rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Animali

Anagrafe degli animali d'affezione: cos'è e perché è importante

L'Anagrafe raccoglie tutti i dati identificativi degli animali domestici. Scopriamo cos'è e come effettuare la registrazione

L’Anagrafe degli animali d'affezione è dove registrare obbligatoriamente il proprio animale domestico. Infatti, così come per gli essere umani anche i dati dei nostri amici a quattro zampe devono essere raccolti all’interno di un apposito registro.

Cos’è l’Anagrafe per gli animali d’affezione

Innanzitutto, per animali d’affezione si intendono tutti i pet di compagnia, ossia accuditi senza alcun fine riproduttivo o alimentare; tra questi troviamo cani e gatti, uccelli, furetti, rettili, criceti e conigli.

Nello specifico, l’Anagrafe degli animali d’affezione è un registro nazionale di animali domestici identificati con microchip su tutto il territorio italiano. Questo registro è stato realizzato dal Ministero della Salute in collaborazione con le singole amministrazioni regionali.

Questa Anagrafe si trova presso l’Asl locale e contiene tutti i dati dell’animale: ossia sesso, razza, codice identificativo del microchip, colore del manto, nome e anche tutti i riferimenti del proprietario (nome, cognome, indirizzo, numero di telefono etc…).

Come funziona l'Anagrafe per gli animali d'affezione

L’obbligo di registrare i propri animali domestici presso l’Anagrafe è stato istituito con l’accordo Stato-Regioni del 6 febbraio 2003.

Mentre la registrazione dei cani è obbligatoria dal 2013, quella di gatti e furetti è invece su base volontaria; infine, per quanto riguarda la registrazione dei conigli d’affezione questa deve essere effettuata su una banca dati privata a loro dedicata, realizzata dall’AAE-Conigli onlus (Associazione Animali Esotici- Sezione conigli), e denominata appunto Anagrafe dei conigli.

Gli animali entrano nella Carta costituzionale: ecco cosa cambia

Come iscrivere il proprio animale domestico all’Anagrafe

Per iscrivere il proprio animale domestico all’Anagrafe sarà necessario portarlo da un veterinario, oppure presso la Asl del proprio territorio. Quindi, attraverso una semplice iniezione sul lato sinistro del collo si applicherà un piccolo microchip sottocutaneo, contenente un codice magnetico di 15 cifre.

Dopo di ciò, sarà proprio il medico veterinario a registrare all’Anagrafe i dati dell'animale e del proprietario: nome, numero identificativo, data di applicazione, sesso, taglia, età, razza, colore del pelo.

Perché è importante registrare all'Anagrafe gli animali domestici

Registrare gli animali d’affezione presso l’Anagrafe è importante per diversi motivi; innanzitutto, fornisce tutte le informazioni relative a un animale domestico, sia in caso di smarrimento sia in caso di furto.

Ma non è tutto, poiché se il pet viene perso o peggio abbandonato dal proprio padrone è proprio grazie al codice identificativo nel microchip, che si può risalire al proprietario e punirlo legalmente.

Quindi, l’Anagrafe per gli animali d’affezione è un modo per tutelare i nostri amici a 4 zampe per tale ragione è fondamentale procedere con la registrazione in caso di adozione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anagrafe degli animali d'affezione: cos'è e perché è importante

LeccePrima è in caricamento