menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
In foto: il sindaco Salvatore Albano

In foto: il sindaco Salvatore Albano

Albano in pressing sulla Regione per la rete fognaria: "Basta aspettare"

L'amministrazione di Porto Cesareo ha completato l'iter per l'attivazione. Manca, però, l'autorizzazione del governo di via Capruzzi. Il sindaco sollecita Emiliano

PORTO CESAREO - “La Regione Puglia deve autorizzare lo scarico dell'impianto di depurazione nella rete fognaria di Nardò”: il sindaco Salvatore Albano ha scritto al governatore Michele Emiliano chiedendo il suo intervento su una questione ritenuta ormai “indifferibile”.

Dal punto di vista burocratico, infatti, l'amministrazione cittadina ha completato l'iter necessario ad attivare la rete fognaria. Manca però un passaggio cruciale: ovvero l'autorizzazione del governo di via Capruzzi per lo scarico dei reflui, trattati dal depuratore di Porto Cesareo, nella rete fognaria di Nardò.

Il primo cittadino fa appello a quanto stabilito nel protocollo d'intesa tra le parti e spiega che “il completamento della rete e l'entrata in funzione dell'impianto consentono il superamento di ogni rischio in termini di salute ambientale”.

I problemi si concentrano nel secondo lotto del progetto per l'estendere la rete idrica e fognaria in località La Strega e il Poggio: i pareri di competenza sono in via di acquisizione e il lotto dovrebbe essere appaltato il prossimo anno.

Il terzo lotto, che comprende lo scalo di Furno e Punta Prosciutto, passando per Torre Lapillo, è stato già finanziato per 16 milioni di euro. 

"Nella riunione di febbraio – scrive Albano - il dirigente di sezione, Andrea Zotti assunse l'impegno di convocare un tavolo tecnico per verificare la possibilità di autorizzare lo scarico dell'impianto. In mancanza di qualsiasi tipo di comunicazione, il 7 maggio ho inviato un lettera al presidente della Regione Emiliano e all'assessore ai Lavori pubblici, Giovanni Giannini per sollecitare, visto l'imminente arrivo della stagione estiva, la convocazione del tavolo tecnico”.

Il sindaco lamenta di non aver ricevuto, ad oggi, nessuna risposta: “Attivare la rete fognaria a Porto Cesareo sarebbe stata una grande vittoria per il paese, il turismo ed il commercio. Ma, nonostante gli sforzi fatti, l'infrazione comunitaria, la salute del nostro mare, delle nostre spiagge e del sottosuolo, la Regione sta pensando ad altro”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento