Fissata la data del raduno e delle visite mediche, poi il Lecce in Val Gardena

Il 10 luglio calciatori e staff si ritrovano al Ristoppia Resort. Dopo tre giorni di visite mediche, i test all'Acaya Golf Club e quindi la partenza

LECCE - Ultimi scampoli di vacanza per i calciatori e per lo staff del Lecce: il raduno è infatti fissato per la sera del 10 luglio al Ristoppia Resort, in agro di Lequile. Per i tre giorni successivi i calciatori effettueranno le visite mediche presso i centri Biolab di Cutrofiano e Palaia Human Care di Squinzano. Domenica 14 luglio, invece, sono in programma dei test sul manto erboso dell'Acaya Golf Club. Terminate le prove, la squadra si metterà in viaggio per raggiungere Santa Cristina Valgardena, in provincia di Bolzano, dove si svolgerà il ritiro fino al 28 luglio.

Domani, invece, il presidente Saverio Sticchi Damiani illustrerà il progetto di restyling dello stadio di Via del Mare elaborato dall'ingegnere Luciano Ostuni, dall'architetto Cesare Montinaro e dal geometra Luca Camassa. Si tratta della proposta di una veste totalmente rinnovata dell'impianto leccese, che prevede, tre le altre cose, l'eliminazione della pista di atletica con la personalizzazione della superificie con i loghi del club oltre alla caratterizzazione in chiave cromatica dei posti a sedere di tutti i settori.

Intanto il numero uno del club, insieme al direttore sportivo, Mauro Meluso, è protagonista oggi di una lunga pedalata, da Teramo al santuario di Loreto, per tener fede a un impegno da adempiere in caso di promozione del Lecce in serie A. La distanza percorsa è di circa 110 chilometri, l'arrivo a destinazione è previsto intorno alle 17.

CF6FABF3-7A6F-4010-A4DC-2AED8A7B3AD3-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento