Lecce, bomber Caturano si presenta: "Una grande piazza per tornare a sognare"

Presentazione ufficiale per Salvatore Caturano, attaccante di origine napoletana di 25 anni. Dopo l'exploit giovanile e un grave infortunio che lo ha condizionato, l'attaccante vuole conquistare i tifosi giallorossi e tornare a segnare come nella scorsa stagione, quando realizzò 18 reti con la maglia del Melfi

LECCE – Professione bomber. A 25 anni Salvatore Caturano vuol dimostrare di aver quel talento e quel fiuto del gol che lo hanno portato a esordire nella massima serie a soli 16 anni (corteggiato anche dal Chelsea) e che nella passata stagione lo hanno incoronato miglior attaccante di categoria e capocannoniere del girone C di Lega Pro, realizzando ben diciotto reti con la maglia del Melfi. Dopo l’approdo a Bari nel giugno scorso e la prima parte di stagione disputata con la maglia dell’Ascoli (con 9 presenze e una rete all’attivo), il bomber napoletano si presenta al Via del Mare con un palmares di tutto rispetto. Senso del gol, fisicità e rapidità in area sono le caratteristiche principali della nuova punta a disposizione di Braglia, in cerca della definitiva consacrazione dopo aver girato a lungo, complice anche un grave infortunio al ginocchio, e aver collezionato alcune presenze nelle nazionali giovanili fino all'under 20.

“Il Lecce è stata la prima squadra che mi ha cercato e ho subito accettato. Venire a giocare qui è un grande passo per un giocatore – ha spiegato Caturano in sede di presentazione –. A livello fisico sto bene, sono a disposizione del mister e dei miei nuovi compagni, con i quali mi alleno già da ieri. Ho trovato un bel gruppo, in cui ci sono dei giocatori importanti dai quali cercherò di apprendere sempre qualcosa”.

L’attaccante napoletano non nasconde le ambizioni e la grande voglia di riscatto: “Sono venuto qua con una gran voglia di fare bene e vincere e non potevo scegliere piazza migliore. Darò il massimo per conquistare la fiducia del mister, sarà lui a decidere se e dove impiegarmi, l’importante è dare sempre il massimo”. L’ex bomber del Melfi dovrà conquistare i tifosi e far dimenticare loro il goal che sancì, di fatto, la fine delle speranze giallorosse di raggiungere i play-off: “Ai tifosi prometto che quando verrò chiamato in causa suderò sempre la maglia e darò il massimo.”

Continua intanto la preparazione in vista della ripresa del campionato. Oggi la formazione allenata da mister Braglia ha sostenuto una doppia seduta d'allenamento. Al mattino a Martignano è stato svolto un lavoro prevalentemente atletico, mentre nel pomeriggio partitella a campo ridotto all'Acaya Golf Club, dove domani pomeriggio la squadra disputerà l’ultima sessione prima della partenza per Rieti in programma venerdì mattina.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Un Barese per il lecce !!!!

  • Il Benevento vuole Moro della Salernitana +Moscardelli e Salvi dal Lecce...?qist su propr pazz

  • Forse sarebbe stato meglio pubblicare un'altra foto di Caturano, non proprio quella del goal contro il Lecce. Piacerebbe a tutti vedere un vero tridente in attaco ma non avendo un Pirlo in regia non penso sia il caso. Le sue diciotto reti parlano per lui, incrociamo le dita e diamogli subito fiducia.

    • Tridente non significa necessariamente tre attaccanti alla Paolo Rossi , cioè fissi nell'area piccola, ma a turno o a rotazione uno va sull'ala a fare assist o distogliere le attenzioni sugli altri due. Per quanto riguarda il calciatore aver fatto 18 reti con il MELFI non è da tutti , troppo facile segnare nella JUVENTUS ....quando ti arrivano 3000 palle gol magari un paio le metti dentro ....e poi TITOLONI suI GIORNALI ....GRANDISSIMO TEVEZ !

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ucciso a 14 anni per difendere la sorellina, il suo assassino sarà presto libero

  • Incidenti stradali

    Fuori strada in auto e ricoverati: 18enne positivo ad alcool e cocaina

  • Cronaca

    Consumi alterati nel ristorante: calamita per ridurli del 70 per cento

  • Cronaca

    Operazione Game Over, condannati anche 13 imputati della frangia leccese

I più letti della settimana

  • Quella banda di ventenni che fa ben sperare. E Bleve si guadagna la riconferma

  • Bleve: “La parata più difficile? Quella di Melfi a gioco fermo. Poi il rigore”

  • Sporting Club Lecce, al via le iscrizioni per il satellite del Torino Fc Academy

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento