Il Lecce serve il tris: vince col Cosenza e raggiunge il Brescia in testa

Terzo successo consecutivo al Via del Mare: dopo l'Ascoli e il Pescara, si arrende la squadra di Braglia passata in vantaggio dopo due minuti con Garritano. Tabanelli segna il pareggio, poi due gol di La Mantia

Il terzo gol di La Mantia.

LECCE – Con un secondo tempo chirurgico, il Lecce centra la terza vittoria consecutiva su altrettante gare in casa e raggiunge il Brescia in testa alla classifica lasciandosi il Palermo quattro punti dietro. Sia i lombardi che i rosanero hanno una gara in meno, ma i giallorossi sono lì, dove nessuno avrebbe mai immaginato di arrivare.

Primo tempo

Il Lecce parte con Arrigoni per Tachtsidis e Marino per lo squalificato Meccariello. Pronti via e gli ospiti vanno in vantaggio. Lucioni calibra male un passaggio, il Cosenza riparte in un attimo, Embalo scambia con Tutino che serve Garritano: per il centrocampista è un gioco da ragazzi infilarsi tra i due centrali del Lecce e spingere in rete. Nell'occasione troppo molle la fase difensiva del Lecce.

I padroni di casa impiegano meno di tre minuti per pareggiare. La Mantia, appena fuori dall’area di rigore riceve palla e, dopo aver atteso qualche secondo, appoggia a Tabanelli che ferma la sfera e batte di destro, superando Perina. Il Cosenza è quadrato a rapido nella fase di interdizione e ripartenza e sfrutta bene le corsie esterne: Embalo va via a Calderoni e, sul fondo, scodella a centro area dove Marino riesce e deviare, ma D’Orazio è in zona e, per fortuna dei giallorossi, conclude oltre la traversa.

Al 18’ centrale il colpo di testa di La Mantia, sicura la presa del portiere ospite. Il Cosenza protesta per un contatto tra Marino e Mungo, al 19’: il dubbio resta ma la certezza è che l’episodio avviene fuori area e non dentro. Al 28’ Embalo colpisce di testa da ottima posizione, ma la mira è imprecisa. Al 32’ il Lecce va molto vicino al raddoppio: cross perfetto di Calderoni, che si conferma maratoneta inesauribile, per Falco che salta, prende la mira e sfiora il palo alla destra di Perina.

Secondo tempo

I giallorossi ripartono con determinazione mentre il Cosenza, per forza di cose, non è così aggressivo su ogni passaggio come lo era stato nel primo tempo. I padroni di casa collezionano tre corner in sei minuti ma i calabresi restano ben coperti e arginano la pressione. Una sostituzione per parte al 58’: Tachtsidis per Arrigoni, Maniero  per Embalo. Con il greco in campo le geometrie diventano più fluide, la palla gira più velocemente e al 60’ il Lecce si porta in vantaggio: cross di Petriccione, autore di una prestazione notevole, e La Mantia di testa, da posizione ravvicinata, gira in porta.

L’attaccante si ripete quattro minuti dopo: scambio tra Tachtsidis e Mancosu che legge il movimento del compagno sul primo palo e lo serve per il più facile dei gol. Braglia inserisce Palmiero per Garritano, al 73’ Liverani richiama La Mantia – uscito dal campo tra una standing ovation - per fare spazio a Palombi. Quella di Baez per Tutinoa, al 75’ è l’ultima sostituzione per i calabresi, cinque minuti dopo anche Liverani esaurisce le sue opzioni con Majer per Falco. I salentini non corrono nemmeno un pericolo, la superiorità di palleggio è schiacciante e, del resto, i calabresi non ne hanno più

Il triplice fischio coincide con il boato del Via del Mare che celebra la sua squadra acclamandola a gran voce. Una partita, quella di oggi, differente rispetto alle due precedenti, sofferta così come ci si attendeva: d'altra parte la perfezione non è di questo mondo. E chi se ne frega. 

A fine gara: il commento di mister Liverani

Il tabellino di Lecce-Cosenza

LECCE (4-3-1-2): Vigorito; Venuti, Lucioni, Marino, Calderoni; Petriccione, Arrigoni (cap.) (58’ Tachtsidis), Tabanelli; Mancosu; Falco, La Mantia (73’ Palmobi). A disposizione: Bleve, Riccardi, Di Matteo, Cosenza, Tumminello, Haye, Saraniti, Felici, Pierno, Majer. Allenatore: Liverani

COSENZA (3-5-2): Perina; Capela, Dermaku (cap.), Legittimo; Bittante, Bruccini, Mungo, Garritano (62’ Palmiero), D’Orazio; Tutino (75’ Baez), Embalo (58’ Maniero). A disposizione: Quintiero, Saracco, Schetino, Sciaudone, Trovato, Hristov. Allenatore: Braglia

