Sabato, 13 Luglio 2024
Nella marina di Otranto / Otranto

Concentrazione di alga tossica nelle acque di Badisco, scatta divieto di balneazione

Il sindaco di Otranto ha pubblicato la specifica ordinanza dopo una lettera dell’Arpa che ha rilevato una presenza tale da mettere a rischio la sicurezza dei bagnanti. Multe fino a 500 euro ai trasgressori

PORTO BADISCO (Otranto) – Una nuova concentrazione dell’Ostreopsis ovata, un’alga tossica, nelle acque di Porto Badisco, ha portato come accaduto anche nelle stagioni scorse l’amministrazione comunale di Otranto a predisporre il divieto di balneazione nella baia del litorale adriatico, nella zona del cosiddetto Scalo di Enea.

Il sindaco Francesco Bruni ha emesso l’ordinanza, nella giornata di ieri, dopo aver preso visione della nota inviata dall’Arpa Puglia Dap di Lecce del 3 luglio, che ha rilevato una presenza superiore ai 30mila cell/L dell’alga tossica che evidenzia la non idoneità delle acque alla balneazione.

Valutata, dunque, la necessità di interdire la balneazione in località Porto Badisco-Scalo di Enea per la pubblica incolumità dei bagnanti, il primo cittadino ha promulgato l’ordinanza, inviata anche per conoscenza alla Prefettura di Lecce nonché alle forze dell’ordine territoriali, al comando di polizia locale, all’Arpa Puglia Dap Lecce e alla Asl.

I trasgressori del provvedimento andranno incontro a multe fino a 500 euro.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concentrazione di alga tossica nelle acque di Badisco, scatta divieto di balneazione
LeccePrima è in caricamento