Lecce, rigore sbagliato e traversa. Ma Perucchini è da applausi

A Catania finisce 0 a 0. In apertura Moscardelli fallisce dal dischetto, in chiusura di tempo colpisce il legno. I padroni di casa ribattono colpo su colpo

CATANIA - Dodicesimo risultato utile, sesto pareggio, per il Lecce che a Catania rimedia un punto. Si muove la classifica ma resta un po' di amaro in bocca: l'errore di Moscardelli sul dischetto, in apertura di gara, ha impedito ai giallorossi di mettere il match sul miglior binario possibile, ma c'è da considerare anche la prestazione maiuscola di Perucchini che in più circostanze è stato determinante. 

Primo tempo

Il Lecce, con Legittimo centrale difensivo al posto di Abruzzese e Liviero esterno sinistro di centrocampo, parte subito bene: dopo un tiro di Lepore che sfiora il palo, arriva il calcio di rigore per fallo di mano di Garufo. Dal dischetto Moscardelli non inquadra la porta e l’occasione di portarsi in vantaggio sfuma.

Il Catania, nonostante un ambiente inviperito per le vicissitudini societarie, è tonico e impegna subito Perucchini che prima respinge su conclusione volante di Bergamelli e poi compie un mezzo miracolo intercettando con la punta della mano una deviazione ravvicinata di Calil. Per gli ospiti ancora una ghiotta opportunità al 15’, ancora con Moscardelli che gira sul secondo palo un bel cross di Surraco ma Liverani si oppone.

Passano tre minuti ed è ancora il portiere del Lecce a farsi notare smanacciando in calcio d'angolo un tiro di Calil che al 34' sfiora il goal con un colpo di testa che lambisce il palo. L'attaccante catanese ci riprova al 39', ma Perucchini è bravo a deviare un tiro che poi s'infrange sulla traversa. Il Lecce pareggia il conto dei corner subito dopo, al 43', con un colpo di testa di Moscardelli.

Secondo tempo

La ripresa vede le due squadre meno disposte a prestare il fianco all'avversario e non ci sono occasioni di particolare interesse: da registrare l'uscita di scena di capitan Papini, al 50' per un infortunio alla caviglia. Al suo posto De Feudis. Braglia inserisce Caturano per Moscardelli al 62' mentre sei minuti dopo mister Pancaro manda in campo Bombagi e Lupoli per Musacci e Calderini. Con il passare dei minuti il ritmo cala ulteriormente e la partita scivola verso il triplice fischio senza sorprese. Negli ultimi dieci minuti spazio a Vecsei per Surraco.

Il tabellino di Catania-Lecce 0 a 0

CATANIA (4-3-3): Liverani; Garufo, Bastrini; Bergamelli, Nunzella (88’ Parisi); Agazzi, Di Cecco, Musacci (68’ Bombagi); Calderini (68’ Lupoli), Calil, Falcone. A disposizione: Logofatu, Pelagatti, Pessina, Di Stefano, Felleca. Allenatore: Pancaro

LECCE (3-5-2): Perucchini; Freddi, Cosenza, Legittimo; Lepore, Papini (cap.) (50’ De Feudis), Salvi, Liviero; Surraco (81’ Vecsei), Moscardelli (62’ Caturano), Doumbia. A disposizione: Bleve; Camisa, Abruzzese, Beduschi, Lo Sicco, Sowe, Curiale. Allenatore: Braglia

Ammoniti: 26' Surraco, 35' Papini, 36' Musacci, 73' Freddi, 90' Parisi

Arbitro: Morreale; Assistenti: Bresmes e Semperboni

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (36)

  • Per poco non c'è stato il poker, comunque un buon tris di pareggi hanno lasciato una classifica variata di poco. In Foggia - Matera si è visto che se pressati alti, i dauni, hanno difficoltà ad organizzare trame offensive e, considerato che la loro difesa spesso e volentieri barcolla, la partita di sabato lascia ben sperare. E' il momento giusto per i lupi, uscire dal letargo e cominciare ad azzannare con più coraggio e consapevolezza. Braglia, come ci si difende ce lo hai fatto vedere tante volte, ok, ora mostraci come si attacca mettendo in condizione i nostri avanti a guadagnarsi il titolo di bomber.

  • Pippo hai il piacere di giocare contro questo club di nome LECCE che non ha niente da invidiare ..Il Lecce per voi e come il barcellona per noi e sempre una soddisfazione vincere ma una partita non e" una storia e nemmeno una realta" avete vinto una partita e occhio il cavallo vincente si vede alla fine..ti ricordo che il Lecce aveva 10 punti di vantaggio sul trapani a febbraio..ho il piacere di salutarti a maggio quando rimarrai in lega pro

    • Luca saremo noi che saluteremo te a maggio Uggiano la chiesa Minervino di lecce e muro leccese vi aspettano

      • Dopo che ti hanno cacciato via dai siti foggiani, sei venuto proprio nella tana dei lupi? Non farti male da solo.

  • Dispiace vedere un campionato così scarso ed un LECCE che avrebbe potuto e dovuto maramaldeggiare in lungo e in largo , in questo momento non ho dati alla mano ma se si fa il rapporto punti guadagnati e punti persi non lo so quale sia più alta, magari suggerisco alla Redazione di mettere sempre in evidenza questo spread o termometrò , serve per rendersi conto dell'andatura della squadra . Tra i tanti punti persi quelli che stanno pesando di più sono ANDRIA ( incasa ) e a RIETI , ben 5 punti , provate a guardare la classifica e vi morderete le mani, poi aggiungiamo qualche pareggio in casa e le sconfitte che magari si potevano evitare, quindi non vi spaventate di CASERTANA e FOGGIA qui sono più i demeriti del LECCE , la difesa come detto non fa una grinza è l'attacco che non è in pratica esistito quest'anno , l'attacco che è la causa dei tanti punti persi , delle mancate vittorie fuori casa , anche il Mister Braglia non riesce a sbloccare tatticamente questo reparto , probabilmente Piero viene da quella generazione di calciatori dove gli stato inculcato nella mente la cultura della "difesa ad oltranza" o "catenaccio" sicuramente è un modo di giocare che può dare risultati , ma bisogna saperlo anche fare , al momento giusto il contropiede micidiale che ti da la vittoria a CATANIA o a RIETI o CATANZARO . Un campionato così basso a livello tecnico crediamo che con Franco Lerda si sarebbe stravinto , questo vezzo tutto italiano di cambiare allenatore non giova alla fine , si da una scossa iniziale ma è una scossa....del bambolotto con le pile ..., ripeto gli va riconosciuto a Braglia di non essere partito in ritiro con la squadra ...ma facciamo finta che oggi finisce il ritro , e comincia il campionato , la prima partita è il FOGGIA spauracchio di squadra che se presa nel modo intelligente e con massima concentrazione non dovrebbe essere un problema battere , e poi in casa ci saranno 20.000 spettatori , diciamolo pure , è LA PARTITA DELL'ANNO , non pensare al 4-0 dell'andata altrimenti si va in paranoia, l'unica cosa è ASFALTARE quell'undici provenienti da San Pio , e poi via mantenere la vetta fino alla fine.

  • Bisogna fare i complimenti alla difesa che sta tirando la carretta , ma qui se non si vince fuori siamo impantanati e non vinci il torneo .

  • Sembra che un regista si stia divertendo a tenerci con il fiato sospeso, i pareggi di Cosenza e Casertana ci fanno ben sperare, non è facile per nessuno un cambio di passo decisivo. E' triste sperare nei passi falsi delle altre pretendenti, ma il calcio è anche questo. Grazie Diop, ci hai aiutati meglio lontano da Lecce.

    • E il rammarico aumenta , come la cilecca con il primo amore amore.

