Lapadula e Falco non bastano per i tre punti: Lecce raggiunto dal Sassuolo sul 2 a 2

La squadra di Liverani va in vantaggio con l'attaccante, autore di un grande spunto. Toljan pareggia, ma Falco riporta avanti ai suoi con una perfetta punizione. Al minuto 85 il gol di Berardi

Il tiro di Lapadula per l'1 a 0 (foto Chilla).

LECCE – Il Lecce sfiora la vittoria contro il Sassuolo, ma al termine dei 93 minuti di gioco il tabellino segna il risultato di 2 a 2. Per i giallorossi un partita di grande applicazione tattica davanti a una squadra che ha fatto di un maniacale possesso di palla la sua arma migliore, riuscendo infine a infilare per due volte la retroguardia di casa sulla parte di destra del fronte d’attacco, opposta a quella dove Boga ha imperversato mandando in affanno Meccariello.

Il Lecce era passato in vantaggio con Lapadula, autore di un grande spunto, e poi era stato raggiunto da Toljan, bravo a inserirsi al termine di un’azione esemplare. La squadra di Liverani era tornata però subito avanti con una magistrale punizione di Falco. Nella ripresa, pur stremato dopo il pari di Berardi maturato all’85’, il Lecce ha creato in due circostanze i presupposti per tornare in vantaggio ma non è stato fortunato, soprattutto in occasione del salvataggio di Obiang. Rinviato dunque l’appuntamento con la prima vittoria in casa.

Primo tempo

Il Lecce scende in campo con Lapadula e Babacar per la prima volta insieme dal primo minuto e il rientro di Calderoni e Majer, nonostante una settimana di lavoro a mezzo servizio per lo sloveno. Con Tachtsidis fermo per squalifica, Liverani schiera ancora Tabanelli dall'inizio, oltre a Petriccione, mentre Mancosu si posiziona più in avanti.

Al 4’ il Sassuolo va subito vicino al gol: Toljan per Traoré che scatta in posizione regolare ma conclude oltre la traversa sull’uscita di Gabriel. All’8 un ispirato Majer prima costruisce un’interessante azione tagliando da sinistra a destra palla al piede, poi conclude dalla lunga distanza con Consigli che si tuffa e devia in corner.

Lo sloveno ci riprova al 12’ da posizione centrale e il portiere del Sassuolo si ripete concedendo il calcio d’angolo. Fuori Babacar per Falco al 15’: la decisione appare frutto di un equivoco, con la panchina convinta che il senegalese avesse chiesto il cambio (aveva saltato la rifinitura per una botta alla caviglia). Lecce in vantaggio al 18’: lancio di Rossettini, aggancio al volo di Lapadula che manda a vuoto Romagna, converge verso il centro e scarica di potenza alle spalle di Consigli.

Gli emiliani fanno tanto possesso mentre il Lecce attende senza correre rischi fino al pareggio di Toljan, molto bravo a concludere a rete un’azione davvero pregevole nella costruzione con Locatelli: tocchi di prima e finalizzazione del laterale difensivo. Al 40’ il secondo cambio per Liverani, questa volta per necessità: Shakhov prende il posto dell’infortunato Tabanelli il cui ruolo da interno di sinistra viene preso da Mancosu. I padroni id casa tornano in vantaggio al 42’ con una punizione di Falco che lascia di sasso Consigli. Anche in questa azione è determinante il ruolo di Lapadula che conquista il calcio piazzato.

Secondo tempo

L'avvio di ripresa è di marca emiliana. Djuricic prende il posto di Traorè e al minuto 67’ Berardi reclama il calcio di rigore dopo un contrasto seguito a un retropassaggio sbagliato da Shakhov: l’arbitro Ros fa proseguire e il Var – Banti – non rileva alcuna irregolarità. A venti minuti dalla fine entra Riccardi per Majer e il Lecce passa alla difesa a cinque.

