Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Video | Obiettivo Tricolore: pensando ad Alex Zanardi, gli atleti al traguardo

 

LECCE – Dopo il passaggio a Porto Cesareo, il finale a Santa Cesarea, nel piazzale delle Terme. L’ultimo dell’evento promosso da “Obiettivo 3” di Alex Zanardi e ribattezzato “Obiettivo Tricolore”, con 43 tappe da nord a sud tra handbike, bici e carrozzina olimpica. In due settimane (dal 12 al 28 giugno), cinquantadue atleti paralimpici, tra cui anche il pilota bolognese, prima del terribile incidente in cui è rimasto coinvolto, si sono passati di mano in mano il testimone simbolo dell’ottimismo e della determinazione. E gli altri sono andati avanti comunque, oltre ogni ostacolo, fino alla fine, pensando sempre ad Alex che sta combattendo l’ennesima battaglia della sua vita.

La prima partenza è stata il 12 giugno a Luino, sul Lago Maggiore, per arrivare poi nel Tacco d’Italia dopo 3mila chilometri di percorso, con 52 atleti paralimpici in ballo che si sono alternati in 43 tappe, toccando quattordici regioni d’Italia, compresa la Sardegna.

Nel video, a parlare e a ricordare la figura di Alex Zanardi, c’è anche il colonnello Carlo Calcagni, salentino originario di Guagnano, con invalidità permanenti dopo un servizio in Bosnia Herzegovina nel 1996, per la quale ha combattuto a lungo perché fosse riconosciuta la causa di servizio. Fu vittima di “fuoco amico”, dopo un massiccio bombardamento delle forze Nato con ordigni a uranio impoverito.

Potrebbe Interessarti

Torna su
LeccePrima è in caricamento