori Izaki, già due volte campione del Giappone, è il primo barista asiatico vincitore del World Barista Championship del 2014 tenuto a Rimini. Nella sede della torrefazione di Valentino Caffè S.p.A., nei giorni 1° e 2 febbraio, ha svelato i segreti per preparare l'espresso perfetto e ha rilasciato un'intervista per Maestri Caffettieri, la scuola di formazione organizzatrice dell'evento: "A scuola con il Campione Hidenori Izaki". Qual è il suo percorso formativo? Perché ha scelto di diventare barista? Il caffè è sempre stato presente nella mia famiglia. Nella nostra azienda mia madre si occupa della tostatura, mio fratello minore si interessa del caffè verde, mio padre cura l'amministrazione. Come altri adolescenti ho vissuto un periodo di ribellione in cui ho abbandonato la scuola e mi sono dedicato all'attività sportiva, ma questa mi ha deluso, non ha risposto alle mie aspettative. A un certo punto della mia vita avevo quindi perso anche la passione per lo sport e l'ho abbandonato. È stato un periodo particolare. Ho iniziato a lavorare. Facevo lavori umili, molto stancanti dal punto di vista fisico. Sono stato anche un operaio edile.

Insomma, ho fatto la gavetta. Mio padre mi ha sempre lasciato libero di decidere ciò che credevo fosse giusto per me, non ha mai condizionato le mie scelte. Non mi ha mai detto: ascoltami, fai ciò che ti dico. Ha sempre prestato attenzione a ciò che era importante per me e a 16 anni ho iniziato a fare il barista. La figura di barista in Giappone è molto nuova. Molti confondevano il termine barista con battista e non riuscivano a cogliere il vero significato della parola tant'era sconosciuta. Oggi, dopo tutto ciò che ha vissuto e imparato nella sua vita da barista, sia da un punto di vista teorico, sia da un punto di vista pratico, cosa consiglia ai giovani che vogliono affacciarsi a questo mondo o che come lei hanno fatto di questo mondo la loro passione? Consiglia di dedicarsi maggiormente allo studio degli aspetti teorici o di immergersi in quelli pratici? Entrambi.

La pratica è molto importante perché se sei molto giovane devi dare prova delle tue capacità. L'esperienza conta. Oggi è molto facile reperire informazioni, basta fare una ricerca in rete per scoprire ciò che ci interessa. Nella nostra testa abbiamo moltissime informazioni, molti input, ma dobbiamo scegliere cosa ci serve veramente, dobbiamo tirare fuori le informazioni utili. L'output si produce con l'esperienza. Durante la lezione di oggi ha messo in luce l'aspetto che riguarda il metodo sperimentale, basato sul peso, sulla misura e sulla ripetibilità. In un'intervista passata, rilasciata per Comunicaffè, ha dichiarato: Il caffè è diventata la luce della mia vita. Da quando lavoro in questo settore ho sentito che il mondo ha iniziato a diventare brillante come un arcobaleno e sono stato completamente affascinato dalla conoscenza dei caffè speciali. Oggi, durante il corso per Maestri Caffettieri ha detto che un buon barista deve saper riprodurre sempre lo stesso caffè, che ogni mattina deve saper fare sempre un caffè di qualità. Si è soffermato a spiegare l'importanza dell'acqua, ha pesato e ha dosato più minerali diversi e ha prodotto 4 tipi di acqua differenti partendo da un'acqua demineralizzata. Spesso si parla dell'arte del caffè. Qual è la differenza tra arte del caffè e scienza del caffè? Lei il suo arcobaleno l'ha trovato di più nell'aspetto legato all'arte o in quello scientifico?

Il fine ultimo è la felicità. Un bravo barista deve soddisfare il cliente e per fare questo è necessario ricorrere a una componente emozionale. Ci sono molte storie in una tazza di caffè e vanno trasmesse alle persone. Il fattore emotivo è importante, ma non è l'unico. È importante la qualità e per ottenerla devi affidarti al metodo, alla logica, alla matematica. Spesso le persone fanno però troppo affidamento alla scienza e per questo potrebbero prendere decisioni sbagliate perché perdono di vista la componente sentimentale. In fondo, l'espresso altro non è se non un minuto di felicità. Qual è il significato di questa giornata? Quant'è importante che un'azienda come Valentino Caffè si apra al territorio e accolga non solo i professionisti del settore, ma anche chi ambisce a fare della passione per il caffè la propria carriera? È quasi paradossale che un giapponese sia venuto in Italia, nella patria del caffè, a insegnare la cultura del caffè proprio agli italiani.

Sono molto soddisfatto quando le persone si incuriosiscono e iniziano a porre domande, ad aprire la mente al mondo del caffè. Ho apprezzato molto che Valentino Caffè mi abbia chiesto di venire qui perché sono davvero contento quando le persone possono trarre benefici dalla mia esperienza. C'è un aforisma di Charles-Maurice de Talleyrand-Périgord che recita: Il caffè deve essere caldo come l'inferno, nero come il diavolo, puro come un angelo e dolce come l'amore. Ci regala una ricetta, la sua ricetta per un caffè perfetto? Una ricetta non fatta di ingredienti, ma fatta di emozioni, di sensazioni e di pensieri. Ci svela la sua ricetta del cuore? Per me il caffè è una profonda connessione tra persone. Una tazza di caffè mi ha portato a Lecce. Il caffè crea un incontro tra persone, abbatte i muri, elimina le distanze e annulla le differenze. Gli uomini davanti a una tazza di caffè sono tutti uguali. Il caffè ci dà piccoli momenti di piacere e di amore. Lucia Mariano

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Segnalazioni popolari

    • Segnalazioni

      Lavori infiniti per creare un'opera d'arte a "disservizio" dei cittadini

    • Segnalazioni

      Carnevale castrisano

    • Segnalazioni

      La marina dei leccesi e dei rifiuti

    • Segnalazioni

      "Villa Massari destinata all'incuria"

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento