Alliste Volley, una notte da sogno: storica promozione in serie C

Con la netta vittoria per 3-0 conquistata contro il forte Leverano, l'Alliste guadagna la promozione diretta in serie C senza dover passare dai play-off promozione

Notte da sogno quella di sabato scorso per la squadra allenata da mister Marte.  Con la netta vittoria per 3-0 conquistata contro il forte Leverano, l’Alliste guadagna la promozione diretta in serie C senza dover passare dai play-off promozione.

Il presidente Cosimo Adamo: “Questi ragazzi ci hanno donato una gioia immensa ed una serie incredibile di emozioni; emozioni che abbiamo provato sin dal pomeriggio a Galatina dove si giocava lo scontro diretto tra la prima (Bee Volley Lecce) e la Showy Boys Galatina che rivestiva la posizione di terza in classifica generale”.

“Una vittoria da 3 punti del Lecce avrebbe compromesso ogni nostra possibilità di giocarci col Leverano la promozione diretta in C, ma ci avrebbe lasciato solo la possibilità di partecipare ai play-off con altre sette squadre dei 3 gironi regionali della serie D; un torneo lungo ed incerto alla fine del quale, solo un’altra squadra sarebbe stata promossa nella massima categoria regionale. Inutile descrivere lo stato d’animo con cui io e la dirigente Federica D’Amilo abbiamo assistito alla partita: finirà con una secca vittoria per 3-0 a favore del Galatina, che ci porta al secondo posto a un punto da loro. Il tempo di comunicare il risultato ai nostri e di raggiungere il palazzetto di Taviano in tempo per l’inizio della nostra decisiva gara contro il Leverano. Iniziamo un po' contratti nel primo set, che vinciamo ai vantaggi 26-24, ma nel secondo set iniziamo a giocare come sappiamo; vinciamo il secondo e il terzo. Poi la festa”.

“Lo sport allistino e fellinese per la prima volta nella sua storia ha una squadra che militerà nel massimo campionato regionale”.

“Uno storico risultato ottenuto grazie ad un grande gruppo di veri uomini guidato da un bravissimo allenatore, che voglio menzionare uno ad uno”.

LA SQUADRA

Alessandro SIRSI (detto FASHION) il nostro capitano per il terzo anno consecutivo, ha guidato la squadra l’anno scorso nella promozione dalla prima divisione in serie D, e quest’anno nel più difficile e impegnativo campionato regionale, ha sfoderato grandiose prestazioni facendo da guida ai più giovani “allistini”; l’ultima gara di sabato contro il Leverano, quella decisiva, è stata una delle sue migliori in assoluto. Quando c’è stato bisogno di lui, non ha mai deluso. Un grande capitano.

Luigi GRIMALDI (detto TACCARUS) anche lui al terzo anno consecutivo con l’Alliste Volley, ha ricoperto senza mai battere ciglio il ruolo di schiacciatore di banda e di opposto, a seconda delle esigenze tecnico-tattiche del mister, regalando sempre ottime prestazioni col massimo impegno ed abnegazione; molto più di un semplice giocatore. È stato in questi anni un trascinatore, un riferimento in campo e fuori per tutta la squadra, un preziosissimo punto di riferimento per la società tutta. Senza di lui l’Alliste Volley non sarebbe dov’è!

Stefano D’AMILO (detto FISH) anche lui al terzo anno consecutivo con l’Alliste Volley, ha ricoperto il ruolo di schiacciatore opposto, mettendosi a disposizione della squadra e dell’allenatore e sfoderando nel corso del campionato delle ottime prestazioni.

Mattia AQUILA (detto AQUILOTTO) schiacciatore di banda, un’altra colonna della squadra sin dal primo anno in prima divisione; sempre presente, non ha mai fatto mancare il suo prezioso contributo tutte le volte che è stato chiamato dal mister, cosa che puntualmente avveniva sempre nei momenti più caldi e delicati. Un grande Aquilotto che ci ha fatto volare in alto.

Andrea NOBILE (detto NOBILE AIRLINES) schiacciatore di banda, ex Olimpia Galatina con la quale ha vinto nella passata stagione il campionato di serie C, bloccato purtroppo per quasi tutto il girone di andata da un infortunio, appena recuperato ha dato un fondamentale apporto, che ci ha consentito di ottenere una serie positiva di 10 vittorie consecutive, compresa l’ultima e decisiva contro il Leverano.

Manlio PALESE (detto MANLIO PERFORMANTE), schiacciatore di banda, entrato nel gruppo in seguito. Nonostante una balorda normativa federale sugli over gli abbia spesso impedito di essere convocato, ha sempre dato il massimo e non ha mai fatto mancare il proprio supporto alla squadra sia in allenamento, sia nelle volte in cui è stato chiamato da mister Marte. Un esempio di umiltà e umanità. Fieri di averlo avuto in squadra.

Alessio INGUSCIO (detto THE WALL) centrale i suoi alti muri hanno sbarrato la strada a molti, temuto da tutti gli schiacciatori avversari, si è da subito integrato nel nostro gruppo. Grandi doti tecniche, gran bel carattere, un piacere averlo in squadra.

Marco SANTORO (detto DEVASTANTE) centrale, arrivato quest’anno in prestito dalla FlyBlueVolley Taviano, i suoi attacchi al centro hanno fatto grandi danni tra le difese avversarie; molto umile e poco appariscente, ma una vera garanzia, nonostante la giovane età.

Rocco PIZZI (detto THE ROCK) centrale e anche lui in prestito dalla Fly, grande atleta, grande saltatore, i suoi spettacolari attacchi e muri ci hanno regalato belle emozioni.

Andrea ROMANO (detto il NANO) palleggiatore dalle mani d’oro, ha preso per mano la squadra nei momenti topici, la sua esperienza è stata indispensabile per il raggiungimento del traguardo finale; pericolosissime le sue battute in salto, è stato il terrore di tutti i liberi avversari.

Luca OREFICE (detto LUKE HUDSON)  palleggiatore, fondamentale nell’equilibrio della squadra, il più lontano (viene da Squinzano) e ciononostante il più presente; il suo apporto è stato fondamentale in molte partite. Ottimo palleggiatore, ottimo atleta, grande uomo; un piacere averlo avuto in squadra.

Donald PETANAJ (detto PESTANAKY) palleggiatore, anche lui dalla Fly, entrato per ultimo nel gruppo a causa di impegni universitari, molto importante e prezioso il suo apporto sia in allenamento sia nei momenti in cui è stato chiamato dal mister a dare manforte alla squadra in partita.

Aldo GIOVE (detto ALDOMINALE) il libero dalle difese impossibili, ha fatto venire dei seri complessi a tutti i più forti schiacciatori del campionato, quando la palla arrivava dalle sue parti, non c’era verso che cadesse. Ottimo ricettore, grande serietà e costante impegno sono state le sue più grandi doti. Una vera colonna della nostra difesa e della squadra in genere.

Un ringraziamento e un grande merito va al nostro fisioterapista Giose CASTO, ha rimesso a nuovo molti dei nostri acciaccati in pochissimo tempo, permettendoci di avere nei match decisivi la rosa al completo e nella migliore forma possibile; fondamentali i suoi interventi prima e durante le ultime 2 gare del campionato; un grande uomo e un grande professionista. Anche lui ormai colonna portante della nostra squadra.

Un ringraziamento particolare va ai miei storici compagni di viaggio, sin dal lontano gennaio 2013. Tommaso MASTROLEO (direttore sportivo), uomo indispensabile, senza di lui l’Alliste Volley non sarebbe mai arrivata dov’è, amico e compagno di mille battaglie. Il RE LEONE dell’Alliste Volley.                                                       

Ed Emanuele RIZZO (vice presidente), suo il merito di aver unito un gruppo di amici nel gennaio 2013 per dare inizio alla favola, anche lui presenza indispensabile.                                                                                                  

A loro si sono uniti quasi subito, Gianluca BOCCADAMO (ex atleta della prima ora), Federica D’AMILO ed Angela MASTROLEO.                                                                                                                                                                                 

Un grazie di cuore va al dr. Luigi NAPOLI e a tutti gli sponsor che hanno accompagnato il nostro cammino e senza i quali questo meraviglioso percorso pieno di successi non sarebbe nemmeno iniziato.                                                                                                                                                                                                               A breve una grande festa in paese per festeggiare la meritata promozione e poi subito al lavoro per allestire una squadra competitiva per la prossima stagione. L’ALLISTE VOLLEY farà la sua parte anche in serie C.

