← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

Ordinanza: no agli animali in spiaggia

Lettera aperta al sindaco di Ugento: "Buongiorno caro sindaco di Ugento, con la presente esprimo tutto il mio dissenso in merito alla vostra ordinanza che vieta l'ingresso di Animali sulle spiagge. Il Cane, come il Gatto ed altri Animali d'affezione, sono ritenuti dalla Corte Costituzionale parte integrante della famiglia. Quindi se il sottoscritto, o qualsiasi cittadino, desidererà recarsi in vacanza o anche a fare una semplice passeggiata in riva al mare, ciò non sarà possibile: scandaloso e retrogrado. Lei sa benissimo che gli Animali sono esseri viventi senzienti dotati di sensibilità ed accortezze uniche non paragonabili al miglior essere Umano. E se non lo sapesse la invito ad informarsi meglio. Le spiagge si sporcano per colpa di altri gravi motivi non legati ai bisogni fisiologici di un tenero ed innocuo Cane. E se lei pensa che tale restrizione amministrativa sia motivata da misure di sicurezza, allora sarebbe il caso che studiasse personalmente, o chi per lei, documentazioni e testimonianze autorevoli che determinano la non pericolosità verso le persone. Detto questo se queste poche parole non sono servite a convincerla nell'eliminare l'ignobile divieto, la invito formalmente a contattare le numerose associazioni animaliste che potranno delucidarla al meglio. Resto in attesa, comunicandole quanto segue: né io o altri miei amici, parenti e conoscenti, si recheranno nella vostra località turistica per trascorrere le vacanze, anzi finché sarà in vigore l'ordinanza la nostra pubblicità sarà assolutamente pessima. Nulla di personale. I miei più sinceri auguri di buon lavoro e buone vacanze. Roberto Contestabile."

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Cara Letizia, lei fa parte di un gruppo sparuto di persone che non è aggiornata su ciò che gli Animali (non solo Cani o Gatti) provano e dimostrano in ogni ambito sociale. Presumo quindi che non conosca nulla di ciò che è riportato nella segnalazione.

  • „dotati di sensibilità ed accortezze uniche non paragonabili al miglior essere Umano. E se non lo sapesse la invito ad informarsi meglio“ Cioè quali sarebbero queste accortezze uniche ? Mah. In quale testo cinofilo ha letto ciò ?? :)

  • Io vieterei l'ingresso in spiaggia non ai poveri amici a 4 zampe, ma ai loro proprietari...spesso e volentieri arroganti e stupidi!!! Non voglio generalizzare ma certi comportamenti sono davvero inconcepibili e infantili!!! Amo gli animali ma odio l'ignoranza.

    • Bisogna rispettare gli Animali perchè loro costituiscono una minoranza spesso sfruttata. E in questo caso discriminata.

  • Non esiste una legge nazionale che regoli l’accesso degli Animali sul demanio marittimo, quindi a meno che non ci sia un divieto comunale e/o della locale capitaneria vale la regola generale dei luoghi pubblici: i Cani con noi, ma con guinzaglio ed eventuale museruola. I cartelli di divieto di balneazione per gli Animali spuntano ovunque, sebbene basterebbe a tale proposito far rispettare la normativa vigente che obbliga i proprietari a tenere al guinzaglio i propri Animali ed a raccoglierne le deiezioni. Ma attenzione: non tutti i divieti sono legali e regolamentati. Per essere legale, il cartello di divieto deve: - contenere gli estremi dell’ordinanza emessa e la scadenza della stessa, - l’ordinanza deve essere firmata dal sindaco, da un assessore delegato o da altra figura competente, - deve contenere le motivazioni che hanno indotto il comune a vietare la spiaggia ai Cani e deve prevedere una scadenza, - deve essere stata pubblicata all’albo pretorio del comune e se ne deve poter trovare nell’albo online, sul sito di ciascun comune. Ma non solo, l’ordinanza deve essere motivata. Il Tar del Lazio si è espresso più volte su questo punto stabilendo che: “Solo una congrua motivazione che giustifichi tale scelta da parte della pubblica amministrazione, potrebbe legittimare un’ordinanza restrittiva e dovrebbe anche specificare quali cautele di comportamento siano necessarie per la tutela dell’igiene delle spiagge o l’incolumità dei bagnanti. La scelta di vietare l’ingresso agli animali sulle spiagge destinate alla libera balneazione, non deve risultare irragionevole e illogica, né irrazionale e sproporzionata”. Le spiagge private e gli stabilimenti balneari possono decidere di accogliere gli Animali ma devono seguire una serie di prescrizioni: - la zona dedicata agli Animali deve essere recintata e attrezzata dove l’Animale possa bere, essere lavato e deve avere un apposito percorso per essere raggiunta, - i proprietari di Animali devono rilasciare una dichiarazione in cui affermano che l’Animale è vaccinato e devono munirsi di libretto sanitario. Dai divieti in spiaggia sono esclusi: - i Cani guida per i non vedenti, e quelli brevettati dal salvataggio al guinzaglio.

