rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Con l’ultimo romanzo “Ciatuzzu”

“Adotta uno scrittore” nell’istituto di Borgo San Nicola: due giorni con l’autrice Catena Fiorello

Il 22 e 23 marzo presso la sala cinema il confronto tra una ventina di studenti delle scuole carcerarie con la scrittrice siciliana che ha aderito alla ventunesima edizione del progetto del Salone internazionale del libro di Torino

LECCE - Ritorna il progetto “Adotta uno scrittore”, giunto alla sua ventunesima edizione, e promosso dal Salone internazionale del libro di Torino con 40 tra autrici e autori che incontrano studentesse e studenti di 38 scuole di nove regioni italiane, dal nord al sud della penisola e che interessa anche undici scuole carcerarie. E farà tappa anche nella casa circondariale di Lecce. Il progetto prevede infatti che una classe adotti un autore e lo ospiti per due o tre incontri.

L’istituto penitenziario di Borgo San Nicola, diretto da Mariateresa Susca, è tra le realtà che ha aderito alla manifestazione “adottando” l’autrice siciliana, e pugliese ormai d’adozione, Catena Fiorello. La scrittrice, autrice televisiva e conduttrice, come comunicato dalla direzione penitenziaria, sarà presente nella struttura leccese nelle giornate del 22 e 23 marzo, durante le quali presenterà il suo ultimo romanzo, dal titolo “Ciatuzzu”.

Saranno coinvolte le classi delle scuole “Centro permanente istruzione degli adulti” e l’Ites “Olivetti” incardinate all’interno dell’istituto di pena. I partecipanti, circa una ventina, coordinati dal referente scolastico Annaluce Pellegrino hanno già ricevuto in omaggio una copia del libro. L’iniziativa si svolgerà presso la sala cinema del reparto R1.

Inoltre il 23 maggio prossimo, in occasione della XXXVesima edizione del Salone internazionale del libro, è previsto l’incontro finale del progetto a Torino che vedrà riuniti tutti gli autori, i docenti e gli studenti partecipanti.

Il progetto ha come obiettivo quello di favorire uno scambio reale tra autori e studenti. Un incontro tra diverse esperienze e sensibilità, passioni e interessi. Agli autori non viene dato alcun vincolo tematico o di metodo e gli appuntamenti prendono forma a partire dal dialogo. Non si tratta, quindi, di lezioni frontali o di presentazioni editoriali: il tema centrale è la lettura (poesia, narrativa, saggistica, fumetto o albo illustrato) inteso come piacere, strumento di crescita di sé e del mondo.

Anche quest’anno l’iniziativa di “Adotta uno scrittore” avrà uno spazio sul Bookblog, la piattaforma digitale del Salone del libro, curata dagli studenti per raccontare attraverso articoli, interviste, reportage le iniziative del Salone del Libro nel corso di tutto l’anno. Autori, studenti e docenti costruiranno insieme un racconto partecipato di “Adotta uno scrittore”, rendendo i contenuti fruibili liberamente. Un’apertura alla condivisione e al dialogo tra autori e lettori, nonché un passo avanti per raggiungere un pubblico più vasto.

Il progetto didattico e culturale nelle scuole ideato e organizzato dal Salone internazionale del Libro di Torino è sostenuto dalla Consulta delle Fondazioni di origine bancaria del Piemonte e della Liguria, in collaborazione con la Fondazione con il Sud.

L'autrice Catena Fiorello

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Adotta uno scrittore” nell’istituto di Borgo San Nicola: due giorni con l’autrice Catena Fiorello

LeccePrima è in caricamento