Faimm

I primi cittadini di Carpignano Salentino e di Martano denunciano: "Il Salento non può trasformarsi in una nuova terra dei fuochi"

Foto di repertorio.

CARPIGNANO SALENTINO – Altri due sindaci, dopo quelli di Leverano e Copertino, hanno chiesto ufficialmente di fare chiarezza sui roghi che, accesi nelle ore notturne, generano preoccupazione nei cittadini che respirano odori acri e talvolta nauseabondi.

Mario Bruno Caputo, primo cittadino di Carpignano Salentino e Fabio Tarantino, di Martano, hanno firmato un esposto querela nel quale segnalano le conseguenze di numerose accensioni che sembrano interessare plastica e rifiuti diversi dai residui vegetali che, in questo periodo, iniziano a essere bruciati con sempre maggiore frequenza nonostante le amministrazioni comunali vietino o limitino questa antica pratica proprio per le emissioni dannose generate.  Il problema riguarda diverse zone della provincia di Lecce: a Veglie, per esempio, un gruppo di cittadini ha chiesto l'intervento delle istituzioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel mondo della movida: cameriere muore in un incidente, era il portiere dell’Avetrana

  • Allerta arancione per maltempo anche nel Salento. Scuole chiuse in diversi comuni

  • Rapinatori irrompono in casa, un figlio reagisce: martellata sulla testa

  • Concluso il trapianto sulla piccola Giorgia: è durato oltre dieci ore

  • Pioggia e violente raffiche di vento mettono mezzo Salento in ginocchio

  • Furto di energia, truffa e fuoco agli scarti di potatura: arresto e 14 denunce

Torna su
LeccePrima è in caricamento