Una battuta di pesca dopo giorni di onde: spunta un’antica anfora

Un sub, lettore di LeccePrima, ha ritrovato alcuni reperti sui fondali di Gallipoli. Ha consegnato i resti alla capitaneria di porto

Uno dei reperti ritrovati nello Ionio.

GALLIPOLI – Una battuta di pesca sportiva dopo giorni di bufera e il mare restituisce pezzi del passato: parti di antiche anfore. E’ stato un sub di Gallipoli a rinvenire, nel corso della mattinata, dei manufatti in terracotta: bocca e maniglione di un’anfora.

Un lettore di LeccePrima, Cristian Manni, si trovava a pochi metri dalla riva quando, dopo una settimana di mare mosso con onde alte più di tre metri, ha scorto quei vecchi reperti.IMG_20181201_095123-3

Adagiati sul fondale, i resti dell’antichità. Si è spinto allora qualche metro più in là dove, come sospettato, si trovava anche il corpo dell’anfora. Recuperati tutti i pezzi, si è recato presso la capitaneria di porto della Città Bella, per consegnare il prezioso ritrovamento.

Potrebbe interessarti

  • Un traguardo dopo l'altro: Lele dei Negramaro pronto alla 9 chilometri

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

  • Come annaffiare le piante quando sei in vacanza

  • "Felice di essere con voi": Elisa super ospite del concertone della Taranta

I più letti della settimana

  • Automobile si ribalta fuori strada, muore giovane madre di 33 anni

  • Torna il maltempo, allerta arancione: forti temporali attesi a partire da ovest

  • Perde il controllo dell’auto e si ribalta: un 27enne in Rianimazione

  • Autovelox su statali e provinciali: ridefiniti i tratti dove possono essere installati

  • Morto Giovanni Semeraro, il patron che ha portato il Lecce dentro il calcio moderno

  • Due incidenti: un 18enne in codice rosso e una giovane incinta al "Fazzi"

Torna su
LeccePrima è in caricamento