Il Lecce si fa recuperare due gol dalla Fidelis e manca ancora il match point

Raggiunto il doppio vantaggio con Di Piazza e Mancosu, i giallorossi subiscono la prima rete di Titiriello e, nella ripresa, quella di Taurino. Sette i punti di vantaggio sulle seconde

Il tiro di Di Piazza per 1 a 0 (foto Chilla).

LECCE – Il Lecce sciupa ancora una ghiotta opportunità per lanciare la volata definitiva, facendosi raggiungere dopo essere andato avanti per 2 a 0. Comprensibile la delusione del pubblico, ma in questo girone regali non ce ne sono e anzi si pagano tutte le leggerezze e oggi i giallorossi ne hanno commesse diverse, pagandone due a caro prezzo.

In parte per stanchezza, in parte per errori individuali e collettivi, forse anche per superficialità il Lecce manca l'appuntamento con la vittoria in casa: l'ultima risale alla gara contro il Catanzaro il 4 febbraio. Dopo di allora una sconfitta, con la Juve Stabia e due pareggi, con Matera e Fidelis Andria.

Primo tempo

Liverani cambia tre pedine rispetto all’undici sceso in campo a Cosenza: ci sono Tabanelli per Tsonev dietro le punte, Di Piazza in attacco per Saraniti, infortunato, e Selasi per Armellino, uno dei motori inesauribili del centrocampo giallorosso, lasciato in panchina a tirare il fiato.

Si inizia dopo un minuto di raccoglimento per la tragica scomparsa di un tifoso della Fidelis Andria, deceduto oggi in un incidente stradale mente era diretto proprio a Lecce al seguito della sua squadra del cuore. La Curva Nord gli tributa un lungo applauso e due minuti di silenzio a gara iniziata.

Al 12’ la prima conclusione della partita con Lattanzio che chiama Perucchini a una presa a terra. Al 15’ Arrigoni recupera un pallone vagante e di prima intenzione mette al centro per Di Piazza che, al volo, sbaglia la misura. L’attaccante siciliano va in rete al 21’: cross di Mancosu dalla sinistra, Selasi di testa appoggia all’altezza del dischetto dove Di Piazza si coordina bene e con un tiro perentorio gonfia la rete.

Al 29’ il raddoppio: Mancosu al volo raccoglie a centro area un cross di Arrigoni e supera Maurantonio. Dopo tre minuti la Fidelis accorcia le distanze con un colpo di testa di Tiritiello sugli sviluppi di un calcio d’angolo: Perucchini intuisce ma la sua deviazione non serve a impedire che il pallone superi la linea.

Al minuto 39 Torromino su passaggio di Mancosu prova la soluzione acrobatica dopo lo stop, Maurantonio si oppone. Al 44’ Torromino ci prova, questa volta con una soluzione di potenza, Maurantonio si oppone e Tiritiello manda in corner.

Secondo tempo

La Fidelis torna in campo con Croce per Lattanzio e perviene al pareggio al 53’ con Taurino che gira in rete un passaggio di Di Cosmo molto abile nel mandare fuori tempo Legittimo sulla corsia destra dopo una ripartenza rapida della squadra ospite che coglie di sorpresa il Lecce sbilanciato nella metà campo avversaria: un errore che si poteva evitare considerato il gol di vantaggio in quel momento.

Liverani corre ai ripari con Tsonev per Selasi e Caturano per Torromino. Centrale un colpo di testa di Mancosu al 58’ da ottima posizione. Mister Papagni ricorre al secondo cambio con Cappiello per Taurino. Al 70’ Costa Ferreira prende il posto di Tabanelli, al 75’ Lobosco quello di Longo, al minuto 81’ Scalera per Di Cosmo, a due dalla fine Lepore e Persano per Ciancio e Legittimo.

Una girandola di sostituzioni che non cambia  l’inerzia della gara con il Lecce proteso a cercare la rete del nuovo vantaggio, ma senza la lucidità necessaria per creare veri pericoli. La Fidelis fa per intero la sua parte, tutta a difesa del risultato e più reattiva nelle ripartenze e al triplice fischio di Sozza l'esultanza è più che meritata.

Il tabellino di Lecce – Fidelis Andria 2 a 2

LECCE (4-3-1-2): Perucchini; Ciancio (88’ Lepore), Marino, Cosenza (cap.), Legittimo (88’ Persano); Selasi (57’ Tsonev), Arrigoni, Mancosu; Tabanelli (70’ Costa Ferreira); Torromino (57’ Caturano), Di Piazza. A disposizione: Chironi, Centonze, Di Matteo, Valeri, Gambardella, Armellino. Allenatore: Liverani

FIDELIS ANDRIA (3-5-2): Maurantonio; Celli, Abruzzese, Tiritiello; Di Cosmo (81’ Scalera), Piccinni (cap.), Quinto, Longo (75’ Lobosco), Lancini; Lattanzio (46’ Croce), Taurino (60 Cappiello). A disposizione: Celi, Colella, Scaringella, Liguori, Antonicelli, Camporeale, Zingaro, Turi. Allenatore: Papagni

Marcatori: 21’ Di Piazza, 29’ Mancosu, 32’ Tiritiello, 53’ Taurino

Ammoniti: 66’ Tiritiello, 78’ Maurantonio, 79’ Tsonev, 85’ Cosenza, 87’ Costa Ferreira

Spettatori 8345 di cui 6942 abbonati e 1403 paganti

Arbitro: Sozza di Seregno; assistenti: Abagnara di Nocera Inferiore e Della Vecchia di Avellino

Guarda lo sport live e on-demand su DAZN
Comincia il tuo mese GRATIS!

Potrebbe interessarti

  • Un traguardo dopo l'altro: Lele dei Negramaro pronto alla 9 chilometri

  • Il tour di "8", il legame con il Salento, l'Europa. Intervista a Max Casacci dei Subsonica

  • "Felice di essere con voi": Elisa super ospite del concertone della Taranta

  • Mantenere le qualità nutrizionali del cibo, gli alimenti da lasciare fuori dal frigo

I più letti della settimana

  • Perde il controllo dell’auto e si ribalta: un 27enne in Rianimazione

  • Autovelox su statali e provinciali: ridefiniti i tratti dove possono essere installati

  • Passa con il semaforo rosso, aveva la patente revocata. E si scopre la cocaina

  • A poche ore dal sequestro di sdraio, la madre del titolare del lido viola sigilli: nei guai anche lei

  • Morto Giovanni Semeraro, il patron che ha portato il Lecce dentro il calcio moderno

  • Colpito dall’elica di una barca durante il bagno nello Ionio: ferito all’arto

Torna su
LeccePrima è in caricamento