Il Lecce vince con il Crotone e si porta a tre punti dalla capolista Pescara

Gran bella partita al Via del Mare con numerose occasioni per parte: Vigoriti e Cordaz tra i protagonisti. I giallorossi in vantaggio al 36' con Venuti, nella ripresa Simy coglie la traversa e Palombi un palo

Nello scatto di Chilla il gol rocambolesco di Venuti.

LECCE – Vittoria di misura ma entusiasmante per il Lecce di Liverani che supera il Crotone per 1 a 0 agganciando i quartieri alti della classifica: la capolista Pescara, prossimo avversario nel posticipo di lunedì 5 novembre, è a tre lunghezze di distanza.

Primo tempo

Liverani punta su Palombi in attacco, insieme a La Mantia, e riaffida una maglia da titolare a Venuti, che a Foggia aveva ceduto il passo a Lepore.  Scavone va in tribuna, nell’undici c’è Tabanelli. Moschella, traghettatore del Crotone nella mani di Oddo, lascia in panchina Budimir e schiera Simy, in gol a Salerno nel turno precedente.

Vigorito subito reattivo: allo scadere del quinto minuto Simy colpisce di testa a pochi metri dalla porta, ma il portiere del Lecce respinge. Al 9’ è Firenze a provarci con un tiro in diagonale, sicura la presa dell’estremo giallorosso. Al 19’ Vigorito si ripete sull’attaccante nigeriano del Crotone, molto bravo a colpire in elevazione su cross di Firenze dopo una veloce ripartenza propiziata da un errore di Calderoni.

Al 25’ la prima vera risposta del Lecce: cross di Calderoni, colpo di testa di La Mantia e deviazione di Marchizza che si trova sulla traiettoria. Primo cambio, per infortunio, in casa Crotone: dentro Golomic per l’infortunato Marchizza. I giallorossi passano in vantaggio al 36’: Venuti ruba palla al limite dell’area a Martella, avanza e mette verso il centro trovando la mano di Golemic per un rigore sacrosanto, ma la sfera termina comunque alle spalle di Cordaz. Nella circostanza ottima la percussione di Tabanelli sul fianco sinistro della difesa calabrese. Vigorito ancora sugli scudi al 42’ su un bel tiro di Rohden. Al 44’ Crotone ancora pericoloso con Firenze il cui tiro termina oltre la traversa.

Secondo tempo

Gran botta di Faraoni al 51’, il pallone termina alto mentre Petriccione protesta per un presunto fallo subito. Al 54’ La Mantia pecca di egoismo quando, arpionato il pallone su errore di Vaisanen e sceglie la conclusione personale invece di servire Palombi. Grandi applausi per Meccariello al 57’: recupero, fraseggio con La Mantia, percussione, cross e Palombi non trova lo specchio della porta.

Al 63’ Vigorito rischia di combinarla grossa quando calcia addosso a Simy: il pallone segue una parabola diretta in porta, ma il portiere del Lecce rimedia smanacciando. L’attaccante ospite si fionda sul pallone ma non riesce e ribatterlo in rete. Crociata rileva Faraoni. I padroni di casa, con Mancosu, non approfittano di una punizione in area accordata per la presa del portiere su retropassaggio di piede di Vaisanen. Al 67’ gran conclusione al volo di Calderoni, respinta da Cordaz. Un cambio per parte al 72’: Pettinari per La Mantia e Budimir per Firenze.

Traversa di Simy al minuto 81’, ancora sul colpo di testa, la sua specialità. Haye prende il posto di Mancosu. Palo di Palombi all’83’: servito da Pettinari che aveva intercettato un disimpegno degli avversari, l’attaccante prepara il tiro con il sinistro ma trova il legno che respinge la sfera. Il secondo tentativo di Palombi è piuttosto un cross basso non alla portata di Pettinari che va assai vicino al gol al minuto 87, con un tocco ravvicinato sul quale Cordaz è praticamenente miracoloso.

Il Crotone protesta per un presunto rigore su Budimir, ma l’arbitro non ravvede scorrettezze nell’intervento di Meccariello e dopo tre minuti di recupero sancisce la fine delle ostilità. Per il Lecce una vittoria pesante perché ottenuta con il cuore ma anche con un atteggiamento sempre propositivo, anche nelle difficoltà: molto importante il livello delle prestazioni di Meccariello, Marino, Tabanelli e, al netto del rinvio sbagliato, anche di Vigorito, ma anche tutto il resto della squadra ha dato quello che aveva meritandosi il grande sostegno del pubblico leccese. 

Il tabellino di Lecce-Crotone 1 a 0

LECCE (4-3-1-2): Vigorito; Venuti, Marino, Meccariello, Calderoni; Tabanelli, Arrigoni (Cap.), Petriccione; Mancosu (82’ Haye); La Mantia (72’ Pettinari), Palombi. A disposizione: Bleve, Milli, Di Matteo, Cosenza, Lepore, Torromino, Dubickas, Tsonev, Fiamozzi, Armellino. Allenatore: Liverani

CROTONE (4-3-3): Cordaz (cap.); Sampierisi, Vaisanen, Marchizza, Martella;  Rohden, Barberis, Stoian; Faraoni (63’ Crociata), Simy, Firenze (72’ Budimir). A disposizione: Figliuzzi, Festa, Curado, Cuomo, Golemic, Molina, Zanellato, Valietti, Spinelli, Aristotelles. Allenatore: Moschella

Marcatori: 36’ Venuti

Ammoniti: 65' Cordaz, 83’ Venuti, 85’ Haye, 90’ Golemic

Arbitro: Fourneau di Roma 1; assistenti: Pagnotta di Nocera Inferiore e Bresmes di Bergamo; Quarto ufficiale: Dionisi de L’Aquila.

