Tim cup: eliminazione amara per il Lecce che crolla nel finale a Pordenone

In vantaggio di due reti grazie a una doppietta di Di Piazza, la formazione giallorossa si fa rimontare negli ultimi dieci minuti

LECCE - Un'occasione sprecata. Al Lecce non bastano due gol di vantaggio e due reti di Di Piazza (alla seconda doppietta in sette giorni) per superare il Pordenone e volare verso il quarto turno di Tim cup. La squadra allenata da mister Rizzo crolla nel finale del Bottecchia, incassando tre goal in poco più di dieci minuti. Un crollo che sancisce l’eliminazione dei giallorossi dalla Coppa e da una sfida prestigiosa con una tra Cagliari e Palermo.

Giallorossi in vantaggio dopo sette minuti con Di Piazza, che raccoglie un lancio di Arrigoni e davanti a Perilli non perdona. La formazione salentina è brava a contenere la reazione dei padroni di casa e a innescare in contropiede l’ex attaccante del Foggia. Ad inizio ripresa il Lecce trova subito il raddoppio con il solito Di Piazza, lanciato a rete dai compagni di squadra.

Sotto di dure reti il Pordenone tenta il tutto per tutto, sfiorando il goal in un paio di occasioni con Ciurria. La svolta alla mezz’ora del secondo tempo, dopo il palo di Caturano i neroverdi accorciano le distanze con il neo entrato Raffini. I padroni di casa ci credono e trovano il pareggio grazie a un rigore procurato da Ciurria e trasformato da Burrai. La beffa per i giallorossi arriva allo scadere: spinto dal pubblico di casa il Pordenone si lancia in avanti. Su calcio d’angolo la difesa salentina si fa trovare impreparata e Parodi di testa supera per la terza volta Perrucchini, facendo impazzire il Bottecchia. Il Pordenone dopo aver espugnato il campo del Venezia continua la sua favola calcistica, sognando la grande sfida con l’Inter.