Triathlon, stagione da record per Beccarisi: a Cervia la quinta impresa

Il triatleta originario di Galatina, tra fine maggio e settembre, è riuscito a completare, con risultati eccellenti, quattro Ironman completi e un 70.3

LECCE – Immaginate di percorrere, tra nuoto, bici e corsa, la distanza che separa Lecce da Milano, oltre mille chilometri. Bisogna, è proprio il caso di dirlo, essere degli Ironman, come Leonardo Beccarisi, triatleta originario di Galatina che, tra fine maggio e settembre, è riuscito nell’impresa di completare, con risultati eccellenti, quattro Ironman completi e un 70.3: Lanzarote (il più duro al mondo) a fine maggio; Pescara il 10 giugno; Klagenfurt, in Austria, a inizio luglio; Zurigo a inizio agosto e Cervia domenica scorsa. Risultati eccezionali, frutto di grandi doti atletiche e fisiche, preparazione, allenamento, testa, tecnica, coraggio e tanto cuore. Beccarisi si sta imponendo a livello internazionale, consolidando la prima posizione tra gli italiani nella sua categoria nella classifica al mondiale IM.

Il triatleta salentino ha chiuso nella “gara di casa”, l’Ironman Italia a Cervia (Ravenna), la sua fantastica impresa, scrivendo un altro capitolo della sua bellissima storia sportiva. Una gara capace di attirare circa 2mila e 700 atleti provenienti da ben 70 nazioni, in un clima ancora estivo. Dopo una buona frazione di nuoto (circa 4 chilometri percorsi in un’ora e 8 minuti), Beccarisi ha disputato una grande frazione bici, macinando 180 chilometri in 5 ore e 10 minuti (con una media vicina ai 35 chilometri orari) e una maratona dagli alti e bassi, chiusa in 4 ore esatte. Da brividi il traguardo finale (in 10 ore e 33 minuti), tagliato con il figlio sulle spalle e l'amico fraterno Marco Accardo, un’emozione difficile da descrivere, di quelle che ti rimangono incise per sempre sul cuore e ti ripagano, in un solo istante, di mesi di allenamenti e sacrifici.

“Voglio dire un immenso grazie a mia moglie Federica Fiocca – commenta Beccarisi –, donna dalla pazienza infinita, e dedicare questa impresa a mia madre, la mia stella che veglia sempre su di me. Ringrazio anche il mio coach Gabriele Mazzetta, sul tracciato a fare il tifo per me e il grande amico Fabio Piscopiello, che ha fatto un lavoro impeccabile sulla biomeccanica, e i miei supporter #enjoitriathlon, Unolab Lavorazioni Metalli, Balduina Bikeshop, Livio Pitta e #pprteam”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Complimenti a Beccarisi, un grande atleta umile e generoso, che ha scritto una fantastica storia di sport, al ritmo di fatica, sacrifici, chilometri e sorrisi. Di sicuro sta già pensando alla prossima stagione in cui, non ci sono dubbi, proverà a cimentarsi in nuove grandi sfide, a superare se stesso e i propri limiti, a regalare emozioni a se stesso e alla sua famiglia, a rendere onore e vanto alla sua terra, ambasciatore di sport ed esempio da seguire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Accoltella la madre e poi si lancia nel vuoto: tragedia in una famiglia salentina

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • Vento e pioggia, strade trasformate in fiumi. Auto in panne e allagamenti

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

  • Rintracciata a Ostia: il 30 giugno, dopo cena, era uscita senza fare rientro

Torna su
LeccePrima è in caricamento