Segui il Lecce in diretta streaming su DAZN. 
Il primo mese è GRATIS!

La decima giornata

I risultati: Cremonese-Venezia 0 a 1; Perugia-Padova 3 a 2; Cittadella-Foggia 1 a 1; Cosenza-Pescara 1 a 1; Ascoli-Verona 1 a 0; Carpi-Palermo 0 a 3; Spezia-Benevento (rinviata); Salernitana-Livorno 3 a 1; Lecce-Crotone 1 a 0. Riposa: Brescia

La classifica: Pescara 19, Palermo 18; Verona e Salernitana 17; Benevento  e Lecce 16; Cittadella 15; Brescia 14;  Spezia 13; Ascoli 12; Cremonese, Crotone e Perugia 11; Venezia 9; Cosenza 8; Padova 7; Foggia 6; Livorno e Carpi 5.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (11)

  • Concordo pienamente con Franky; rispettando l'opinione di ognuno, sembra quasi che dobbiamo chiedere scusa per aver vinto. Ce ne fossero di queste giornate!!

  • Grande Tabanelli. I due attaccanti nelle occasioni importanti non se la passano mai. Menomale che l’arbitro non ha visto il rigore nettissimo altrimenti si pareggiava. Per non parlare della cavolata del portiere che per poco non ci fa prendere gol.

  • Buona prestazione al cospetto di una buona squadra. Era importante vincere e lo abbiamo fatto, al netto delle occasioni mancate, sicuramente più quelle del Lecce. Dimenticavo: "rigore è quando arbitro fischia" e ieri sera non ha fischiato. Avanti cosi mister Liverani andiamo a Pescara senza alcun patema d'animo, possiamo e dobbiamo giocarcela con tutti, nessuno escluso. Forza Lecce sempre e comunque.

  • Tanta buona sorte e l'arbitro che non ha concesso un sacrosanto rigore al Crotone per fallo su Budimir ci hanno permesso di fare bottino pieno. Per il resto tanta imprecisione in attacco e qualche preoccupante svarione in difesa. Spero che Mr Liverani lavori su questi aspetti.

    • Per la sua grandissima cultura calcistica,meriterebbe un posto nella Nazionale maggiore...Che tristezza di personaggi!!!

    • Sig Fernando , 6 anni di c ci hanno insegnato una cosa importante , non serve essere sempre perfetti ed i migliori , probabilmente in alcuni anni lo eravamo , però la fortuna non ci ha aiutati , neanche gli arbitri , ed abbiamo sofferto da morire. Ad oggi abbiamo fatto un buon inizio , con buone prestazioni compresa quella di ieri ,nonostante giocassimo con una grande squadra allestita per vincere il campionato con ottimi giocatori. Detto questo anche noi abbiamo sbagliato il 2 a a 0 soli in due davanti al loro portiere per eccesso di egoismo , il rigore probabilmente era netto , ma non ho visto eccessive promesse da parte loro. La squadra rispetto al gioco espresso lo scorso anno ha avuto un evoluzione positiva ed è sotto gli occhi di tutti , se dovessimo migliorare saremmo imbattibili e magari le ambizioni saranno diverse , ma io per ora sono più che contento anche perché francamente nessuno se lo sarebbe aspettato . Ci manca falco , bovo , lucioni , per il resto tutti stanno facendo la loro parte egregiamente. Quindi accontentiamoci , non siamo marziani e per una volta gioiamo!

      • Salve Franky, io mi riferivo alla partita di ieri sera e non ai sei anni precedenti per quanto riguarda l'eventuale fortuna o sfortuna. Da tifoso del Lecce e, soprattutto da sportivo, devo ammettere che il Crotone avrebbe meritato di vincere o per lo meno di pareggiare ieri sera per la mole di gioco prodotta, per le occasioni da goal e per il rigore netto su Budimir non concesso dall'arbitro.

        • Rispetto per carità la sua opinione Fernando , ma per una volta che la fortuna ci ha aiutato , gioiamo senza sempre osannare gli altri , come se fossimo scocciati di aver vinto. Abbiamo vinto basta , anche perché non abbiamo rubato , ripeto le occasioni anche per noi sono state tante , palombi 2 compresa un palo , una la mantia clamorosa , una su rovesciata , e poi puoi dire che il Crotone gioca bene , ma abbiamo vinto. Poi se teniamo da dire anche quando vinciamo ! Non pensiamo agli altri pensiamo a noi ed a non perdere.

        • Contando su di un pallottoliere le occasioni sprecate, il risultato più giusto sarebbe stato 5 a 4 per noi.

  • Ora tutti a Pescara!

  • Grande prestazione e grande partita. Grande Tabanelli

Notizie di oggi

  • settimana

    Un uomo sul parapetto del tribunale civile: minaccia suicidio e poi desiste

  • Cronaca

    Sospetto caso di meningite, il sindaco rassicura: "Niente allarme"“

  • Politica

    "La Questura merita una nuova sede": la firma del protocollo in Prefettura

  • Cronaca

    L'odontoiatra? Non aveva i titoli. Arrivano i carabinieri e sequestrano tutto

I più letti della settimana

  • Muore dopo un malore in casa Raffaele Baldassarre: camera ardente a Palazzo Gorgoni

  • Esplosione nella fabbrica di fuochi d’artificio: muore un 19enne, grave collega

  • Ladri nel caveau della banca: ritrovati 4 borsoni con denaro e ori

  • Marijuana a chili, quattro arresti. Il blitz scatta anche in casa di studenti

  • Schiacciato sotto un tronco di pino, muore mentre tenta di liberarsi

  • Un colpo di sonno e l’auto finisce sulla corsia opposta: 21enne in Rianimazione

Torna su
LeccePrima è in caricamento