Il Papa: "Bravi ragazzi ma piedi per terra"

"Sorrido anch'io perché trovo col sorriso pure voi. No, scherzi a parte, oggi elogio tutta la squadra, se lo meritano questi ragazzi". Mister Papadopulo scherza in sala stampa con i cronisti e non perde tempo per fare complimenti ai suoi. E al pubblico, che non manca mai di ringraziare: "Il Via del Mare non è più una terra di conquista. Le tradizioni del Lecce sono alte e la vittoria di oggi, che riapre il feeling con l'ambiente, vale molto di più del risultato ottenuto contro il Piacenza". Chiaro il messaggio.

Ma veniamo alla lettura della partita: "Oggi la squadra è andata oltre le più rosee previsioni. Bene a livello tattico - dice - e poi abbiamo saputo interpretare il match che giocavamo contro una squadra che alloggia nei piani alti della classifica, un Piacenza che veniva a Lecce dopo una vittoria schiacciante contro il Modena. Il primo tempo è stato strepitoso, attaccavamo alti e con fluidità di manovra. E poi dietro abbiamo spagliato praticamente nulla: non è un caso che non prendiamo gol da tre partite".

E a questo punto arriva la notizia del giorno: "Mi chiedete di Rosati? Il titolare è Pavarini ma nel futuro prossimo del Lecce si chiama Rosati. Ma voglio dire anche una cosa su Pavarini, che da buon professionista qual è ha accettato di restare in panchina per far posto e dare continuità alle buone prestazioni del suo collega. Quindi, se venerdì vedrete in porta Pavarini non dovreste meravigliarvi".

"Il calcio è un gioco collettivo: noi ci stiamo sforzando di applicare questo concetto - aggiunge il mister - e i ragazzi lo stanno dimostrando sul campo. Le partite di Rimini e di Genoa, d'altronde, gridano ancora vendetta ma adesso siamo più squadra e vogliamo portare il Lecce nelle postazioni che gli convengono. E siamo già nella parte destra della classifica. Quindi bravi tutti ma dobbiamo restare sempre con i piedi per terra". Poi Papadopulo si è soffermato sul lavoro svolto dalla squadra a centrocampo: "Zanchetta vero è quello che avete visto oggi - afferma - del calciatore che gioca per 90' interi, muove la zona centrale del campo e fa manovra. Giuliatto e Tesser si sono proposti altrettanto bene sulle fasce. Se possiamo giocare con due Punte? Non è un peso che possiamo sopportare, al momento; abbiamo ancora qualche problema che io devo cercare di nascondere ma che va comunque risolto".

Cottafava, reduce anche lui di una buona prestazione non ha difficoltà a dire che "è stata una partita sofferta, visto anche il valore della squadra avversaria. Ma tre partite vinte in casa ci fanno capire che durante la settimana stiamo lavorando bene e questi ultimi tre punti guadagnati sono pesanti, sono punti che ci danno entusiasmo. E quindi avanti così, anche se avremmo voluto chiudere la partita prima. Stiamo cercando di costruire la nostra identità di squadra e di gioco mattone su mattone, gara dopo gara. Ora dobbiamo essere bravi a capitalizzare tutte le vittorie. Certo - conclude - potremmo imporre di più il nostro gioco, ma quando si gioca con l'acqua alla gola non è sempre facile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Ha elogiato il Lecce anche l'allenatore del Piacenza, mister Inchini: "Sapevamo che non era facile venire qui al Via del Mare - dice - anche perché avevo visionato la squadra nelle cassette. Credo che l'organico del Lecce sia tra i più forti del campionato. Avremmo dovuto vedere un Piacenza al cento per cento per credere di vincere Lecce. Ma così non è stato. Non siamo entrati in campo con la stessa attenzione che abbiamo messo contro il Modena. Il Lecce, invece, ci chiudeva tutti gli spazi e poi ripartiva bene. Ma questa è la B, un campionato difficilissimo, motivo per il quale tra il vertice e il resto della classifica alla fine il valore delle squadre si equivale."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salvato in extremis dal suicidio, in mano un biglietto d'addio incompiuto

  • Estorsione ai bar e riciclaggio: oltre all'ex senatore, in manette militare salentino

  • Fra serra e casa una piccola fabbrica della marijuana: arrestato

  • Arrivi da fuori regione: 20mila entro domenica, uno su tre dalla Lombardia

  • Spaccio di stupefacenti, armi e rapine, in 23 davanti al giudice

  • Notte di fuoco: distrutte quattro auto e danni a negozi. Immortalato un uomo

Torna su
LeccePrima è in caricamento