Il mister Alessandro Marte

“A gennaio 2016 avevo deciso di dare un taglio a quella che per me era la mia unica ragione di vita, famiglia e lavoro dovevano avere a tutti i costi la priorità e così decisi, a malincuore, di mettere da parte i miei sogni personali. Sono stati mesi duri, quando ami fare qualcosa è dura stare a guardare. Di occasioni ne ho avute diverse per tornare, ma ho sempre dovuto mettere al primo posto le priorità famigliari e lavorative.

L'occasione per tornare l'ho avuta a luglio, quando il presidente Adamo mi chiamò per offrirmi la panchina dell'Alliste Volley neo promosso in serie D.

La voglia di rimettermi in gioco e lo stimolo che mi dava il fatto di allenare per il mio paese, anche se sono di Felline, ha fatto si che l'operazione andasse in porto. 

L'inizio è stato veramente difficile, non avevamo la struttura per poterci allenare e la squadra era in fase di allestimento tra via vai continui e cambi di programmi in corso d'opera. La bravura della società in quella fase è stata fondamentale. Trovato l'impianto e completata la rosa adesso toccava a me fare il mio lavoro.

Iniziammo subito con una netta vittoria interna (3-0 al Mesagne), ma dovemmo alzare bandiera bianca nella partita successiva persa per 3-0 a Lecce. Gli infortuni e il poco affiatamento tra i giocatori nuovi e quelli rimasti della passata stagione erano alla base di prestazioni altalenanti e non sempre convincenti. La svolta c'è stata dopo la sconfitta a Galatina per 3-1. Il giorno dopo ci siamo guardati in faccia e ci siamo "schiariti le idee" anche duramente. Da quel momento sono arrivate ben Dieci vittorie consecutive. 

Le ultime tre partite sono state delle autentiche finali, bisognava vincere e sperare nei passi falsi di Lecce e Galatina. Dopo la vittoria a San Vito nella penultima giornata, mentre parlavo con il presidente della squadra avversaria, ho sentito tremare il pavimento (gli spogliatoi sono sotterranei al Pala Macchiatella) e un boato come se ci fossero centinaia di persone che avevano urlato contemporaneamente. Erano i nostri 13 eroi quando hanno appreso la notizia che il Galatina (primo) aveva perso 3-1 a Leverano.

L'ultima settimana è stata quella più delicata. Secondi ad un punto dalla nuova prima della classe (Lecce) che con una vittoria nello scontro diretto con il Galatina avrebbe festeggiato la promozione diretta. 

Sabato mentre andavo al palazzetto per la partita con il Leverano ero in continuo contatto con il presidente Adamo che mi informava, punto su punto, della partita di Galatina. Sono entrato nello spogliatoio, ho comunicato ai ragazzi che il Lecce aveva perso e ho visto nei ragazzi quella fame di vittoria che non si può descrivere se non si vivono certe situazioni.

Il resto è storia. quei "13 Uomini" hanno scritto la pagina più importante nella storia dello sport allistino e fellinese. Quegli Uomini saranno storia.

Vorrei dedicare questa Promozione al nostro Fisioterapista, Giose Casto, per aver lavorato anche di domenica mattina per noi.

L'appello che faccio ai miei concittadini è quello di avvicinarsi con entusiasmo a questo sport. Lo sport è cultura e tradizione. 

La serie C è un campionato che dà visibilità nell'intera Regione e crea turismo per il numero di tifosi che riesce a muovere.”

COMUNICATO STAMPA

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Depositata la perizia: il feto della 17enne è venuto al mondo già morto

    • Cronaca

      Cantiere Tap, i tecnici regionali consigliano di completare gli espianti

    • Politica

      Vittoria sull'ecotassa: il Comune di Lecce pronto a chiedere il rimborso

    • Cronaca

      Operazione "Minor", condanne lievi per gli imputati, cadono accuse principali

    I più letti della settimana

    • Il Messina passa al Via del Mare. Padalino a un passo dall'esonero

    • Mister Rizzo e il curioso retroscena: "Al Lecce non ho detto subito sì"

    • Il Lecce si affida a Roberto Rizzo: un mese per preparare i play-off

    • Da Madrid a Vienna si incrociano le storie e i successi dei maratoneti

    • Ginnastica: la Delfino Lecce fa il pieno di medaglie

    • Il Ct Galatina si gioca la carta del greco Tsitsipas contro il Vomero Napoli

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento