Lucioni, l'esperienza prima di tutto: "Dobbiamo limitare gli errori gratuiti"

Il difensore, che domenica si è tolto la soddisfazione del primo gol in giallorossi, sottolinea il dovere di tenere sempre alta la concentrazione in campo

Lucioni esulta con i compagni al termine della gara contro il Padova.

LECCE – Dopo essersi tolto contro il Padova la soddisfazione del primo gol con la maglia del Lecce e aver provato la gioia della dedica al figlio Gabriele che in due anni non aveva mai visto il padre segnare, Fabio Lucioni ha ripreso con i compagni la preparazione in vista della gara di domenica sera a La Spezia, ultima del girone di andata.

I giallorossi, infatti,  osservano il turno di riposo mentre le altre squadre, tra oggi e domani, si danno battaglia. Il Brescia ha vinto per 3 a 2 con la Cremonese, imponendosi per la terza volta consecutiva nei minuti di recupero e portandosi momentaneamente in testa alla classifica con il Palermo a quota 31; le altre gare che interessano più direttamente i salentini sono Pescara-Venezia (giovedì alle 19) e Verona-Cittadella (giovedì alle 21). Gli abruzzesi e le due venete sono infatti a quota 26, mentre il Lecce di punti ne ha 29. 

Nonostante il sollievo di aver potuto trascorrere il Natale con i propri cari grazie al calendario, Lucioni, in conferenza stampa, si preoccupa di mantenere alta la concentrazione: “Noi siamo una squadra fastidiosa perché su ogni campo cerchiamo di imporre il nostro gioco - ha commentato -. Facciamo tanti chilometri, abbiamo un alto dispendio di energie, ma quando la gamba rallenta dobbiamo tenere sempre la testa nella partita. Se cresciamo dal punto di vista tecnico e tattico, ancor più dobbiamo farlo da quello mentale”.

L’esperto difensore centrale insiste sul punto: “Il girone di ritorno sarà totalmente diverso da quello di andata: i punti diventano sempre più pesanti e le partita da giocare saranno sempre meno. Immaginando una scala, ci manca ancora qualche gradino per essere al top: non dobbiamo concedere occasioni gratuite in fase delicate del match”. Lucioni, del resto, sa bene che il Lecce ha incassato negli ultimi 15 minuti ben dieci dei 22 gol subiti complessivamente.

Nella stagione 2011/2012 il calciatore ha militato proprio nelle file dello Spezia, conquistando la promozione in B, la Coppa Italia e la Supercoppa di categoria. Di quell’esperienza, ovviamente, ha ricordi molto positivi, ma nei suoi pensieri, oggi, c’è solo la voglia di dare altre soddisfazioni ai tifosi del Lecce che iniziano a coltivare con più convinzione il sogno del ritorno in serie A. Ma per Lucioni nemmeno l'accesso ai play off è un fatto scontato, figurarsi la promozione: “Dal lunedì alla domenica non sono abituato a considerare nulla come acquisito. Le insidie sono sempre dietro l’angolo e non sarà facile fare un girone di ritorno migliore di quello di andata. Noi vogliamo rimanere fino alla fine nella posizione attuale, ma per farlo bisognerà essere concentrati 95 minuti su 94”.

Segui la tua squadra in diretta streaming su DAZN.
Il primo mese è GRATIS!

Potrebbe interessarti

  • Allergia al nichel: i sintomi e gli alimenti da evitare

  • I rimedi fai da te contro la micosi alle unghie

  • Fa davvero male dimenticarsi di cambiare le lenzuola?

  • Rimedi contro gli scarafaggi

I più letti della settimana

  • Scontro fra più veicoli sulla statale 274, muore donna travolta da un autocarro

  • Il malore improvviso, la caduta sull'asfalto. E poi arrivano gli angeli del 118

  • Affiancato e minacciato con pistole, costretto a cedere la sua moto

  • Malore durante la gara, ispettore di polizia si accascia e muore

  • Suv fuori controllo punta su di lei: con istinto felino la donna si mette in salvo

  • Tamponamento in un imbuto, surreale incidente nel cuore della città

Torna su
LeccePrima è in caricamento