Tre bomber, due maglie. Braglia detta la linea: “Riparto da chi ci ha portato sin qui”

Il Lecce è partito alla volta di Rieti, dove domenica si chiude il girone di andata contro i Castelli Romani. Il nuovo arrivato, l'attaccante Caturano, è disponibile ma il tecnico conta di schierare Moscardelli e Curiale. Intanto è finita l'esperienza di Suciu nel Salento: il centrocampista torna al Torino

Piero Braglia.

LECCE – Partenza anticipata per il Lecce. Non certo per la distanza che esiste tra il Salento e Rieti, dove i giallorossi affronteranno i Castelli Romani domenica pomeriggio, ma per prepararsi al meglio per quanto riguarda l’approccio mentale ad una gara che Papini e compagni non devono sottovalutare: l’ultimo posto occupato dai laziali appare come la classica esca per rimanere impigliati all’amo della delusione.

“Io credo che abbiamo ricevuto una grande lezione già a Catanzaro – ha dichiarato Piero Braglia in conferenza stampa – contro una squadra che dopo aver vinto con noi ha collezionato diversi risultati utili. Io conto sul fatto che i ragazzi capiscano che dobbiamo chiudere nel migliore dei modi il girone di andata. Ci giochiamo molto, mi aspetto una prestazione convincente”.

Il Lecce ha ripreso ad allenarsi già il 28 dicembre e per qualche giorno la squadra ha sostenuto un lavoro atletico, una sorta di rimodulazione della preparazione atletica tipica del periodo estivo: “Ho cercato di fare quelle cose che secondo me mancavano alla squadra, mi sono confrontato con il preparatore. Speriamo di aver fatto la cosa giusta”.

A parte lo squalificato Surraco – che potrebbe essere rimpiazzato da Vecsei - e l’infortunato Gigli, Braglia ha a disposizione tutta la rosa, compreso l’’ultimo arrivato, Salvatore Caturano: “Io non lo conosco benissimo – ha spiegato il tecnico – ma ho visto che è venuto con molta umiltà: nel calcio conta quello che fai, non quello che hai fatto prima”.

L’attaccante prelevato dall’Ascoli, ma di proprietà del Bari, partirà comunque dalla panchina. Le parole dell’allenatore in conferenza hanno lasciato pochi spazi sul punto: “Il diritto di precedenza è di chi c’era, di chi ci ha portato fin qui. Poi da qui in avanti decide il campo: chi sta meglio gioca”. In virtù di questo criterio l’allenatore grossetano non ha avuto remore a raccontare le parole con le quali ha accolto il calciatore: “Basta che non rompi le palle, gli ho detto”.  

Braglia ha fatto capire che nella sua testa c’è spazio per tutti coloro che fanno parte della rosa: “Il posto garantito per diritto divino non ce l’ha nessuno. I ragazzi hanno visto che si gioca sempre in 14. Se sono intelligente capiscono che c’è modo per divertirsi tutti, o per rovinare tutto”. Intanto la società ha ufficializzato la risoluzione con Sergio Suciu, che torna al Torino. Il centrocampista, giunto a Lecce su indicazione di Antonino Asta, esonerato dopo il derby perso malamente a Foggia, non ha saputo convincere Braglia che comunque gli ha concesso diverse opportunità per mettersi in mostra. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (17)

  • Giovanni per me sbagli vedremo

  • Allincomoetente gionni dico che è evidente che quella di Braglia è solo pretattica per non mettere pressione su catturano, che certamente giocherà titolare

    • Caturano parte dalla panchina... ahahah, siete una barzelletta tu ed il tuo compare indeciso sulla strada da prendere!

    • Beh, beh, beeeeeh...

  • Biagio ti contradici da solo...fanalino o no i 3 punti non sono certi..vai mister prima mettiamo il risultato al sicuro e poi si provano i nuovi..immaginate se per 70 minuti come dice biagio non si fa gol..1 punto per gli avversari contro il lecce e' oro gli ultimi 20 minuti si chiude piu del previsto..