  • Avatar anonimo di Agnese Albertini
    Agnese Albertini

    Buongiorno amici di FB ???? Molti di voi (più di 800) mi hanno già letta l'anno scorso, di questi periodi, quando sono state date multe salatissime ai bagnanti che avevamo con loro i propri amici  pelosi, in spiaggia, sotto l'ombrellone, in Salento, nelle varie "marine" del Comune di Ugento-Lecce  Avevo fatto richiesta per un piccolo spazio di spiaggia da adibire ai nostri amici pelosi con una mail diretta al Sindaco in questione (mail che posto nei commenti)  So che moltissimi hanno scritto al Sindaco e ringrazio ancora per il nostro prezioso sostegno  Sono qui ad informarvi che, nonostante la mia protesta, nulla ad oggi è cambiato e Lido Marini ne' dintorni e non esiste un luogo dove poter portare i nostri amici pelosi se non in una struttura a pagamento. Cosa che non tutti possono permettersi   La mia mail non ha ricevuto nessuna risposta, nemmeno un "letto" da parte dell"Amministrazione Comunale Io e mio marito siamo residenti a Lido Marini  Ora ho scritto nuovamente al Sindaco una mail (che segue sotto) con la stessa legittima richiesta  Ho bisogno nuovamente del supporto di tutti tutti ???? per poter avere questo diritto visto che il cane è, da "Sentenza di Tribunale" riconosciuto come "facente parte integrante della famiglia, a tutti gli effetti" e con tutti i suoi diritti Ringrazio anticipatamente, di cuore ????, chi vorrà aiutarmi ???? La mail del Sindaco in questione (dove scrivere) la posto nei commenti   ???? Ecco il testo della mia nuova mail : Egregio Sindaco di Ugento Signor Lecci, Già l'anno scorso, quale sua cittadina, residente a Lido Marini, l'avevo contattata, via mail, per chiederle la realizzazione di un pezzetto di spiaggia da poter usufruire ai possessori di cani a Lido Marini, visto il divieto imposto e le multe salatissime che sono fioccate in quel periodo   Mail alla quale non è seguita risposta, nemmeno un "letto" ! Sono venuta diverse volte in Sede ma non l'ho mai trovata  Lido Marini non ha ancora un luogo adatto per i nostri cani  Sono ben cosciente delle diverse problematiche che le "marine" della sua Amministrazione deve gestire ma anche consapevole che la mia richiesta potrebbe essere evasa a costo quasi pari a "zero" e in brevissimo tempo  Basterebbero tre paratie e un cancelletto per far felici tutti gli amanti dei cani  Olttetutto avrei anche individuato una zona limitrofa pochissimo gettonata dai turisti e gente del luogo  Il divieto è sacrosanto e ne conosco tutti i dettagli ma ci dovrebbe essere almeno un'alternativa anche considerando che, da "Sentenza di Tribunale", il cane è considerato "facente parte della famiglia, a tutti gli effetti" per cui anche quello di potersi rinfrescare e giocare in mare con i propri famigliari Inoltre sarebbe un buon deterrente a molti abbandoni oltre che a dare un lustro di civiltà a questa nostra magnifica terra salentina  Spero vivamente che questa "mia" non cada nel silenzio e nella stessa indifferenza  Rimango in attesa e porgo distinti saluti Agnese Albertini  Lido Marini

Segnalazioni popolari

Torna su
LeccePrima è in caricamento