Lecce, matricola terribile in quel di Napoli. “Gara intensa, dobbiamo dare continuità”

Dopo la convincente vittoria con il Torino giallorossi chiamati alla prova di maturità al San Paolo. Liverani festeggia le cento panchine in giallorosso

LECCE - La convincente vittoria con il Torino conferma il Lecce nel ruolo di matricola terribile del campionato, ma non può far perdere di vista la necessità di dare continuità a prestazioni e risultati nelle sedici gare che portano all’epilogo del campionato. Alla vigila della gara del San Paolo contro il Napoli, nella quale Fabio Liverani taglia il traguardo delle cento panchine in giallorosso, il tecnico romano guarda con ottimismo alle prossime sfide che attendono la sua squadra predicando, nel contempo, la massima concentrazione e attenzione necessaria per dare continuità ed evitare prestazioni e risultati altalenanti che hanno pur caratterizzato l’andamento del torneo nella prima parte della stagione.

“La gara vittoriosa con il Torino di domenica è stata la classica partita perfetta, ma questo non deve accecarci e farci perdere di vista la necessità di essere accorti e determinati sempre” il monito di Liverani, “domani ad esempio con il Napoli sarà una gara di grande intensità, e occorrono attenzione e fisicità in ogni momento della gara. Da qui alla fine del campionato mancano sedici gare e dovremo cercare di mantenere concentrazione e attenzione per non essere altalenanti, ma avere continuità di prestazioni e risultati”. Un Lecce voglioso di tornare dalla trasferta campana con un altro risultato utile anche se la cura Gattuso sta già rilanciando i partenopei. Ma se anche lo stesso tecnico azzurro ritiene la gara con il Lecce una “partita trappola” per la pericolosità e le proprietà di palleggio degli avversari, per i giallorossi ci sono buone ragioni in più per sfoderare una prestazione al top per uscire indenne dal San Paolo.

Ma anche per la sfida contro il Napoli per Liverani c’è da fare i conti con l’infermeria ancora zeppa con Farias, Babacar, Gabriel, Meccariello e Tachtsidis ancora non disponibili. Scelta quasi obbligata quella della conferma del tandem Falco e Lapadula nel reparto offensivo, come confermato dal tecnico giallorosso. “In attacco non abbiamo nessun recupero, ma fortunatamente non abbiano nuove defezioni. Lapadula e Falco hanno fatto bene nell’ultima gara con il Torino e hanno buone possibilità di partire dall’inizio” ha detto Liverani, “mentre a centrocampo, il reparto che ci ha dato più grattacapi nell’ultimo mese e mezzo, ora ha al suo interno più competizione e questo mi offre dubbi e alternative, potendo scegliere di giocare con caratteristiche diverse”.

L’iniezione di fiducia giunta con il buon inserimento nei nuovi acquisti, da Deiola, Barak e Saponara in particolare, fa ben sperare anche per la difficile trasferta napoletana. Tutti e tre dovrebbero scendere in campo nella formazione iniziale: Saponara ha saltato solo il penultimo allenamento per un attacco influenzale. Se non dovesse dare garanzie di recupero ottimale pronto Petriccione, sull’asse di centrocampo con Deiola, Majer e Barak. Altro dubbio quello in difesa dove Calderoni potrebbe ancora partire dalla panchina, in attesa di un pieno recupero dall'infortunio, confermando l’assetto visto contro il Torino, con Rispoli e Donati laterali e Lucioni e Rossettini al centro della difesa. Tra i pali ci sarà ancora Vigorito.

“I nuovi arrivati nel mercato di gennaio si sono integrati in maniera eccezionale e questo anche per merito dei giocatori che sono qui con noi da diverso tempo che hanno consentito a tutti di sentirsi subito a prorpio agio. C’è ovviamente la necessità di migliorare l’intesa sul campo” ha detto ancora mister Liverani, “ma anche i nuovi arrivati si sono messi a disposizione con umiltà, voglia ed tanto entusiasmo e questo mi fa ben sperare”. L’incontro con la stampa della vigilia è stato utile al tecnico romano per confermare la sintonia con la società, lo staff e l’ambiente nell’ambito del progetto calcistico avviato in questi anni. Progetto che ha portato anche al ritorno sontuoso nel massimo campionato e ad un avvio di stagione in cui la squadra e i tifosi hanno avuto modo di togliersi anche qualche soddisfazione conquistando vittorie e strappando punti  importanti anche contro le tradizionali big del torneo. Festeggiato anche il riconoscimento personale per l’allenatore premiato nei giorni scorsi con la consegna della panchina d’argento assegnata ai migliori allenatori italiani della passata stagione di serie B. La gara di domani pomeriggio tra Napoli e Lecce, calcio d’inizio alle 15, sarà diretta da Antonio Giua di Olbia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Rapina un uomo per una collana, ma a 100 metri ci sono i carabinieri: presa

  • Fuoristrada sospetto: nel doppiofondo della barca mezza tonnellata di droga dall’Albania

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Preoccupazione per il vento delle prossime ore: allerta “gialla” sul Salento

Torna su
LeccePrima è in caricamento