Tiro a segno, il team leccese pronto a fare la sua parte ai campionati italiani

La sezione leccese è pronta ad affrontare l’evento sportivo più importante dell’anno e la squadra a portare “il cuore oltre l’ostacolo”. La competizione in atto a Bologna

Passione e sacrifici per il tiro a segno leccese, pronto per sbarcare ai prossimi campionati italiani che si svolgeranno dal 24 al 28 luglio 2019 a Bologna. Alcune giovanissime leve sono pronte per l’assalto al titolo italiano. La sezione leccese è pronta ad affrontare l’evento sportivo più importante dell’anno e la squadra a portare “il cuore oltre l’ostacolo”. Il presidente della sezione, Francesco Tommasi, sottolinea che i ragazzi sono allenati e in  continua preparazione. Hanno sete di vittoria e ambiscono a risultati importanti. Certamente porteranno a casa tante soddisfazioni.

Fanno parte della squadra, il già consolidato team del bersaglio mobile composto da Antonio Del Cuore, Stefano De Bellis, Maurizio Rizzello, Alessandro Tommasi  e dall’esordiente Moglan Flavius Dumitri. Per la pistola olimpica a 10 metri, Gianmarco Frisuillo. Per la pistola libera a 50 metri, Roberta Formisano. Per la specialità regina, carabina olimpica a 10 metri, Oleksandra Dziuba, Sofia Sabato, Michele Sabato, Lucio Schito, Marco Greco e gli esordienti, giovanissimi ma competitivi, Arianna Ciardo e Marco Antonaci, il paralimpico Carmelo Arnesano nella pistola a 10 metri.

La stessa qualificazione alla finale dei campionati italiani à già motivo di soddisfazione e ripaga l’impegno di tutto lo staff tecnico durante l’intera stagione sportiva.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Droga ed estorsioni, maxi operazione della polizia: 72 ordinanze

  • Agguato in autostrada ai tifosi del Lecce: un mezzo dato alle fiamme

  • Psicosi da Covid-19: falso allarme, ma treno bloccato in stazione a Lecce

  • Malore alla guida, schianto sullo spartitraffico: 25enne in codice rosso

  • Due sinistri di ritorno dal mare: un uomo deceduto, l’altro gravemente ferito

  • Covid-19, chi rientra dalle zone colpite deve comunicarlo ai sanitari

Torna su
LeccePrima è in caricamento