Divieto di trasferta, l'Us Lecce: "Danno per i tifosi e per la squadra"

Con una nota il club giallorosso commenta la decisione del prefetto di Caserta in vista della prossima partita

LECCE –  La decisione del prefetto di Caserta rappresenta un danno per i tifosi, per la squadra e per la società.

Con una nota stampa l’Us Lecce ha preso posizione rispetto al divieto di vendita dei biglietti ai residenti in Puglia, con contestuale sospensione dei programmi di fidelizzazione (leggasi tessera del tifoso), in occasione dell’importante trasferta in terra campana dove i giallorossi, quarti in classifica, sono attesi dalla capolista.

“Si tratta di una ennesima vicenda che danneggia, in occasione di una partita fondamentale, la tifoseria, la squadra e la società e che si aggiunge all’ulteriore danno  di aver perso nelle gare disputate fuori casa, fin dall’introduzione del programma ‘Tessera del Tifoso’, il fondamentale apporto anche della tifoseria non tesserata”.

La società fa sapere che non esistono strumenti per chiedere in tempi utili una revisione del provvedimento, ma non manca di far sentire il proprio punto di vista: “Ancora una volta l’Us Lecce e i tifosi salentini aderenti al programma ‘Tessera del Tifoso’ non possono esercitare e godere delle legittime facoltà, prerogative e diritti riconosciuti dal programma stesso. L’ordinanza adottata dal Prefetto di Caserta si traduce in una misura puramente interdittiva e come tale eccessivamente afflittiva delle aspettative degli sportivi salentini”. Sul punto si fa notare che in tutte la partite giocate lontano dal Via del Mare da quando è stata introdotta la controversa tessera i sostenitori salentini che ne sono in possesso si sono sempre contraddistinti per correttezza.

Il comunicato del club fa capire che si sarebbero potute adottare altre soluzioni:  “Non è dato, inoltre, sapere le ragioni per le quali in luogo delle valutazioni discrezionali operate dal Casms (Comitato analisi sicurezza manifestazioni sportive) non è stata valutata l’adozione delle misure organizzative che, in sede di Gos (Gruppo operativo per la sicurezza), avrebbero potuto comportare l’attuazione di diverse soluzioni anche di minor rigore, considerato anche il fatto che l’Ue Lecce  in altre occasioni, pur di evitare provvedimenti così drastici, ha proposto l’impiego dei propri steward in trasferta, sopportandone i relativi costi”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Chi e'la casertana siamo seri su..doumbia non serve che giocate tutti al 100%bastano 6 giocatori al 80% il problema e" se decidete di giocare..noi speriamo di si

  • Forza ragazzi 2 per voi e 2 per noi..

  • Vinciamo 2 a 0

  • La Prova che e' tutto organizzato in quanto non sono all'altezza di garantire la sicurezza e in piu' e' una manovra per intimidire la squadra

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Coppia si ritrova due banditi armati in casa, terrore in pieno centro

  • Cronaca

    Un pugno in volto, cade e batte la testa: è in coma e non si sa chi sia

  • Cronaca

    Inchiesta sull'antiracket, la posizione di Monosi: "La verità emergerà"

  • Cronaca

    La proroga dell'appalto sui rifiuti era legittima: archiviazione per il sindaco

I più letti della settimana

  • Perucchini limita i danni: rigore parato e per il Lecce un buon pareggio

  • Play off, ritorno degli ottavi contro la Samb: in vendita i biglietti

  • Play-off, già 5mila biglietti venduti per il match di ritorno al Via del Mare

  • Lecce, 22 convocati per la sfida play off. Rizzo "Sfruttare bene i momenti"

  • ll 50°rally del Salento si rinnova nel segno della tradizione

  • Inafferrabile Ct Maglie: vince anche a Roma contro il Ferratella per 4 a 2

Torna su
LeccePrima è in caricamento