Torre di Belloluogo, ora dimora per i senza tetto

L'Osservatorio Torre di Belloluogo" manifesta forte preoccupazione per il grave ed intollerabile stato di abbandono, degrado ed incuria in cui versa l'antica struttura

La fotografia è stata scattata durante il sopralluogo effettuato il 3 marzo 2008 nell'area del complesso monumentale della Torre di Belloluogo a Lecce (Foto. Archivio dell'Osservatorio Torre di Belloluogo)
"A nome e per conto dell'associazione ideale "Osservatorio Torre di Belloluogo" si manifesta forte preoccupazione per il grave ed intollerabile stato di abbandono, degrado ed incuria in cui versa - da ormai troppo tempo - il complesso artistico, storico e monumentale della Torre di Belloluogo, di proprietà pubblica del Comune di Lecce.

Con amarezza e con profondo rincrescimento, si è dovuto constatare di persona che ormai nelle cavità e nelle grotte sotterranee dell'antico e fatiscente ipogeo, e persino negli edifici in rovina che insistono nell'area circostante l'importantissimo e glorioso monumento di Lecce, si sono insediati gruppi di persone che hanno stabilito la loro dimora in quei luoghi, approfittando proprio del riparo offerto alla loro bisogna da quei ricoveri di fortuna esistenti nell'area verde pubblica e trasformando il sito monumentale in abbandono in un accampamento abusivo.

Così come già rappresentato a voce e per iscritto all'assessore alla Polizia Locale ed alla Sicurezza del Comune di Lecce e formalmente allo stesso sindaco di Lecce, la situazione che si è venuta a creare rappresenta un pericolo non di poco conto innanzitutto per lo stato dell'antico monumento, ma anche e soprattutto per la sicurezza e l'incolumità dei cittadini (non solo di quelli residenti nel quartiere) e per gli stessi abitatori abusivi di quei luoghi che si trovano esposti essi stessi ai pericoli per la loro incolumità per l'esistenza "in situ" di cavità, grotte, pozzi, cisterne, corsi d'acqua, tuguri, ruderi, edifici fatiscenti e pericolanti.

Pertanto si chiede l'intervento immediato del Comune di Lecce, delle autorità e delle forze dell'ordine perché sia garantita la sicurezza, l'incolumità pubblica e sia posta sotto tutela e vigilanza tutta l'area in cui insiste l'intero complesso artistico, storico e monumentale della Torre di Belloluogo".

Per l'Associazione culturale ideale "Osservatorio Torre di Belloluogo"
Il coordinatore
Beniamino Piemontese

Lecce, 11 marzo 2008

OSSERVATORIO TORRE DI BELLOLUOGO
www.torredibelloluogo.com

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
LeccePrima è in caricamento