Domenica, 13 Giugno 2021
Attualità

Alessano vince lotta al randagismo: canile svuotato con adozioni e cucce per gatti

Il piano varato in sinergia tra Comune, polizia locale e guardie zoofile ha portato i suoi frutti per arginare le problematiche dei randagi. Attivi anche ufficio diritti e il pronto soccorso animali

ALESSANO - La battaglia e la problematica non è certo debellata del tutto, ma le buone pratiche portate avanti, ormai fin dal 2015, hanno consentito al Comune di Alessano di fregiarsi del titolo di ente virtuoso nella lotta al randagismo. Con notevoli ripercussioni sul piano economico e del benessere degli stessi animali vaganti. L’implementazione del programma delle adozioni ha raggiunto livelli eccellenti sotto l’egida delle ultime amministrazioni comunali rette da Osvaldo Stendardo (sino al 2016 con assessore all’Ambiente, Paolo Marasco) e dall’attuale sindaco Francesca Torsello.

Il canile consortile, denominato “In Bocca Al Lupo”, presente sul territorio di Alessano e gestito dall’associazione “Noi Come Loro”, ospita tutti i cani oggetto di rinvenimento (e successivo ricovero) nei territori dei comuni dell’Unione Terra di Leuca. E vanta oggi un altissimo tasso di adozioni pari quasi al 100 per cento degli ingressi. Nello scorso anno, ad esempio, i cani ricoverati nel rifugio comunale sono stati 121 e ben 118 sono poi “usciti” dal canile grazie a 102 adozioni e a 16 restituzioni.

Un risultato frutto del lavoro sinergico tra il comando della polizia locale, le guardie zoofile agriambiente Lecce, l’ufficio Uda (ufficio dei diritti per gli animali), il servizio veterinario della Asl e le associazioni animaliste presenti sul territorio (Zampa Libera, AnimAnimale, Enpa) che ha portato a ridurre al minimo la presenza dei cani ricoverati nel canile. Dagli oltre 50 accuditi qualche anno addietro (con una spesa complessiva annua per le casse comunali di oltre 60mila euro) agli attuali tre amici a quattro zampe, senza contare anche tutte le adozioni di cani  effettuate senza accessi nel canile, attraverso il metodo degli affidi temporanei a privati cittadini.

Il Comune di Alessano ha istituito inoltre, ancor prima dell’entrata in vigore della legge regionale in materia sulla presenza di un referente comunale al randagismo, un ufficio diritti animali (Uda), aperto al pubblico il martedì ed il giovedì, gestito a costo zero, da Pierre Luigi Trovatello, quest’ultimo attivo anche nel ruolo di guardia zoofila agriambiente di Lecce.

Dal 2015 viene anche garantito, con regolarità, un servizio di pronto soccorso per gli animali feriti o ammalati, con conseguente trasferimento presso l’ambulatorio medico veterinario di Alessano, in cui vengono garantite le cure necessarie, sotto il controllo del comando della polizia locale, guidato dalla comandante Anna Grazia Bello, con il quale l’ufficio Uda e le guardie zoofile di stringono un efficiente rapporto di collaborazione.

“Alla fine possiamo dirci soddisfatti dei risultati ottenuti fino ad oggi” afferma il referente Uda e guardia zoofila, Pierre Luigi Trovatello, “ferma restando la convinzione che non bisogna allentare la presa, ma continuare ad esercitare sia azioni preventive, che repressive, quando necessario, con il solo fine di garantire la salute e l’igiene pubblica, la salute, la tutela ed il benessere degli animali ed infine portare economia nelle casse comunali, particolarmente sofferenti negli ultimi anni”.

Il piano operativo elaborato in questi anni ha portato ad avviare anche una campagna di censimento canino e felino porta a porta, con l’obiettivo del pieno rispetto delle norme in vigore, le quali pongono l’obbligo da parte di chi possiede cani e (e dal 2020 questo vale anche per i gatti) di registrarli nell’anagrafe canina della Regione Puglia.

Si sono inoltre intensificati i controlli da parte della polizia locale e delle guardie zoofile finalizzati a far rispettare le leggi in materia nonché il regolamento comunale, al fine di verificare che chiunque detenga o conduca animali, lo faccia nel rispetto delle norme vigenti garantendone la tutela, il benessere e la salute.

Sul territorio comunale di Alessano sono state, inoltre, dislocate delle cucce, al fine di garantire  riparo ai cani e ai gatti, liberi sul territorio, e sono state censite e riconosciute diverse colonie feline, con apposizione dell’idonea segnaletica e la nomina dei relativi curatori. A dare impulso al piano di lotta al randagismo e di tutela del benessere degli animali contribuiscono l’impegno profuso dagli uffici competenti e dalla comandante della polizia locale Anna Grazia Bello, del maresciallo Anna Peluso, così come quello dell’assessore all’Ambiente, Monica Torsello.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alessano vince lotta al randagismo: canile svuotato con adozioni e cucce per gatti

LeccePrima è in caricamento