Maratona della Pace, da Napoli a Pompei: la tempesta non ferma i podisti salentini

Un gruppo di maratoneti salentini ha sfidato il maltempo correndo la gara che attraversa alcuni dei luoghi più belli della Campania

LECCE – Un viaggio nel cuore di una terra antica e misteriosa, piena di fascino e contraddizioni, tra scorci mozzafiato e luoghi immortalati da poeti e scrittori, ammirati da turisti e viaggiatori e, per una domenica, anche dai maratoneti. La “Maratona della Pace” ha compiuto un quarto di secolo, 42 chilometri e 195 metri da Napoli a Pompei, attraversando il ventre della Campania sotto lo sguardo vigile e severo del Vesuvio.

Al via, sotto un cielo di nuvole scure e gonfie di pioggia, anche alcuni podisti salentini, che hanno realizzato un’autentica impresa, sia per le difficoltà della gara (su un tracciato aperto al traffico e pieno di salite e discese), sia per le condizioni meteo proibitive. A rappresentare il Salento quattro ultramaratoneti, abituati a macinare chilometri e a conquistare traguardi: Raffaele Quarta dell’Asd Nest, Franco Stefanelli di Correre Galatina (giunto al traguardo primo di categoria) e due grandi amici, Tony Gubello e Antonio Marra della Podistica Copertino.

Partenza da piazza Plebiscito, cuore e salotto buono della città partenopea. Poi giù verso il mare sui sampietrini resi viscidi dalla pioggia e sul lungomare Caracciolo stranamente deserto, spazzato dal forte vento di Scirocco, capace di mettere a dura prova la corsa dei maratoneti. Lungo il percorso, già trafficato nelle prime ore della giornata, le bellezze di Napoli: dal Maschio Angioino a castel dell’Ovo, il più antico della città, proteso verso il golfo. Chilometri e fatica su pietre laviche e lastroni, strade intrise di storia e tracce di una Napoli padrona, sfiorando il fascino proibito e antico di Chiatamone e del monte Erchia.

Lasciata Napoli i podisti hanno attraversato Portici ed Ercolano, la città romana fondata, secondo la leggenda, da Ercole e distrutta dall'eruzione del Vesuvio del 79. Poi, sotto un autentico diluvio, attraverso Torre del Greco, schiacciata tra il Vesuvio e il golfo di Napoli, abituata a risorgere come la Fenice. E ancora di corsa verso Torre Annunziata, costruita sui resti dell'antica Oplontis, distrutta dall’eruzione vulcanica, scendendo giù a precipizio dalla Rampa Nunziante, fino alla spiaggia nera dove è ambientata una delle scene più belle di Fortapasc, il film che racconta la storia del giornalista Giancarlo Siani, assassinato dalla camorra proprio a Torre Annunziata.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un’ultima manciata di chilometri per giungere a Pompei, costeggiando la zona degli scavi archeologici, che hanno restituito i resti della città antica, nei pressi della collina di Civita, seppellita sotto una coltre di ceneri e lapilli durante l'eruzione del Vesuvio del 79. E infine l’arrivo, con gli indumenti fradici e il cuore pieno di gioia, dinanzi alla bellezza e alla sacralità del pontificio santuario della Beata Vergine del Santo Rosario. Una maratona da ricordare e da raccontare, 42 di chilometri di emozioni, traffico, paesaggi, pioggia, vento, sampietrini, basolato, fatica e la forza di non arrendersi mai.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Fiamme e fumo sulla collina di Lido Conchiglie. Si sospetta l'origine dolosa

Torna su
LeccePrima è in caricamento