Catania-Roma: al "Via del Mare" a porte chiuse

La gara, valevole per la dodicesima giornata di ritorno del campionato di serie A, si disputerà al "Via del Mare" di Lecce, ma senza pubblico. La decisione è arrivata questa mattina

Catania-Roma, gara valevole per la dodicesima giornata di ritorno del campionato di serie A, si giocherà allo stadio "Via del Mare" di Lecce a porte chiuse. La misura adottata dall'Osservatorio nazionale delle manifestazioni sportive, che ribalta una sentenza di ieri del Tar di Catania, la quale a sua volta aveva annullato la decisione del giudice sportivo unico di primo grado Gianpaolo Tosel, è arrivata in mattinata.

Durante una riunione al Viminale, presieduta dal prefetto Antonio Manganelli, si è stabilito di evitare l'apertura delle porte, considerando le "gravi responsabilità delle frange più estreme della tifoseria etnea, a tutt'oggi non ancora superate", ma anche i precedenti fra le due tifoserie. All'incontro hanno partecipato anche il nuovo presidente della Figc, Giancarlo Abete, ed il presidente della Lega, Antonio Matarrese. La gara è dunque stata bollata con l'etichetta di "massimo livello di rischio" ed il questore di Lecce Giorgio Manari dovrà disporre il divieto d'obbligo d'accesso all'impianto.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • “Non lasciamo gli anziani soli in casa”: appello degli psicologi pugliesi

  • Il silenzio è una cura, fa bene a corpo e mente: ottimi motivi per tacere

  • Danneggiata l'edicola votiva della “Pietà” nel centro storico di Lecce

I più letti della settimana

  • Infarto per una bimba di 1 anno. Anche un bagnante rischia malore davanti alla scena

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Bambino pesca un osso in mare. E si scopre essere una tibia umana

  • Lei sul materassino spinto al largo, lui rischia di affogare per salvarla

  • Ricercato in Francia ma nel Salento per vacanza in Porsche: polizia lo aspetta all’uscita dall’acqua

  • Follie ferragostane: una trentina di soccorsi a ubriachi e rissa a bottigliate

Torna su
LeccePrima è in caricamento