      • continui a parlare di rammarico in seguito ai pareggi degli altri: e non ringraziamo invece? pensa te se avessero sempre vinto le altre pretendenti al trono! ora saremmo lontani anni luce e fuori dai giochi.

        • appunto ! dovremmo essere in testa con 5-6 punti di vantaggio...ma tranquillamente,e la prossima dare il colpo di grazia al foggia.

  • Luca vedi quante pere hai preso dal foggia nei campionati passati e stai zitto x almeno 200 anni

  • Luca voi invece esistore per Minervino di lecce Uggiate la chiesa muro leccese ecc

  • Santissima juvestabia da Castellammare Grazie !!! ,Gol di Diop , sciaguratissime partite in casa con Andria e a Rieti , pensate il Lecce avrebbe 44 punti !!! ,solo queste due partite .

  • Ah pippo vai a farti un po" di cultura personale e prima di nominare Lecce vedi per chi tifi che non risultate da nessuna parte

  • Pippo ogni tanto ci piace guardare il di dietro a chi per anni no vedeva il nostro nemmeno con il binocolo

  • Forse in settimana lo avete esaltato troppo per il gol sotto la nord poi è chiaro che si vede che è un calciatore discontinuo vecchio e inutile per andare in b

    • Abbiamo di meglio? Se ai nuovi arrivati, Braglia non da fiducia se non per pochi minuti c'è una ragione. Ieri sera, rigore a parte, il pareggio ci sta tutto un "Perrucchini da applausi" bilancia le nostre occasioni. Rimango sempre dell'idea che questa squadra risente della mancanza di un regista.

  • Foggia e lecce in b

  • Come è possibile che l'ANDRIA va a fare una passeggiata ai CASTELLI ? ( 0-3 ) e il LECCE si impantana sul pareggio ? , ma e mai possibile che che questa squadra non dia mai una soddisfazione una gioia come ad esempio vincere al comunale di CATANIA ? un bel 0-4 ....ma come puoi pensare di vincere un campionato se non vinci un matchpoint dico uno !, se poi ai difficoltà a segnare con gente come Surraco, Curiale, Moscardelli, Carrozza, Caturano ecc....su sei punti ad esempio ( casertana e catania ) solo due miseri punti ...non ci siamo, non sarebbe stato meglio arrivare al bigmatch contro i cugini rossoneri con due -tre punti in più...?, aspettiamo sempre che questo tanto decantato rullo compressore si metta in moto ma quando ? siamo già a metà febbraio... quando avremo il piacere di godere di almeno 5-6 vittorie consecutive ? veramente la sfida con il FOGGIA a questo punto mi sa tanto di ultimissima chiamata per Braglia & C , sicuramente questo mister sta facendo meglio di Antonino Asta ( non era cosi difficile...) e gli va riconosciuto l'attenuante di non aver iniziato in giugno in qualche fresco bosco del Trentino Alto Adige , però la macchina non parte...o troppi pit-stop oppure non si riesce a trasmettere sull'asfalto il potenziale del motore ( sempre che ci sia questo potenziale...) una squadra che vuole vincere il campionato va ed espugna CATANIA senza se e senza ma...e anche un rigore sbagliato può essere segno di non condizione , vedete che alla fine forse non serve il nome altisonante in attacco, quella vecchia mia idea di prendere due bomber da 25 reti ciascuno dalla serie D affamati letteralmente e non in senso lato spero che il prossimo anno qualsiasi sia l'esito del campionato venga presa in seria considerazione. Buon San Valentino .

    • E' vero, fa tanta rabbia ricordare quanto abbiamo sprecato contro i fanalini di coda, ma le altre pretendenti non hanno fatto di meglio. L'inesistenza di vere corazzate ci autorizza a crederci, già ieri sera ho visto più costruzione di gioco. La filosofia di Braglia, come da lui stesso dichiarato, è prima non prenderle, forse, a questo punto, è meglio accettare qualche rischio e cercare di darle.

