Catania-Roma: al "Via del Mare" a porte chiuse

La gara, valevole per la dodicesima giornata di ritorno del campionato di serie A, si disputerà al "Via del Mare" di Lecce, ma senza pubblico. La decisione è arrivata questa mattina

Catania-Roma, gara valevole per la dodicesima giornata di ritorno del campionato di serie A, si giocherà allo stadio "Via del Mare" di Lecce a porte chiuse. La misura adottata dall'Osservatorio nazionale delle manifestazioni sportive, che ribalta una sentenza di ieri del Tar di Catania, la quale a sua volta aveva annullato la decisione del giudice sportivo unico di primo grado Gianpaolo Tosel, è arrivata in mattinata.

Durante una riunione al Viminale, presieduta dal prefetto Antonio Manganelli, si è stabilito di evitare l'apertura delle porte, considerando le "gravi responsabilità delle frange più estreme della tifoseria etnea, a tutt'oggi non ancora superate", ma anche i precedenti fra le due tifoserie. All'incontro hanno partecipato anche il nuovo presidente della Figc, Giancarlo Abete, ed il presidente della Lega, Antonio Matarrese. La gara è dunque stata bollata con l'etichetta di "massimo livello di rischio" ed il questore di Lecce Giorgio Manari dovrà disporre il divieto d'obbligo d'accesso all'impianto.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Comunali a Lecce, scrutinio in corso: Salvemini in netto vantaggio su Congedo

  • Politica

    Elezioni europee: Lega prima anche nel Salento, il Pd a Lecce supera il M5S

  • Gallipoli

    Sbancano suolo a ridosso della spiaggia con la ruspa: sequestro e denunce

  • Sport

    "Via del mare”: in attesa dei grandi lavori, parte sostituzione dei seggiolini

I più letti della settimana

  • Elezioni europee: Lega prima anche nel Salento, il Pd a Lecce supera il M5S

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

  • Un boato sveglia il vicinato all’alba: si sbriciola il tetto di un’abitazione

Torna su
LeccePrima è in caricamento