Al 78’ Falco conclude al lato dal limite, due minuti dopo De Zerbi manda dentro Duncan per Kyriakopoulos. Nell’azione successiva Calderoni salva in extremis dopo l’ennesima iniziativa di Boga sul versante sinistro del fronte offensivo del Sassuolo. In contropiede il Lecce ci prova con Mancosu ma il suo tiro termina oltre la traversa. Il pareggio del Sassuolo arriva subito dopo, al minuto 85 con Berardi che calcia a rete dopo una respinta di Gabriel su tiro di Defrel con Lucioni che prolunga proprio sui piedi del capitano del Sassuolo. De Zerbi esulta e provvede subito a riequilibrare la squadra: dentro Peluso per Locatelli.

In condizioni di tenuta fisica estrema, con molti calciatori in piena riserva di energie, il Lecce prova comunque a gettare il cuore oltre l'ostacolo: miracoloso il salvataggio di Obiang che anticipa Mancosu e Lapadula pronti a toccare in porta su cross basso di Calderoni. Il Lecce va ancora vicino alla marcatura dopo un tentativo di Lapadula che artiglia una respinta corta di Consigli ma poi non trova lo spiraglio giusto. Finisce 2 a 2 tra gli applausi del pubblico presente al Via del Mare. Ai giallorossi probabilmente manca ancora qualcosa, in termini di qualità, esperienza e maturità per portare il vantaggio fino in fondo, ma gli acciacchi fisici e la squalifica di Tachtsidis non sono stati certo d'aiuto nella gestione di una gara dispendiosa ancor più delle due precedenti, contro Juve e Sampdoria.

Il tabellino di Lecce-Sassuolo 2 a 2

LECCE (4-3-1-2): Gabriel; Meccariello, Rossettini, Lucioni, Calderoni; Majer (70’ Riccardi), Petriccione, Tabanelli (40’ Tabanelli); Mancosu (cap.); Lapadula, Babacar (15’ Falco). A disposizione: Vigorito, Vera, Benzar, Shakhov, La Mantia, Dubickas, Rispoli, Rimoli, Dell’Orco, Imbula. Allenatore: Liverani

SASSUOLO (4-2-3-1): Consigli; Toljan, Marlon, Romagna, Kyriakopoulos (78' Duncan); Locatelli (86’ Peluso), Obiang; Berardi (cap.), Traoré (66’ Djuricic), Boga; Defrel. A disposizione: Turati, Russo, Magnanelli, Muldur, Raspadori, Tripaldelli, Piccinini, Ghion. Allenatore: De Zerbi

Marcatori: 18’ Lapadula, 35’ Toljan, 42’ Falco, 85’ Berardi

Ammoniti: 73’ Locatelli, 45+1 Toljan, 60’ Calderoni, 74’ Shakhov, 82’ Obiang

Arbitro: Ros di Pordenone; assistenti: Ranghetti di Chiari, Gori di Arezzo; quarto ufficiale: Giua di Olbia.

Var: Banti di Livorno; assistente Var, Longo di Paola.

Spettatori 22087 di cui 3324 paganti e 18763 abbonati

L'undicesima giornata

I risultati: Roma-Napoli 2 a 1; Bologna-Inter 1 a 2; Torino-Juve 0 a 1; Atalanta-Cagliari 0 a 2; Genoa-Udinese 1 a 3; Verona-Brescia 2 a 1; Lecce-Sassuolo 2 a 2; Fiorentina-Parma 1 a 1; Milan-Lazio (ore 20.45); Spal-Sampdoria (lunedì 20.45).

Classifica: Juventus 29, Inter 28, Roma 22, Atalanta e Cagliari 21, Lazio e Napoli 18, Fiorentina 16, Verona 15, Parma 14, Milan e Udinese 13, Bologna 12; Torino 11, Sassuolo e Lecce 10; Genoa 8, Brescia e Spal 7, Sampdoria 5.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Burrasca agita lo Ionio e devasta barche, pontili, maneggio e persino un ristorante

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Precipita dalle mura del centro di Gallipoli: un 30enne in gravi condizioni

  • Quell'auto sospetta agganciata più volte. Ed è una sfida ad alta velocità

  • Eroina, cocaina e marijuana: tre arresti, segnalati i due acquirenti

Torna su
LeccePrima è in caricamento