Torna la Scalata delle veneri: la maratona nel punto più alto del Salento

L’appuntamento sportivo, a Parabita, è alla sua decima edizione. Prevista anche una versione più “soft” per gli amanti della camminata

Una delle precedenti edizioni.

PARABITA - Torna l’appuntamento estivo della “Scalata delle Veneri” per le strade del borgo e tra i percorsi rurali di Parabita: domenica 23 giugno 2019 si corre la decima edizione. Si inserisce nel cartellone della “Fidal” di Lecce il nuovo appuntamento organizzato per domenica 23 giugno, a Parabita. L’evento è a cura dell’associazione cittadina “Podistica Parabita” presieduta da Antonio Leopizzi.

La gara di circa 10 chilometri è valida come ottava tappa del circuito podistico “Salento Tour 2019” e si snoderà tra il Centro storico, il “Parco Archeologico delle Veneri” (caratterizzato dalla presenza Grotta delle Veneri), la “Collina di Sant’Eleuterio” (200 metri sul livello del mare, punto più alto del Salento) e la macchia mediterranea con vista panoramica sul mare.

La manifestazione prevede la presenza di centinaia di podisti. Il ritrovo è fissato per le 7 di domenica in via Coltura, nei pressi del parco comunale.  La partenza è prevista alle ore 8,45 da via Vittorio Emanuele II. Alla manifestazione è abbinata una camminata veloce non competitiva di 7 chilometri per cittadini e praticanti del walking per la quale non è prevista nessuna classifica. L’iniziativa è organizzata dall’Asd Walking Parabita” con partenza alle ore 8,45, sempre da Via Vittorio Emanuele II.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: conducente in arresto

  • Tallonano la Punto, poi il colpo di pistola per far scendere la vittima

  • Paura sulla statale: perde il controllo e si schianta contro guardrail e albero

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Dalla perquisizione della vettura spunta la droga: coppia di fruttivendoli nei guai

  • Suv scorrazzano tra studenti e bagnanti. E si tenta di deviare lo sbocco a mare dell'Idume

Torna su
LeccePrima è in caricamento