    • concordo pienamente ci manca l'attacco.

  • Te ne devi Anna ' Moscardelli..

    • Andare via con Anna...però mica male come idea. ( alla fine la vita è tutta li hi hi ..)

  • Secondo me qualche sbandamento di troppo nella difesa senza Abruzzese , forse prevedibile causa nuovi assetti da registrare, comunque rischioso. Mi chiedo come mai non si tiri più da fuori area, ricordo bei goal di Lepore Salvi Surraco quando si si fa difficoltà ad arrivare al tiro in aerea. Penso anche a come ha vinto la juve ieri. Terzo appunto, quando doveva entrare Caturano perché non riproporlo come suggeritore al centro visto l ottimo rendimento col Martina? Infine complimenti a Freddi per la classica ammonizione mInchia. Comunque son convinto che con il Foggia sarà una grande partita e li asfalteremo!!

    • Ricordati le 4 pappine Dell andata e per ora guardaci le spalle e saluta la capolista

      • pippuzzo pensa al Matera ora, che l'andata è andata, avete giganteggiato ma era un altro momento, quando forse il ns allenatore aveva perso la squadra ed infatti è stato mandato via. Sabato sarà un altra partita, mi dispiace x te (mica tanto poi).

      • Vi sarà resa la pariglia .. ,dovessimo anche segnare di rigore al 98simo

    • ricordo anche l'anno scorso un LECCE corsaro a SALERNO e BENEVENTO .

  • Moscardelli deve andare in panchina....non è più l'attaccante di due anni fa....

    • oppure negli ultimi 15 '.

  • Moscardelli in panchina Mister....grazie..

  • Il solito problema. Non si segna neppure su rigore. La prestazione della squadra positiva, ma non abbiamo chi realizzi

    • Giusto, anche alla luce dello scarso impiego dei rinforzi di gennaio.

  • Steso un velo pietoso sul rigore, abbiamo assistito ad una partita propositiva e finalmente con pochi passaggi sbagliati. Questa sera ho visto un Lecce diverso, veloce, capace di pressare ed organizzare significative azioni d'attacco, eppure i giocatori erano sempre gli stessi di altre partite deludenti. Che abbiano finito il rodaggio ? Lo sapremo dopo il confronto con il Foggia. Ora ci resta da sperare che le nostre antagoniste, al massimo, ottengano tanti bei pareggi. La Casertana, dopo segnalinee e idrante di Matera, chissà domani per cosa inoltreranno il terzo ricorso.

    • Partecipare ad un torneo dove ci sono squadre campane....è meraviglioso.

  • Tanto anche se si realizzava il rigore sicuramente il Catania pareggiava, il problema è che probabilmente Braglia non riesce a far segnare questa squadra, i risultati sono discreti direi, temo che prima o poi qualche squadra prenderà il largo , si sta scherzando troppo con il fuoco.

Notizie di oggi

  • Sport

    Il Lecce torna a vincere al Via del Mare: doppietta di Lepore e Caturano

  • Politica

    Delli Noci molla gli ormeggi: “Non sono un bussolotto in mano a qualcuno”

  • Gallipoli

    Notte di fuoco tra Gallipoli e Nardò: il bilancio è di sette mezzi distrutti

  • Galatina

    Ladro in manette dopo le urla del proprietario. Anche due 19enni nei guai

I più letti della settimana

  • Il Lecce vince 3 a 0 a Messina e si rilancia: doppietta di Caturano

  • Il Lecce torna a vincere al Via del Mare: doppietta di Lepore e Caturano

  • Il Lecce torna in campo a Messina alla ricerca del riscatto immediato

  • Padalino prepara il miglior Lecce: Doumbia e Tsonev in rampa di lancio

  • Gallipoli e Casarano, derby con due rinforzi. In attacco Mingiano e Pignataro

  • Ciancio chiarisce i dubbi: "Massima disponibilità a giocare a sinistra"

Torna su
LeccePrima è in caricamento