Bomber La Mantia decide il derby: il Lecce vince 1 a 0 contro il Foggia

L'attaccante, nella ripresa, sigla l'undicesimo centro stagionale. Dopo un primo tempo molto tattico, i giallorossi trovano la chiave di volta e poi proteggono il risultato

La Mantia realizza il gol della vittoria.

LECCE - Con un gol dell'indomito La Mantia il Lecce supera il Foggia al termine di un derby molto tattico e anche insidioso: seppur con molte assenze, i satanelli di Padalino hanno presidiato il campo con accortezza e compattezza, senza nemmeno risparmiare colpi duri agli avversari. Pochi i tiri in porta, dunque, ma per i giallorossi una discreta superiorità in fase di palleggio e una condizione atletica che, soprattutto nella seconda parte, è sembrata netta.

Con i tre punti conquistati oggi il Lecce sale a quota 44, quarto insieme al Pescara e a cinque punti dalla capolista Brescia, vittorioso a Cosenza al quartio minuto di recupero. Da segnalare la bella iniziativa del club salentino che, in occasione dei 111 anni della sua fondazione (15 marzo 1908), ha fatto indossare alla squadra una divisa da gioco uguale a quella della formazione che nella stagione 1975/76 conquistò la serie B. Era il Lecce di mister Mimmo Renna: prima del fischio d'inizio il vice presidente Liguori ha consegnato la maglia celebrativa a Luca, figlio del tecnico leccese di recente scomparso e agli ex calciatori Ruggero Cannito e Fortunato Loddi.

Primo tempo

Ai nastri di partenza del derby col Foggia, il Lecce si presenta con l’undici più accreditato alla vigilia. La linea mediana è composta da Petriccione, Tachtsidis e Majer, Liverani opta per l’esperienza e la padronanza tattica.

All’8’ il primo tiro del Lecce, con Falco, servito da Majer bravo a rubare palla sulla trequarti. Al 13’ comoda la presa di Leali su colpo di testa di La Mantia. Per dare uno scossone alla gara, giocata su ritmi compassati, Tacthsidis ci prova al 32’ dalla distanza, ma la sua conclusione è fuori misura. Falco si inventa un dribbling di cineteca, converge verso il centro dell’area, tira e trova l’opposizione di un avversario. Nel minuto di recupero, Agnelli, sugli sviluppi di un corner, calcia ben oltre la traversa.

Secondo tempo

Al primo minuto della ripresa bel tiro di Petriccione da fuori area, Leali si distende e para in tuffo. Al 49’ Majer incespisca sul pallone, vanificando un possesso in velocità e in superiorità numerica. Il risultato si sblocca al 59’: cross di Petriccione e La Mantia, in mezzo ai due centrali del Foggia, ha il tempo di prendere la mira e piazzare di testa sul secondo palo.

Padalino inserisce Chiaretti per Greco. Gran intervento difensivo di Tachtsidis al 65’: il greco rimedia a un primo anticipo mancato, mettendosi davanti a Mazzeo, pronto a battere a rete al termine di una triangolazione con Iemmello. Secondo cambio per il Foggia: Cicerelli rileva Ngawa, Padalino cerca una propensione più offensiva.

Falco sbaglia la conclusione al 72’: posizionato sul secondo palo, intercetta un cross di Mancosu, ma colpisce male. Per il quarto d’ora finale entra Tabanelli al posto di Majer. Falco ci prova al 78’ su palla vagante, la sua conclusione viene deviata in calcio d’angolo. Arrigoni per Tachtsidis a dieci dal termine.

L’ultima carta di Padalino è Matarese che entra per Agnelli. Al minuto 86 un errore di Tabanelli in fase offensiva costa il giallo a Lucioni, costretto a un fallo plateale per fermare la ripartenza del Foggia. Al 90' rosso diretto per Busellato, per proteste. Dopo quattro minuti di recupero, l'arbitro Nasca decreta la fine delle ostilità.

Il tabellino di Lecce-Foggia 2 a 1

LECCE (4-3-1-2): Vigorito; Venuti, Lucioni, Meccariello, Calderoni; Petriccione, Tachtsidis (80’ Arrigoni), Majer (74’ Tabanelli); Mancosu; Falco, La Mantia. A disposizione: Bleve, Milli, Riccardi, Cosenza, Tumminello, Haye, Marino, Saraniti, Felici, Pierno. Allenatore: Liverani

FOGGIA (4-4-2): Leali; Loiacono, Billong, Ranieri; Ngawa (67’ Cicirelli), Agnelli (84’ Matarese), Greco (63’ Chiaretti), Busellato, Kragl; Iemmello, Mazzeo. A disposizione: Noppert, Tonucci, Zambelli, Marcucci, Boldor. Allenatore: Padalino

Ammoniti: 24’ Ranieri, 31’ Loiacono, 39’ Busellato, 63’ Calderoni, 86’ Lucioni, 90+ 2 Kragl

Espulsi: 90' Busellato

Marcatori:  59’ La Mantia

Arbitro: Nasca di Bari; assistenti: Bresmes di Bergamo, Muto di Torre Annunziata; quarto ufficiale: Massimi di Termoli

Spettatori 11680 di cui 4686 paganti e 6994 abbonati

La 28esima giornata

Risultati: Perugia-Verona 1 a 2; Lecce-Foggia 1 a 0; Cosenza-Brescia 2 a 3; Cittadella-Pescara 4 a 1; Spezia-Padova 0 a 2; Cremonese-Benevento (domenica); Ascoli-Livorno (domenica); Salernitana-Crotone (domenica); Venezia-Palermo (lunedì)

Classifica: Brescia 49; Palermo e Verona 45; Lecce e Pescara 44; Benevento 43; Cittadella 39; Perugia 38; Spezia 37; Salernitana 34; Cosenza 33; Ascoli 30; Cremonese 27; Livorno, Venezia e Foggia 26; Crotone e Padova 23; Carpi 22

Guarda lo sport live e on-demand su DAZN
Comincia il tuo mese GRATIS!

Potrebbe interessarti

  • Un traguardo dopo l'altro: Lele dei Negramaro pronto alla 9 chilometri

  • Morso del ragno violino: sintomi, rimedi e cure

  • Uova: quante ne possiamo mangiare e come cucinarle

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • Vino adulterato: undici arresti e quattro aziende sequestrate dal Nas

  • Automobile si ribalta fuori strada, muore giovane madre di 33 anni

  • Violento nubifragio sferza il Salento. Strade allagate, centri in tilt

  • Torna il maltempo, allerta arancione: forti temporali attesi a partire da ovest

  • Frontale al rientro dal mare, donna di 38 anni grave in Rianimazione

  • Incendio nel parco di Punta Pizzo. Giallo sul ritrovamento di un cadavere

Torna su
LeccePrima è in caricamento