Dal passato al futuro nel segno di Fabrizio Lorieri

Prima in campo, ora fuori. Un protagonista assoluto della storia recente del Lecce è tornato la Via del Mare per preparare i portieri: "Rosati a Milano ha fatto bene, nulla da rimproverargli"

Lorieri
LECCE - Per i tifosi del Lecce Fabrizio Lorieri non è semplicemente un ex. Il protagonista di quattro stagioni in maglia giallorossa, sempre da titolare, è entrato di diritto nel gotha dei calciatori che hanno segnato la storia della formazione salentina. Due promozioni consecutive, dalla C alla A, tra il 1995 e il 1997 dopo l'umiliante retrocessione alle spalle del Como; ultimi al termine dell'anno zero del calcio leccese. Nel campionato 1997/98, sventrata la formidabile rosa e interrotto il rapporto con il tecnico Giampiero Ventura, arriva l'immediata retrocessione nella serie cadetta, riscattata però subito con un' altra promozione: dal paradiso all'inferno e ritorno, la serie A ritrovata con al braccio la fascia di capitano ereditata dall'attaccante barese Palmieri. Oggi Lorieri ha 46 anni ma suda ancora sul terreno di gioco allenando Rosati, Benassi e Petrachi. E, quasi sempre, al termine di ogni seduta corre intorno al campo in un silenzio profondo. Chissà cosa penserà quando passa sotto la Curva Nord, quella stessa curva che gli ha tributato un lungo applauso - al quale si è unito il resto del pubblico - non appena è sbucato dalla bocca degli spogliatoi insieme a Rosati, prima dell'amichevole con il Valencia. Applauso bissato durante la presentazione ufficiale della rosa, pochi istanti prima l'inizio della gara contro gli spagnoli. Quell'omaggio lo ha scosso come un elettroshock e vorrebbe che il pubblico avesse lo stesso atteggiamento con chi, oggi, ci mette la faccia per difendere la porta giallorossa. Ha fiutato, evidentemente, una certa diffidenza di una parte del pubblico e degli addetti ai lavori nei confronti del ragazzo di Tivoli .

Amarcord: un calcio spumeggiante dal sapore romantico
Era il Lecce di Giampiero Ventura, con Zanoncelli indomito capitano - ma quel suo autogol a Casarano ci fece stare male per una settimana intera - al fianco di Servidei; Mazzeo scavava il solco sulla fascia destra mentre Bacci Cucciari e De Patre rompevano, costruivano e rifinivano per Palmieri e Francioso, due bomber di razza. Era un calcio all' avanguardia, vincente, spumeggiante. Il fuorigioco non era uno strappo alla regola; il modulo dominante il 4-4-2, di cui Ventura esasperava il gioco sulle fasce. I terzini erano diventati laterali (Macellari) e la capacità di crossare un requisito fondamentale. Ma era un calcio intriso anche di venature romantiche, complice il girone B della C1: campi che facevano paura (Torre del Greco, Torre Annunziata, Salerno) con il fiato della gente sul collo e la colla sui gradoni in segno di benvenuto.

Tra presente e futuro, lui c'è ancora
Lorieri lasciò Lecce al termine della stagione 1998/99 tra le polemiche: voleva restare, la tifoseria lo adorava, la società, si disse, aveva altri piani. Ma il tempo, si dice anche questo, è galantuomo e oggi l'ex portierone giallorosso respira ancora l'aria dei luoghi che sono diventati negli anni parte della sua vita: i corridoi dello stadio come gli angoli della città. Ha un compito difficile, quello di blindare per quanto possibile la porta della squadra salentina. Ma cosa conta di più, oggi come ieri, per un portiere? "L'aspetto principale, secondo me - ha risposto Lorieri ai cronisti - è sempre stato l'approccio alla partita. L'equilibrio è fondamentale per offrire buone prestazioni". A proposito, come è andata a Milano dal suo punto di vista? I quattro gol subiti hanno dato adito a qualche perplessità. "Rosati ha fatto il suo dovere", ha commentato il collaboratore di De Canio (e sostituto di Franco Paleari) che si ritiene soddisfatto anche degli altri due ragazzi che allena ogni giorno: "Di Benassi ho seguito qualche partita nelle ultime stagioni; a Perugia si è comportato molto bene; di Petrachi invece sapevo molto meno e scoprirlo è stato una bella sorpresa". Tra la sue responsabilità, Lorieri ha anche quella di gestire la concorrenza e la tenuta psicologica degli atleti che sono sottoposti ad una forte pressione, anche perché in campo, alla fine, ne va solo uno e in genere sempre lo stesso: "E' chiaro che tutti lavorano per giocare e non è facile restare fuori. Ma si può crescere anche così", ha aggiunto il preparatore riferendosi al giovanissimo terzo portiere il quale non aveva fatto mistero di voler andare altrove per giocare con continuità. "Merita soddisfazioni e le avrà", ha chiosato Lorieri che in conclusione di conferenza ha espresso la sua convinta approvazione per le scelte fatte dal nuovo commissario tecnico della Nazionale, Cesare Prandelli: "Le sue valutazioni sono in linea con il rendimento offerto in campionato da Sirigu, Viviano e Mirante. Tornerà Buffon, certo, ma è giusto così".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di P M
    P M

    secondo me lorieri tra i pali ha ancora il suo perche. Dategli una maglietta ed un numero qualsiasi. Domenica gioca lui.

  • Avatar anonimo di Io Lavoro Tu Ruby
    Io Lavoro Tu Ruby

    ZanfRaglia, non Zanfaglia. Con la R please, amico di Treviso. Non iniziamo a storpiare i cognomi. Non c'è problema Davide, tutto ok. Fox ha le sue idee diverse dalle nostre ma non bisogna criminalizzare o emarginare nessuno.

  • Egregio Sig. Zanfaglia le chiedo umilmente scusa per essermi permesso di accostarla al Sig. FOX. Mi sono accorto solo dopo aver pubblicato l'articolo quale durissima offesa le avevo pfferto. Chiedo ancora venia.... Ancora scusa e Forza Lecce.

Notizie di oggi

  • Attualità

    Alla partenza del primo Frecciarossa per Torino anche giovani aspiranti macchinisti

  • Incidenti stradali

    Scontro fra auto e moto sulla strada per il mare, centauro in ospedale

  • Cronaca

    Due proiettili in busta "recapitati" in giardino a un militare in congedo

  • Cronaca

    Rubano l'auto di una donna e la bruciano a pochi chilometri di distanza

I più letti della settimana

  • Sesso e regali per favori e processi: in arresto un pm, dirigenti sanitari e avvocata

  • Travolto da un’autovettura, un 62enne perde la vita davanti alla moglie

  • Ore di apprensione a Casarano: rintracciato di notte 22enne scomparso nel nulla

  • Bancarotta fraudolenta aggravata: quattro imprenditori in arresto

  • Inchiesta sesso&giustizia, Altavilla: “Triste pagina, ma indagine non è condanna”

  • "Mio padre brucia lo stipendio". Entra nel bar e sfascia le slot con una mazza

Torna su
LeccePrima è in caricamento