Marcatori: 2’ Garritano, 5’ Tabanelli, 60’ e 64’ La Mantia

Arbitro: Guccini di Albano Laziale; assistenti: Dei Giudici di Latina e Schirru di Nichelino, quarto assistente: Marchetti di Ostia Lido

Spettatori 11785 di cui 4130 paganti e 7655 abbonati

La 31esima giornata

Risultati: Padova-Ascoli 1 a 2; Venezia-Cittadella 1 a 1; Crotone-Perugia 2 a 0; Spezia-Salernitana 2 a 1; Livorno-Cremonese 1 a 3; Benevento-Carpi 3 a 1; Verona-Brescia 2 a 2; Lecce-Cosenza 3 a 1; Pescara-Palermo (ore 21)

Classifica: Brescia e Lecce 54; Palermo 50; Verona e Pescara 48; Benevento 47; Perugia 44; Spezia 43; Cittadella 42; Ascoli 36; Cremonese, Salernitana e Cosenza 35; Crotone 33; Livorno e Venezia 30; Foggia 27; Padova 24; Carpi 22

Segui la tua squadra in diretta streaming su DAZN.
Il primo mese è GRATIS!

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (15)

  • Sogno o son desto? Incredibbileeeee . Forza che ce la facciamo, ma dobbiamo farlo tutti insieme al grande grido FORZA LECCEEEEE!!!

  • forza ragazzi

  • Grande Lecce....ma per caso avete sentito qualche tg seminazionale dare risalto a questo grande Lecce?...solito ostracismo

  • Emozionante!!! Chi l'avrebbe mai immaginato che il nostro Lecce da neopromossa, a 6 gare dalla fine 1° in classifica...vederli giocare è davvero un piacere dal primo all'ultimo. Ciliegina sulla torta, tutta questa bella gente allo stadio che mi fa accapponare la pelle!!! Bravi tutti e forza Lecce

  • Grazie..siete stati fantastici..

  • mitici...vorrei dire che il destino è nelle nostre mani ma non lo dico ancora per scaramanzia...ci vediamo a Cremona! Lecce ti Amo. p.s. scusate ma lo dico anche oggi attenzione ai lanci sbagliati, magari x eccesso di sicurezza, in zone centrali del campo.

  • Grande Lecce. Grazie Pescara per aver steso il palermo e aver dato ancora più lustro alle ultime prestazioni dei nostri lupi. Ora a Cremona per fare bottino pieno e si potrebbe così cominciare a sognare. E poi il Carpi per consolidare le basi di un sogno che si avvera. Bravo Mister. Bravissimi tutti. AD MAIORA, Semper !!!

    • Quei pdm dei leccesi che hanno combinato il casino ai tifosi pescaresi dovrebbero ringraziare e scusarsi

      • i pescaresi si scusarono?

        • Bravo Nunzio bravo........se gli altri sono "MAGLIONI " ,giustamente tu mi insegni che dobbiamo esserlo anche noi. Ma cominciare a pensare e comportarsi da SIGNORI mai eh? Dobbiamo rimanere sempre retrogradi e terroni nel cervello.....vero? FORZA LECCE.

      • H. F. Buenu!

  • Dietro di noi il nulla ????❤️

  • Sempre più emozionante vedere giocare il nostro lecce. Mi vengono i brividi , poi vedere la gente che impazzisce di gioia mi riempie il cuore ,pensare che erano anni che non si vedeva così tanto entusiasmo. Mi auguro che le prossime partite le facciano in orari diversi , per fortuna sono riuscito ad arrivare per il secondo tempo. Comunque grandi , galattici , incredibilmente belli da vedere. Via lecce , via.

  • grAAAAAAAAAnde LECCE

  • Encomiabili!!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    “Favori&Giustizia”, arriva il “sì” del pm al patteggiamento del neurologo Trianni

  • Politica

    "Che ne sarà dei lavoratori del Mercatone Uno?": sciopero e protesta in prefettura

  • Galatina

    Camionista reagisce alla rapina: disarmato e ferito al capo. Fermati in tre

  • Cronaca

    Intercettazioni su Marti, la Giunta della Camera dei deputati si tira fuori

I più letti della settimana

  • Finisce con la Porsche nei campi: muore durante il ricovero giovane imprenditore

  • Accerchiata la masseria dello spaccio. E in una grotta, droga a volontà e un'arma

  • Troppo gravi le ferite, muore in ospedale 25enne ferito in un incidente stradale

  • Attendono il direttore, arrivano i carabinieri: banda colta sul fatto

  • Cocaina, materiale esplosivo e arma in cassaforte: arresti e denunce

  • Orrore in casa. “Abusava di qualunque familiare gli capitasse sotto tiro”

Torna su
LeccePrima è in caricamento