rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Una doverosa precisazione / Ugento

Nidi di tartarughe marine: appropriati solo gli interventi degli specialisti

Anche se animati da nobili intenzioni, è meglio evitare iniziative improvvisate. La cosa giusta da fare in occasione di un ritrovamento è telefonare al Centro di recupero di Calimera o alla capitaneria di porto

TORRE SAN GIOVANNI (Ugento) - Sono circa 30 al momento i nidi di tartaruga monitorati dai volontari – seaturtlewatcher - che dal 2018 si preoccupano di vigilare sul litorale salentino e di assistere gli operatori del Centro recupero tartarughe marine di Calimera durante le schiuse. Per farlo è necessario un impegno banale e, quindi, sono ben accolte nuove adesioni evitando di agire in maniera isolata e senza formazione specifica.

L’invito arriva all’indomani della pubblicazione di un articolo, che nasceva da una segnalazione dei diretti protagonisti (padre e figlio), relativamente a un ritrovamento su una delle spiagge di Torre San Giovanni di tredici piccoli esemplari di Caretta caretta “bloccati” nell’accesso al mare da un banco di scogli emerso in superficie per l’azione delle correnti marine.

La precisazione nasce dalla circostanza che anche quel nido era periodicamente monitorato dai volontari, in attesa della schiusa imminente. Sul posto, tra l’altro, un cartello riportava il numero di telefono del direttore del Centro di recupero, Piero Carlino che proprio in quelle ore era presso la base operativa situata nel campeggio “Riva di Ugento” pronto ad intervenire in caso di schiusa di uno degli oltre 30 nidi deposti tra le marine di Salve ed Ugento.

Si ricorda che anche il solo trasferimento delle tartarughe da un sito all’altro, seppur vicino, è vietato dalle norme che tutelano questi animali. L’appello, quindi, per chiunque dovesse avvistare esemplari o imbattersi in schiuse di avvisare il Centro di recupero al numero 320 658 6551, (che è anche presente su appositi cartelli informativi applicati alla recinzione di ogni nido) o, in alternativa, la capitaneria di porto che provvederà a inoltrare la chiamata agli operatori preposti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nidi di tartarughe marine: appropriati solo gli interventi degli specialisti

LeccePrima è in caricamento