    • E' ovvio che a Rieti il LECCE dovrebbe vincere anche senza Caturano e magari senza attaccanti ...ma qui si tratta che non ce più molto tempo per le sperimentazioni, oggi è una buona occasione per sbloccare del tutto tutti e tre i bomber.

  • "Riparto da chi ci ha portato sin qui" ...secondo me ; ...sin qui....il LECCE dovrebbe essere in testa alla classifica e non in affanno sulla capolista, poi la coppia Moscardelli Curiale non è che ha fatto 37 reti già in due....l'elogio va fatto a quei giocatori che hanno tirato la carretta ....sin qui....centrocampisti e difensori. ( se poi qualcuno ha visto un'altro lecce scusate ).

  • Metti Caturano per i primi 70' e poi Moscardelli negli ultimi 20' entra fresco ( e segnerà di sicuro ) , che diamine stai giocando con il fanalino di coda mica a Caserta ! meglio sbloccarlo subito Caturano per i prossimi decisivi match .

    • Contrario a quello che pensa Braglia. Ti ascolterà di sicuro

      • Mi sta ...imbragliando.

  • Braglia mi convince sempre più, zero diplomazia e verità in faccia a chiunque senza misteri. Dall'espressione usata, per accogliere Caturano, ha già messo chiarezza nei futuri rapporti.

  • E così pare che mister Braglia non schiererà titolare Caturano (cui ovviamente auguro di segnare gol a grappoli per il nostro Lecce), almeno nella prossima gara a Rieti. Che ne dite, qualche capra avrà di che belare?

    • Bene complimenti....già c'è stata la pausa lunga e colesterolizzante...se poi non lo fai giocare con l'ultima in classifica....un'altra settimana passerà...\

      • Biagio, l'ultimo arrivato non parte mai titolare immediatamente, a meno che non sia disponibile nessun calciatore di ruolo da poter schierare oppure non si chiami Messi. Mister braglia conosce bene il suo mestiere, non si perde di fronte ad un crocevia qualsiasi e probabilmente a Rieti butterá dentro Caturano nel finale, per far rifiatare una delle punte.

  • Bravo mister. Poche parole ma più che eloquenti

  • Più che parlare di chiusura di girone di andata è meglio parlare già di inizio di ritorno, d'altra parte dopo le feste non può che essere così, vincere a Rieti potrebbe significare molto , partire nel 2016 con il piede giusto , e sappiamo che chi è in testa magari non parte con la stessa fame e quindi può incappare in una sconfitta , ecco l'importanza di farsi trovare pronti , così come bisogna assolutamente vincere ad Andria , non parlare di derby , per non esaltare più di tanto i baresi e non farsi intimidire dalla bolgia che ci sarà sicuramente , ovviamente la vittoria in casa con la JUVE STABIA sarà il preludio a tutto questo . Un consiglio a BRAGLIA ; non essere così freddo con Caturano, cerca anzi di coccolarlo e magari farlo giocare almeno un tempo a Rieti o tutta la partita , non lasciarlo marcire in panchina SFRUTTALO.

  • Bravo mister la tua politica mi piace..Forza ragazzi andiamo a prenderci la testa della classifica

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Inquietante avvertimento: bombe nei pressi della casa del calciatore preso di mira a gennaio

  • Cronaca

    L’emergenza non si “spegne”: tre incendi dolosi nella notte

  • Cronaca

    Canile di Tricase: tutti assolti nel processo nato dopo un servizio di "Striscia"

  • Politica

    Renzi loda Perrone, affossa il Pd e accredita il M5S come la vera alternativa

I più letti della settimana

  • Il Lecce espugna Siracusa: Mancosu e Pacilli risolvono il match nella ripresa

  • Tutte le big già davanti. Per il Lecce arriva l'occasione del sorpasso

  • Berlin Marathon: Roselli da record, ma brillano tutti gli atleti salentini

  • Un futuro ancora tutto da scrivere: la maturità di un bomber ritrovato

  • Taviano, Floride Ntotila è ufficialmente in giallorosso

  • Chiude in bellezza la campagna acquisti della serie D Flyblue Volley Taviano

Torna su
LeccePrima è in caricamento