menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Siamo negozionisti, sosteniamo i negozi di vicinato”, l’appello di un imprenditore

Renato Manni di Racale ci riprova con uno dei suoi cartelli a far ripartire l’economia locale. “A Natale compriamo in prossimità e torniamo alla cordialità e cortesia”

RACALE- “Lo confesso sono un negozionista” è scritto a caratteri cubitali su un cartellone esposto nel suo negozio, a Racale: il commerciante Renato Manni, che già dopo il primo lockdown applicò fuori dal suo negozio un grande cartello verde invitando la cittadinanza a effettuare gli acquisti presso i piccoli commercianti di vicinato e di quartiere, ci riprova. Ora è tornato alla carica, più creativo e forte che mai.

L’imprenditore salentino, ha attivato un gruppo Facebook per allargare in tutta Italia il suo appello, ha costantemente pubblicato post e messaggi a favore dello shopping in prossimità e, soprattutto, ha coniato il termine “Negozionisti” (parafrasando i “negazionisti” del Covid-19), per rappresentare tutte quelle persone che ritengono sia importante non far morire i tantissimi negozi di vicinato e le botteghe artigiane, vera ricchezza della cultura e del tessuto economico del Paese.

renato-2

Il cartello che tanto interesse e attenzione ha sollevato in primavera riportava la dicitura “Non importa se si chiama Danilo, Sara, Marco o Sofia, l’importante è sceglierlo vicino a te. Preferire un negoziante di vicinato é come dare un abbraccio a un fratello o a una sorella”. L’imprenditore salentino gestisce un negozio di articoli elettrici e ricambi per elettrodomestici in via Gallipoli, avviato dalla madre, Teresa Simeone, oltre 40 anni fa.

“Questo Natale cerchiamo di fare gli acquisti nei negozi sotto casa, scegliamo anche le botteghe di tanti bravissimi artigiani che vivono e fanno vivere le loro famiglie grazie proprio alle vendite. La mia azione e il mio appello - racconta Manni - non vogliono essere un invito a boicottare le grandi catene multinazionali o gli acquisti online (io stesso gestisco due siti e-Commerce), ma solo a dedicare parte degli acquisti anche ai piccoli commercianti, mai come ora così penalizzati. Magari su dieci acquisti, facciamone la metà nel paese di residenza o nei paesi limitrofi, torniamo al calore umano, alla cortesia e alla cordialità degli acquisti in presenza. Questo - conclude - potrebbe aiutare molto e significherebbe aiutare un ‘fratello’ o una ‘sorella’”.

Collegamenti utili:

Gruppo FB dei “Negozionisti”: www.facebook.com/groups/negozio.di.vicinato

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento