Lupus 2014, due ori ai campionati assoluti di boccia paralimpica

Risultato eccellente degli atleti della squadra leccese nel torneo italiano che si è concluso domenica presso il centro Sisport di Torino. Oro per Francesco Stefanizzi e Alessandro Rollo. Bronzo per Giuseppe Rollo. Il team ha tenuto testa alle compagini nazionali

LECCE - Un risultato veramente eccellente quello conseguito dai giovani atleti dell’associazione Lupus 2014 che hanno affrontato, da protagonisti, i Campionati Italiani Assoluti di boccia paralimpica in programma presso il centro sportivo Sisport di Torino dal 4 al 7 luglio scorsi. Il team leccese, guidato dal presidente Andrea Cozza (e che ha rappresentato il centro sud e in particolare i colori della Puglia e del Salento nella competizione nazionale), ha conquistato due titoli individuali con il primo posto e la medaglia d’oro appannaggio di Alessandro Rollo, nella categoria BC1 e di Francesco Stefanizzi (BC2). Sul podio per il terzo posto, sempre in categoria BC1, anche Giuseppe Rollo, e l’esperienza agonistica nel secondo campionato italiano di boccia paralmpica ha portato in dote anche un quarto posto per la formazione della Lupus 2014 che ha visto anche sfiorare l’arrivo in semifinale di Andrea Cozza e Ivan Indraccolo.

Ma complessivamente il risultato della squadra leccese è da considerare di grande rilievo tenendo contro che a sfidarsi sono stati circa una cinquantina di atleti in rappresentanza di dodici formazioni e la Lupus ha centrato un doppio titolo tricolore, compito non facile vista la concorrenza quotata delle compagini di Milano (quattro titoli di campione italiano e lo scudetto cucito al petto nella competizione a squadre per il team lombardo della SuperHabily), Torino (due), senza tralasciare le altre città arrivate sul podio, come Padova, Asti, Spilimbergo, Varese e Cagliari.            

Sono stati caratterizzati da entusiasmo e divertimento i quattro giorni dedicati alla kermesse di Torino che ha confermato quanto di buono fatto dalla Federazione Italiana Bocce per la crescita di una disciplina sportiva, che si sta affermando sul territorio nazionale e in questo appuntamento con la fattiva collaborazione dall’Unione sportiva Acli e delle istituzioni piemontesi. Un grande successo ha riscosso anche la diretta streaming delle finali tricolore trasmessa durante la mattina di domenica. Un movimento in crescita quello della boccia paralimpica, che nel sud Italia e in Puglia viene veicolata proprio grazie alla promozione della Lupus 2014, e ai campionati tricolore di Torino è emerso anche un notevole innalzamento del livello tecnico, sul quale gli addetti ai lavori stanno lavorando per permettere agli azzurri di affermarsi anche in campo internazionale. “Di anno in anno vedo un netto miglioramento dei nostri atleti” il commento del presidente della Federbocce, Marco Giunio De Sanctis a conclusione della cerimonia di premiazione, “un fattore positivo per tutto il movimento, al fine di raggiungere un livello sempre più importante di tutte le componenti. Sono stati importanti giorni anche di confronto, indispensabile per crescere tutti insieme” ha concluso il numero uno della Federazione italiana bocce, “e l’obiettivo è quello di far arrivare la boccia paralimpica sull’intero territorio nazionale”.

Quella al Campionato nazionale paralimpico di bocce di Torino ha rappresento la seconda partecipazione significativa della società salentina dopo quella dello scorso anno nel torneo che fu organizzato, proprio con la fattiva collaborazione della Lupus 2014, presso il palasport Ventura di Lecce. Una nuova tappa fondamentale di avvicinamento anche al traguardo sempre più ambìto della compagine della Lupus 2014, con sede a San Cesario di Lecce, che è quello della partecipazione alle paralimpiadi dei Giochi di Tokyo del 2020.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento